LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Federalismo demaniale, il bluff - Il Comune acquisisce immobili, ma da Roma tagliano fondi
GIANNI PARRINI
20 giugno 2010, il Tirreno


L’assessore Serfogli: con una mano lo Stato dà, con l’altra toglie


PISA. Una falsa gallina dalle uova d’oro. Il federalismo demaniale, il provvedimento che consente il trasferimento a titolo gratuito (e su richiesta) di alcuni beni dello Stato agli enti locali, in realtà nasconde dei costi (o meglio dei tagli) che potrebbero causare problemi ai Comuni e talvolta farli cadere in tentazione.
Secondo il testo, infatti, l’ente territoriale che acquisisce l’immobile si vedrà ridurre le risorse finanziarie che in via ordinaria gli sono oggi attribuite (via trasferimenti dallo Stato) nella misura pari ai mancati introiti (soprattutto canoni di locazione) sofferti dallo Stato a causa della cessione dell’immobile. Facciamo un esempio. A Pisa, la lista provvisoria dei beni trasferibili al Comune comprende anche palazzo Mosca, edificio in cui oggi sono situati alcuni uffici pubblici e per la cui disponibilità l’amministrazione comunale paga un canone di locazione agevolato allo Stato di circa 21mila euro l’anno.
«Si tratta di una cifra piuttosto bassa, perché abbiamo usufruito di una legge che prevedeva lo scorporo dei lavori fatti nell’immobile - spiega Andrea Serfogli, assessore al patrimonio - Ma dal primo giugno del 2012 dovremo tornare a pagare un canone più alto, circa 200mila euro l’anno».
Acquisendo il bene a titolo gratuito, il Comune guadagna il valore dell’edifico (5,7 milioni di euro secondo il demanio) e risparmia i circa 21 mila euro di locazione annua. Ma secondo il decreto legislativo (che due giorni fa ha ottenuto un parere favorevole anche in commissione bilancio) una cifra analoga verrà tagliata dalle risorse finanziarie che l’anno successivo saranno attribuite all’ente locale. E c’è il rischio che in un paio di anni il taglio raggiunga i 200mila euro, cifra che il Comune sarebbe stato chiamato a pagare a partire dal 2012. Gli altri beni di cui il Comune potrà richiedere il trasferimento e che già oggi utilizza in locazione, sono soprattutto terreni per i quali paga un canone molto basso: dai 180 ai 550 euro. Nel dettaglio, l’area verde delle Piagge ha un canone di 451 euro, quella di via Don Bosco di 321, il parco di via delle Trincere di 181, il lungarno Guadalongo di 396, il tratto tombato dell’ex canale dei Navicelli di 550, l’area del Bastione san Gallo di 200 euro.
Per quanto riguarda i beni inutilizzati e che non danno una redditività allo Stato, non è ancora chiaro se di fronte al loro trasferimento ci sarà (ed eventualmente come sarà calcolato) un taglio nelle risorse attribuite all’ente locale.
È il caso della vecchia polveriera di Barbaricina, in via Pierin del Vaga (valore di inventario 566mila euro).
«L’acquisizione della polveriera è un’occasione importante - spiega Serfogli -. C’è una convenienza economica, perché in quell’area potrebbero essere realizzati degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, e se l’immobile fosse già nostro non ci sarebbe bisogno di comperare altre aree per rispondere alle esigenze abitative».
I beni potranno anche essere venduti (“alienati” dice il decreto), ma l’ente dovrà sottostare ad alcune condizioni: innanzi tutto, edifici e terreni dovranno essere “valorizzati urbanisticamente”; in secondo luogo, il prezzo dovrà essere congruo rispetto alle stime fatte dall’Agenzia del demanio; infine, il 75% del ricavato dovrà essere usato per la riduzione dell’indebitamento dell’ente, mentre il 25% andrà in un fondo di ammortamento del debito pubblico dello Stato.
E proprio la possibilità di alienare i beni è uno degli elementi che crea maggiore scetticismo fra gli opinionisti contrari al provvedimento: la valorizzazione del bene è infatti direttamente correlata alla sua destinazione d’uso, che viene stabilità dal Comune.
C’è quindi il rischio che per fare cassa, gli amministratori giochino con le varianti urbanistiche e i piani regolatori per poter poi vendere il bene e fare cassa. Ci sarà modo di capirlo, dato che l’attuazione del federalismo richiederà ancora del tempo: tra circa sei mesi sarà presentata la lista completa dei beni disponibili, poi gli enti locali avranno quattro mesi per fare le loro richieste. I trasferimenti, quindi, non saranno ufficiali prima della primavera 2011.


IL PATRIMONIO DEL COMUNE

BILANCIO COMUNALE
Palazzo Gambacorti deve riscuotere multe per tre milioni di euro
Buscemi (Pdl): risanano i conti con le contravvenzioni
PISA. Dopo l’approvazione della seconda variazione di bilancio 2010, con cui il consiglio comunale ha dato il via libera alla misura di incassare le contravvenzioni mai riscosse nel periodo 1999-2006, l’opposizione presenta una interpellanza da trattare nella 4ª commissione consiliare.
«Il ricorso alle multe come strumento per riequilibrare i bilanci comunali - osserva il consigliere comunale Riccardo Buscemi (Pdl) - è una tassa indiretta, soprattutto in una città come Pisa al 12º posto della classifica nazionale per maggior tassazione pro-capite. Ma a parte questo aspetto politico - continua Buscemi - ci si è clamorosamente dimenticati che, ai sensi dell’articolo 208 del codice della strada, i proventi delle sanzioni amministrative dei Comuni hanno già una destinazione, essendo previsto che la metà di essi venga impiegata per finalità di educazione stradale nelle scuole, nel miglioramento di circolazione stradale, mobilità ciclistica, segnaletica e per la fornitura di mezzi tecnici alla polizia locale. Se metà di queste somme hanno già ex lege una destinazione, significa che dei tre milioni di multe pregresse il Comune potrà usare solo un milione e mezzo, e che dunque, molto presto, sarà necessaria una nuova variazione di bilancio per pareggiare i conti».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news