LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le facoltà che fanno trovare lavoro
ADRIANO BONAFEDE
La Repubblica,21-06-10, AFFARI FINANZA







Quali sono le migliori facoltà universitarie? E quelle che offrono maggiori possibilità di sbocchi lavorativi? Quasi tutti gli studenti dell' ultimo anno delle medie superiori e le loro famiglie si pongono questo fondamentale problema. Che non è, va detto subito, di facile soluzione. Non esiste, ad esempio alcun "rating" pubblico delle facoltà, e le uniche rilevazioni di questo tipo riguardano l' attività di ricerca. Ma i giovani non sono tanto interessati a dove si fa più ricerca bensì a dove si studia meglio e più proficuamente. Per questo tipo di giudizio bisogna ricorrere a indagini fatte dai privati. La più importante è quella realizzata da Censis Servizi insieme a Somedia per Repubblica. Ogni anno, in estate, viene pubblicata la "Grande Guida Università". La prossima edizione sarà l' undicesima, e quindi ha già un buon background, utile per migliorare la messa a punto dei parametri presi in considerazione, che vanno affinati continuamente. Intanto c' è da dire che la Guida di Repubblica prende soprattutto in esame le singole facoltà, che sono quelle che interessano. Il giudizio sugli Atenei si trova ma è limitato ai servizi che vi si trovano (ristorazione, accoglienza dei fuori sede, ecc.) e non implica un giudizio complessivo sull' Università. Giudizi invece più motivati, sulla base di quattro parametri, si trovano sulle singole facoltà. Le quali vengono giudicate secondo la "produttività", la "didattica", la "ricerca" e i "rapporti internazionali". A ciascuno di questi fattori viene attribuito un punteggio che dà luogo anche a un voto globale. Ognuno di questi parametri è distinto in vari subindici. Si tratta di fatti oggettivi che danno un quadro analitico e sintetico delle varie facoltà sparse per la penisola. Le facoltà che hanno un punteggio più alto dovrebbero quindi essere le migliori. Anche se è possibile preferire alcune facoltà con specifico riferimento a uno solo dei subindici. Facciamo un esempio: una facoltà di Economia può avere un rating complessivamente più basso di un' altra ma avere un' eccellenza nei "rapporti con l' estero", a cui alcuni studenti possono attribuire un' importanza maggiore. Stabilito quindi con un certo grado di approssimazione quali possono essere le migliori facoltà materia per materia a livello nazionale, ognuno farà i suoi conti considerando anche il "fattore vicinanza" che nella maggior parte dei casi svolge una funziona decisiva. La seconda parte della ricerca di uno studente riguarda la facilità con cui troverà o meno lavoro successivamente agli studi universitari, partendo dal presupposto che ciò dipende in grande misura proprio dalla facoltà scelta. Per questo tipo di analisi ci viene incontro la ricerca di un' altra entità, Alma Laurea, che è un consorzio fra le principali (ma non tutte) le università italiane. Alma Laurea elabora la percentuale di laureati che trova lavoro a un anno e a cinque anni dall' addottoramento. Le due statistiche sono alquanto diverse. Entro il primo anno trovano lavoro soprattutto i laureati in Medicina (81,5 per cento), Design e Arti (79,9), Ingegneria (70,6). Nella scala bassa si trovano: Conservazione dei beni culturali (37,6 per cento), Farmacia (28,6 per cento), Scienze matematiche, fisiche e naturali (40,2). A cinque anni, però, la situazione è molto più omogenea, anche se permangono alcune differenze. Si va dal 7071 per cento di occupati di Lettere e Filosofia, Conservazione dei beni culturali, Scienze matematiche, fisiche e naturali al 93 di Ingegneria, al 90 di Sociologia e Farmacia. Tutte le altre facoltà oscillano più o meno tra l' 81 e l' 89 per cento. Quindi, come si vede, molte differenza del primo anno vengono annullate. Anche se è vero che non si sa molto della "qualità" dell' impiego, nonostante AlmaLaurea tenti in alcune sue tavole di dare conto anche di questo aspetto. Come si può ben comprendere, tutte le analisi sull' occupazione ci dicono quello che è accaduto nel recente passato, ma nessuno ci può assicurare che il futuro abbia le stesse caratteristiche. «Nessuno è in grado di prefigurare le condizioni del mercato nel prossimo futuro - dice il direttore di Alma Laurea, Andrea Cammelli - Quindi rimane importante scegliere il percorso di studio in base alle proprie propensioni, investendoci con passione tutta la propria capacità, senza tentennamenti, per "imparare ad apprendere": funzione essenziale vista la sempre più rapida obsolescenza delle conoscenze. Le statistiche occupazionali servono per leggere le tendenze attuali: certo la crisi ha fatto lievitare disoccupazione e scoraggiamento tanto più consistenti nel Mezzogiorno e fra le donne, e ha colpito soprattutto i più giovani».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news