LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Tutino lascia il Comunale tre mesi per trovare il sostituto
FRANCESCA PARISINI
GIOVEDÌ, 17 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA Bologna



Il Commissario: "Volevo restasse, è bravo"

I sindacati esultano: "La sua gestione è stata solo un fallimento"

Nel giorno in cui presenta la prossima stagione sinfonica il sovrintendente del Comunale Marco Tutino annuncia che a settembre, a fine mandato, saluterà il teatro. Così, quella che fino a ieri era una "indisponibilità" a continuare, ora è diventato un no vero e proprio. Espresso prima con chiarezza al commissario Anna Maria Cancellieri, che gli aveva chiesto una sua eventuale disponibilità al secondo mandato, poi fatto intendere altrettanto chiaramente a margine della conferenza stampa. «Non ho in animo di continuare», ha annunciato Tutino, spiegando che la sua è una decisione dettata «da motivi personali e non dai fatti di cronaca», ovvero la lunga conflittualità sindacale che ha caratterizzato il suo mandato.
«Gli avevo chiesto di rimanere e lui mi ha risposto di no», conferma al telefono il commissario Cancellieri. «Tutino ha fatto un lavoro pregevole - aggiunge - ha amministrato con oculatezza». Ora, però, c´è da gestire il "dopo" e il tempo non è tantissimo, dal momento che l´attuale Cda del Comunale scade a settembre (e così il sovrintendente). «Cominceremo a lavorarci su - assicura il commissario, che poi aggiunge - per le nomine del Comunale si procederà come per gli altri enti». Cancellieri lascia intendere che una soluzione ponte, che arrivi solo alla nomina del nuovo sindaco e non per i prossimi quattro anni, non è la strada maestra. Anche se non tutti al ministero la pensano allo stesso modo, secondo il parere di alcuni.
Tutino lascia, incassando però apprezzamenti per quel piano aziendale che ha richiesto lacrime e sangue, ma soprattutto ha acceso una conflittualità interna mai vista prima. «Penso di avere fatto un lavoro importante - ribadisce il sovrintendente in uscita - che dovrà essere condiviso da chi arriverà dopo; non ci sono altre possibilità. Quello del Comunale è un problema di assunzione di responsabilità da parte di tutta la città, istituzioni e privati». L´anno prossimo, ricorda ancora, «ci sono previsioni di un calo del Fus che a Bologna dovrebbe passare dai 13,5 milioni di quest´anno a 9 milioni di euro».
Il 29 di questo mese si terrà poi il Cda del Comunale per l´approvazione del bilancio. «Abbiamo fatto un lavoro che ha dato risultati unici nel panorama delle fondazioni liriche italiane - rivendica Tutino - certo, il prezzo di scontri sindacali e incomprensioni è stato alto. Tutto ciò sarebbe stato meglio governato se non avesse coinciso con il periodo più confuso nella storia del governo della città. Le vicende istituzionali dei mesi scorsi hanno pesato molto anche su di noi».
Tra i sindacati, invece, c´è chi plaude all´uscita di scena di Tutino e chi, più moderato, semplicemente invoca un cambio di rotta. «La sua gestione è stata fallimentare su tutta la linea - dichiara per esempio Enrico Baldotto della Fials - sia dal punto di vista delle relazioni e del dialogo, che dal punto di vista artistico». «Pensiamo al futuro del teatro e speriamo che il prossimo abbia più competenza gestionale» è invece il giudizio di Giuseppe Rossi della Uil. Per Beppe Fiorelli della Cgil, infine, tutto «dipende da come sarà il sovrintendente che arriva dopo di lui. Al di là delle persone, c´è da capire che indirizzo si vuole dare al teatro, che progetto e piano industriale ci sono, e cosa accade coi tagli del Fus».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news