LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Buona fede e controlli ex post la Costituzione cambierà così
LUISA GRION
La Repubblica, 18-06-10, pagina 3 sezione ECONOMIA




ROMA - Il messaggio è "andate e fate", ai controlli ci pensiamo dopo, con calma. Chi decide di metter su un' impresa è «in buona fede» e fa le cose per bene, perché soffocare la sua iniziativa, ancor prima che parta, sotto una montagna di autorizzazioni e carte? E' questa la domanda che, nelle ultime settimane, il premier Berlusconi rivolgeva, fra gli applausi, alle platee di piccole e grandi imprese. E la risposta che si dava era sempre la stessa: la Costituzione è «datata», soffre di una impostazione «cattocomunista», è sospettosa nei confronti di chiunque voglia darsi da fare. La cambieremo, aveva promesso. Oggi si parte: le due modifiche all' articolo 41 e 118 di cui si parlerà stamattina al Consiglio dei ministri poggiano sul presupposto che - come si legge nel comma che sarà aggiunto all' articolo 41 - l' imprenditore sia responsabile di quello che fa. Quindi bisogna lasciarlo partire, e solo dopo controllare se le iniziative che sono state messe in atto abbiano o meno rispettato la normativa. Il principio, dice il governo, rovescia lo status quo. Lo Stato si fida, non ostacola, poi passa a dare un' occhiata. Secondo i testi, avanza l' era dell' autocertificazione, della segnalazione di inizio attività e dell' ex post. Stop a passaggi infiniti e alle carte bollate per ottenere le autorizzazioni: la parola, fatti salvi i casi «strettamente necessari» è eliminata. Per aprire una pizzeria o una fabbrichetta l' imprenditore passerà allo «sportello unico», autocertificherà il rispetto delle leggi e l' inizio attività e tirerà su la saracinesca. Stato, Regioni ed enti locali passeranno dopo a controllare. La burocrazia leggera, o quasi inesistente, sarà estesa «a tutte le ipotesi cui si può applicare»; le restrizioni del «diritto all' iniziativa economica» saranno limitate allo «stretto necessario». Ovvero, non varranno nei casi in cui vi sia una competenza della legge penale o dove si debba far riferimento a normative comunitarie e internazionali. Stato, Regioni ed enti locali, sono dunque invitate dal nuovo comma stavolta dell' articolo 118 a fidarsi, fino al non meglio precisato limite del «ragionevolmente applicabile». La legge costituzionale che accompagna tali modifiche prevede che la libertà possa estendersi anche alla materia urbanistica: entro sei mesi Regioni, Comuni, Province e Stato dovranno «adeguare le proprie normative in modo che le restrizioni del diritto di iniziativa economica siano limitate allo stretto necessario per salvaguardare altri valori costituzionali». Entro tre mesi dall' entrata in vigore della legge gli enti dovranno poi «rendere pubblico l' elenco dei casi» per i quali tali semplificazioni non potranno essere accettate. Se non lo faranno, all' imprenditore che sbaglia sarà riconosciuta la buona fede. Usando linguaggi e riferimenti cari al ministro Tremonti, si citano Hobbes e Sant' Agostino, si parla «di regole che possono essere sbagliate perché sono troppe». Ma «il nodo di Gordio - si legge - non si scioglie, si taglia con un colpo di spada» e il monte «di regole che soffoca l' economia» come «un lupo va ingabbiato». Il pregiudizio che «privato sia immorale» va superato.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news