LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO. Soprintendenza, no a Legambiente. Bocciate le due pale eoliche a Rispescia: «Hanno troppo impatto»
ELISABETTA GIORGI
GIOVEDÌ, 17 GIUGNO 2010 il tirreno - Grosseto



Il progettista è il sindaco di Scansano Morini: «Ci siamo adeguati, ma non siamo d’accordo» Gentili: «Ci deve essere un futuro per le fonti rinnovabili»



Ambientalisti stoppati dalla Soprintendenza: niente minieolico nella sede di Legambiente. Le pale del vento sarebbero troppo impattanti in una zona dai vincoli paesistici; e poco importa se quel no cade in un luogo simbolo: il “Centro di sviluppo sostenibile Il Girasole” di Rispescia, che proprio l’eolico sta promuovendo come nuova opportunità e frontiera dello sviluppo energetico. La storia è curiosa per vari motivi. E non solo per l’insospettabile “respinto”, ma anche perché siamo in un immobile pubblico, di proprietà della Regione e gestito dal Comune di Grosseto (Legambiente ha una convenzione). In pratica: mentre dalla Regione e dal Comune arrivano messaggi per promuovere le rinnovabili, negli immobili di Comune e Regione le rinnovabili sono stoppate. La storia si colora ancor di più perché il progettista che si è sentito dire “no” è Marzio Flavio Morini, che di contenziosi sull’eolico - nel comune di Scansano dov’è sindaco - ne sa abbastanza. Sul parco eolico di Poggi Alti (sorto a poca distanza dal castello di Montepò) è esplosa una vera e propria guerra imbastita, a suon di ricorsi al Tar, dall’imprenditore del vino Biondi Santi. A Rispescia le dimensioni sono certo ridotte: si parla di minieolico, due pale da 18 metri l’una di fronte a immobili di non particolare pregio, ma la contestazione ha sempre a che vedere con l’impatto ambientale. Per conto di Legambiente Morini, come libero professionista, ha presentato un progetto di ristrutturazione da 2 milioni e 300mila euro (in parte finanziati dalla Fondazione Mps e in parte dalla sede nazionale). Tra coibentazioni, tinteggiature, impianti termici e altro, il progetto comprendeva anche le due pale di eolico che avrebbero potuto trovar posto nel “percorso natura” di fronte ai fabbricati. Il Comune di Grosseto ha approvato il tutto ma la Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio per Siena e Grosseto l’ha bocciato senza appello. «L’unico neo che non siamo riusciti a realizzare è proprio questo: le pale - dice lui - Ci è è stato sconsigliato di metterle perché, da parte della Soprintendenza, c’è questa visione di salvaguardia del paesaggio, che fa sì che il paesaggio stesso non sia ben visto come fonte di produzione di energia rinnovabile. Rispetto il ruolo delle Soprintendenze e capisco che il nostro paesaggio sia la cosa più preziosa che abbiamo, ma non credo che salvaguardare il paesaggio significhi non montare pale di minieolico alte poche decine di metri. Comunque ci siamo adeguati, anche se non siamo molto d’accordo. Le pompe Vivarelli sono state inventate in Maremma e noi le abbiamo portate nel mondo; pensavamo di avere una tradizione su questo tipo di energia. Riproveremo in futuro». Un boccone tanto più amaro per Angelo Gentili (segreteria Legambiente): «Pensiamo che la Soprintendenza abbia un grande ruolo, debba esercitarlo e che i vincoli paesistici e storici vadano rispettati. Ma pensiamo anche che ci debba essere un futuro per le rinnovabili, e che due pale di minieolico non rappresentino un rischio dal punto di vista paesaggistico-ambientale o estetico. Soprattutto sono strumenti che si mettono, producono energia rinnovabile e dopo 20 anni possono essere levati senza alterazioni all’ambiente». Accanto a Morini e Gentili c’era l’assessore ai lavori pubblici Maurizio Frosolini, che ha citato l’impegno del Comune sul fronte delle rinnovabili; lo stesso Comune che in più occasioni si è trovato a fare i conti con le Soprintendenze. E’ recente la bocciatura di un progetto che prevedeva una caffetteria sul bastione Maiano, e che ha visto la totale chiusura da parte della Soprintendenza.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news