LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grattacieli a Roma: lettera ad Alemanno
Corriere della Sera - Cronaca di Roma, 12-6-2010

Caro Sindaco,
Ho sempre considerato salubre per la crescita di Roma un dibattito culturale sullo sviluppo urbano e sulle idee-progetto per la città. Ma non si sa com’è che ciclicamente si riaffaccia su Roma lo spettro di vederla inutilmente abbigliata di grattacieli. A reiterate ondate si propone per lo skyline dell’Urbe un’ammagliatura verticale e periferica come soluzione densificatoria alla crescente espansione di suolo.
Il tema della Forma Urbis nasce con Roma è dunque un tema che merita profondo rispetto e che si lega anche all’immagine simbolica della città.
Si invoca il superamento di un tabù, di un’idea conservativa versus una innovativa. E’ dunque davvero più moderno, ergo innovativo, pensare il tessuto periurbano della città con un abbraccio di grattacieli?
Rompendo lo sviluppo orizzontale di Roma si rompe la sua unicità, il suo porsi come “altra“ rispetto alle immagini delle diverse capitali. Perché la globalizzazione-omologazione dei tessuti culturali identitari è un insidia sempre in agguato e da rifuggire. La grande innovazione oggi sta semmai nel garantire l’unicità nel cambiamento e, porla sia come valore in se che come valore di prospettiva: il che non significa musealizzare e ossificare la crescita urbana ma piuttosto farla rispondere ad un criterio simbolico-qualitativo coerente!
Già l’allora sindaco Argan in un’intervista memorabile su Roma mi pare cogliesse il nodo della questione, anzi della vexata–quaestio, l’antica dicotomia tra passato e futuro che tuttavia non può essere sciolta banalizzandola o riconducendola meramente ad una visione tra conservazione e innovazione, tra fautori dell’una o piuttosto dell’altra. “Pensare scientificamente il passato – dichiarava Argan- significa pensarlo modernamente: se lo si pensa modernamente non può sorgere contraddizione con il pensiero moderno della città”. Il nodo sta tutto qua, in una visione moderna del passato e in una modernità conciliata.
Allora caro Sindaco il tema qual è ?
Il tema non è tra innovatori e conservatori ma piuttosto: qual è il volto di Roma ?
Roma è storicamente una città orizzontale e imbrigliarla in un tessuto verticale sarebbe un’asfissiante follia che romperebbe quell’antico equilibrio simbolico-sintattico su cui si è fondata nei secoli.
I cantieri di Zara Hadid, di Piano, di Fuksas, sono oggi le nuove Mirabiliae Urbis Romae e un impegno di cambiamento va perseguito certamente in questa direzione.
Il recupero delle periferie viceversa credo vada piuttosto individuato nella qualificazione dei suoi servizi, nella dotazione di spazi verdi, nella qualità delle sue architetture, e nella ibridazione culturale e sociale delle funzioni dei suoi spazi.

Ivana Della Portella
(storica dell’arte e resp. Cultura segreteria PD Lazio)



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news