LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - I tagli del governo - Marotta: appello all´Europa: "Stanno cancellando gli organismi culturali e di ricerca"
OTTAVIO LUCARELLI
MARTEDÌ, 15 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA - Napoli



Affollato dibatitto al Maschio Angioino. Il presidente degli Studi Filosofici: "Ne parlerò al capo dello Stato Napolitano"


«LANCIAMO un appello ai governi di tutta Europa, noi e l´Istituto Croce, perché stanno cancellando gli istituti culturali e di ricerca di Napoli e ormai il Sud è solo un´espressione geografica». Gerardo Marotta, presidente dell´Istituto italiano per gli studi filosofici di Monte di Dio, lancia l´Sos dal Maschio Angioino dove per oltre tre ore politici e intellettuali si confrontano nella Cappella Palatina sul taglio del 50 per cento dei fondi alla cultura deciso dal governo. Un´assemblea dal tema "Napoli per la salvezza della cultura e della ricerca" coordinata dal professore Luigi Mascilli Migliorini.
«Il nostro - accusa Marotta - è un Istituto che fa scuola a Londra, Vienna, Heidelberg, Parigi e Pechino. Un istituto che ha avuto riconoscimenti internazionali con medaglie da Accademie russe e tedesche. Siamo stimati nel mondo, solo in Italia non ci considerano. Il problema non è nella riduzione del 50 per cento dei fondi. La questione è ben più grave perché dal primo gennaio 2010 non abbiamo più un solo euro di finanziamento e abbiamo crediti arretrati che risalgono al 2004. Il 31 dicembre del 2009 è scaduto infatti un emendamento contenuto nella legge Finanziaria del 2005 sui fondi agli istituti di cultura».
Gerardo Marotta lancia un nuovo appello al Capo dello Stato: «Parlerò con Giorgio Napolitano, deve aiutarci per ottenere una proroga dell´emendamento. L´Istituto è senza un euro e, con il consenso dei miei figli, ho venduto un altro bene di famiglia, un attico a Roma. Il ministro per i Beni culturali Sandro Bondi venga a trovarci, così avrà un´idea delle nostre attività. Il governo ignora la forza che ha questo Istituto nel mondo».
Appello raccolto e rilanciato dal sindaco Rosa Russo Iervolino: «La cultura non è un optional. La cultura da noi è un presidio contro l´illegalità, è una fonte di sviluppo. Tagliare i fondi, dunque, vuol dire tagliare la linfa vitale della città. Sono d´accordo sulla necessità di alcuni tagli, ma non si può considerare l´alta cultura come l´istituto per la tutela del pesce. A me le alici piacciono, ma nell´elenco del governo ci sono cose da ridere. L´errore è stato nel far comporre quella lista al ministero del Tesoro. Se vogliamo progredire, cultura e ricerca scientifica sono essenziali».
In difesa dell´Istituto per gli studi filosofici e della Stazione zoologica "Anton Dohrn" è intervenuto al Maschio Angioino, unico esponente del centrodestra, anche il senatore Raffaele Calabrò: «L´Istituto presieduto da Gerardo Marotta non può finire in serie B. Esistono eccellenze nel campo della cultura che vanno salvaguardate. L´errore è stato, forse, pensare a tagli fatti con l´accetta, senza valutazioni. Errore recuperato in parte affidando i tagli ai ministri competenti Bondi e Gelmini. La chiave di volta ora è recuperare fondi per investire sulle eccellenze, ma anche la finanza privata deve capire l´importanza e il ritorno economico che possono derivare dall´investire in cultura e beni culturali».
Un´assemblea civica, durata oltre tre ore, a cui hanno partecipato tra gi altri i parlamentari Alfonso Andria, Graziella Pagano e Annamaria Carloni, il consigliere regionale Antonio Marciano, il presidente dell´associazione dei Comuni campani Nino Daniele, gli assessori comunali Diego Guida e Nicola Oddati, l´editore Mario Guida, i professori Guido D´Agostino, Franco Barbagallo e Raffaele Porta, Guido Donatone di Italia Nostra e Roberto Di Lauro, presidente della Stazione zoologica "Anton Dohrn".
Un dibattito ricco di denunce, mentre nella fase propositiva si è imposto Silvio Perrella, presidente del Premio Napoli: «Il punto vero è interrogarsi. Siamo davvero sicuri che rappresentiamo correttamente il Sud così come è oggi? Io dico basta con le leggende, non è vero che il mare non bagna Napoli. Bisogna ripartire dai dati di oggi, da cosa produciamo perché oggi il Mezzogiorno fa cultura ma non la trasforma in prodotto. Dunque la risposta c´è. L´egemonia culturale del Nord è sotto gli occhi di tutti mentre noi continuiamo a rappresentare il Sud come era anni fa. Siamo in grave ritardo».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news