LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi Opere, i pm mettono nel mirino Propaganda Fide
di Antonio Massari
“Il Fatto Quotidiano”, 20 giu. 2010

CONCORSO IN CORRUZIONE: INDAGATI LUNARDI E IL CARDINALE SEPE




La Procura di Perugia ora punta dritta al Vaticano. Il cardinale Crescenzio Sepe – arcivescovo di Napoli e soprattutto ex prefetto dell'ente Propaganda Fide – è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di concorso in corruzione continuata e aggravata. Stessa ipotesi di reato anche per l'ex ministro Pietro Lunardi ed entrambe le ipotesi di reato ruotano intorno ai legami con Propaganda Fide, l'ente vaticano che gestisce un patrimonio immobiliare di circa 2 mila appartamenti e 9 miliardi di euro. Ma è il progetto Arcus – società a capitale interamente pubblica, tenuta a battesimo, nel 2004, proprio da Lunardi, oltre che dall'ex ministro Giulio Urbani – a interessare gli inquirenti.

La società Arcus si occupa di gestire soldi pubblici per opere che riguardano anche interventi su chiese e musei. Ed è proprio quest'ultimo aspetto a insospettire i pm, che ragionano sulla sua data di nascita e su una serie di episodi avvenuti nel 2004. È nel 2004 infatti che la Immobiliare San Marco, della famiglia Lunardi, acquista il palazzetto in via dei Prefetti. E l'acquista da Propaganda Fide: 3 milioni di euro. Seicentomila in contanti, il resto con un mutuo. Pochi giorni fa, in un'intervista a Repubblica, l'ex ministro però aggiunge un dettaglio: spiega di avervi abitato, per ben 14 mesi, prima di acquistarlo, senza pagare l'affitto e di averla trovata grazie ad Angelo Balducci, l'ex presidente del consiglio dei Lavori pubblici indagato per corruzione: “Balducci – dice Lunardi nell'intervista, acquisita dai pm agli atti dell'inchiesta – mi porta l'elenco delle duemila case e io scelgo via dei Prefetti, in verità entro e chiedo di acquistare l'appartamento. Il cardinale Sepe prende tempo e mi concede di restare. Mi darà la risposta 14 mesi dopo e nel frattempo mi hanno fatto la cortesia di ospitarmi gratis”.

Perché questo trattamento di favore? Perché un prezzo d'acquisto pari alla metà del valore di mercato? È su questo che i pm stanno indagando. Anche perché, il legame tra la Arcus e gli appartamenti di Propaganda Fide vede comparire un altro personaggio illustre: Ercole Incalza – importante manager delle infrastrutture, che non risulta indagato – al quale l'architetto Zampolini dichiara, dinanzi ai pm, di aver pagato, con assegni per mezzo milione di euro, e sempre per conto di Anemone, un altro appartamento: quello del genero. Siamo sempre nel 2004 e all'epoca, Ercole Incalza, compare nel consiglio di amministrazione della Arcus. Le date sono ulteriormente significative se consideriamo che, sempre nel 2004, Angelo Balducci, proprio grazie a Lunardi, assumerà la carica di presidente del consiglio dei Lavori pubblici. Quella carica che consentirà poi, a Diego Anemone, sempre secondo le ipotesi dell'accusa, di scalare l'affare dei grandi appalti fino a quelli gestiti dalla Protezione civile. I soggetti della “cricca” che ruotano intorno a Lunardi non si fermano qui.

Uno dei principali testimoni – Hidri Ben Laid Fathi, autista di Angelo Balducci – parla di lui durante un interrogatorio: “Ho conosciuto la figlia di Lunardi. In due occasioni ho viaggiato da Roma a Milano per portarle delle buste che le ho consegnato direttamente in aeroporto. In una di quelle occasioni, Anemone mi disse di fare attenzione, dentro la busta c’era un assegno. Ho portato a Lunardi anche alcuni progetti, mi pare di ricordare, predisposti dalla società Medea”.

E secondo Fathi, la Medea è società che – di fatto – sarebbe riconducibile proprio alla coppia Balducci-Anemone. Parliamo della stessa Medea che, con il ministero delle Infrastrutture retto da Lunardi, chiude più di un affare. Il nome del cardinale Sepe, però, compare nelle indagini anche per un altro motivo. È proprio Guido Bertolaso, nel suo interrogatorio, quello di martedì scorso, a fare il nome del cardinale. E lo cita, anche in questo caso, per giustificare la propria posizione in merito all'appartamento di via Giulia, dove avrebbe abitato per alcuni mesi. L'architetto Zampolini sostiene di averne pagato l'affitto, anche in questo caso, per conto di Anemone. Ma Bertolaso, dinanzi ai pm, fornisce una versione diversa: “L'appartamento di via Giulia? L'ho trovato grazie all'amico Francesco Silvano, dal quale fui indirizzato dal cardinale Sepe”, dice il capo della Protezione civile ai pm Sergio Sottani e Alessia Tavarnesi, confermando di non avere mai pagato l'affitto perché gli “era stato messo a disposizione”.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news