LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Litigi e ritardi, l'Expo di Milano rischia il flop
MICHELE BRAMBILLA
23/6/2010 LA STAMPA



Il sindaco Moratti con Stanca, amministratore delegato di Expo 2015



È abbastanza clamoroso quel che sta accadendo a Milano per l’Expo 2015. Ciò che doveva essere una formidabile occasione per la città finora è stato un susseguirsi di passi falsi, l’ultimo dei quali dovrebbe essere certificato domani con le dimissioni di Lucio Stanca da ad della società che gestisce l’evento.

Tutto appare fermo, al palo. Vediamo di spiegare in parole semplici, e comprensibili anche ai non addetti ai lavori, perché Milano sta paradossalmente rovinandosi la sua immagine di capitale dell’efficienza. L’Expo, la grande esposizione universale nata alla fine dell’Ottocento e simbolo stesso della modernità (celeberrime quelle di Parigi del 1889 - quando fu costruita la Torre Eiffel - e quella del 1900, che superò i 50 milioni di visitatori e che vide l’inaugurazione della metropolitana) nella primavera del 2008 è stata assegnata a Milano. Un grande successo per il sindaco Letizia Moratti, che si era molto impegnata personalmente, e un momento di speranza di rilancio per tutta la città.

Si diceva che sarebbero arrivati venti miliardi di euro di investimenti fra quartiere fieristico e infrastrutture; che si sarebbero creati 70.000 posti di lavoro; che nei sei mesi dell’esposizione sarebbero arrivati a Milano 29 milioni di turisti; che il fatturato del mondo imprenditoriale milanese sarebbe aumentato di 44 miliardi di euro; che alla città sarebbero poi rimaste opere importanti, fra le quali 11 chilometri quadrati di verde.
Tutto bene, dunque. In teoria. In pratica dopo due anni la «macchina Expo» non è ancora partita. È successo che sul business è scoppiata una guerra fra i vari potentati locali, e questa guerra è in gran parte la responsabile della paralisi.

S’è cominciato quando il sindaco Moratti ha indicato nel suo fedele consigliere Paolo Glisenti il factotum dell’esposizione. Glisenti, secondo le intenzioni della Moratti, doveva diventare amministratore unico della società Expo. Alla proposta si sono però opposti tutti. Il governatore della Lombardia, Formigoni, con tutta la sua rete. Il mondo ex An, vale a dire La Russa e imprenditori a lui vicini. Lo stesso Berlusconi, gli industriali, la Camera di Commercio: tutti convinti che Glisenti amministratore unico avrebbe voluto dire troppo potere alla Moratti. Così, nell’agosto del 2008 Palazzo Chigi - e Tremonti in particolare - ha di fatto imposto alla Moratti un passo indietro e la scelta non più di un amministratore unico, ma di una gestione collegiale. Nella primavera del 2009 viene finalmente costituita la società Expo: il 40 per cento è del ministero del Tesoro, il 20 della Regione Lombardia, un altro 20 del Comune di Milano, un 10 la Provincia, un altro 10 la Camera di Commercio. Amministratore delegato (in quota Comune) viene nominato Lucio Stanca, ex ministro. Presidente (in quota Camera di Commercio) l’imprenditrice Diana Bracco. Alleluia. Intanto, però, si è buttato via un anno solo per costituire la società e nominare un vertice. Ma i guai non sono ancora finiti qui. Ci si mette il terremoto dell’Aquila, ci si mette soprattutto la crisi mondiale. Morale: il finanziamento statale viene ridotto da 4 a 1,4 miliardi di euro, già stanziati e da spalmare sui cinque anni.

Arriviamo ai giorni nostri e i terreni dello spazio espositivo, ad esempio, non sono ancora stati comperati. Sono di proprietà della Fondazione Fiera e del Gruppo Cabassi, e pare che entro luglio sarà costituita una new company (per un terzo della Regione, un terzo della Provincia e un terzo del Comune) che per dicembre sarà pronta ad acquistarli. Ma il Bie (il Bureau International des Expositions, l’organismo che sovrintende alle esposizioni) ha già detto che dicembre sarebbe troppo tardi, e chiede di accelerare perlomeno per ottobre. Manca ancora, poi, un vero e proprio progetto: il tema proposto è «Nutrire il pianeta. Energia per la vita», ma anche anche negli ambienti finanziari sono forti le perplessità per la sua genericità: non è chiaro - dicono in molti - quale prodotto verrà proposto ai visitatori.

Intanto la guerra interna continua. Dopo Glisenti, bocciato prima ancora di cominciare, è caduto in disgrazia anche Stanca. È sotto accusa per il doppio incarico: oltre al ruolo di amministratore delegato dell’Expo, che gli vale uno stipendio di 450 mila euro all’anno, è infatti anche deputato. Da più parti si chiedono le sue dimissioni, ed è probabile appunto che Stanca le darà domani, giovedì, giorno in cui è previsto un consiglio di amministrazione. Al suo posto dovrebbe andare Giuseppe Sala, city manager del Comune. Il quale non sarebbe comunque un vero plenipotenziario. Gli osservatori della politica milanese dicono che ormai il pallino è nelle mani di Formigoni.

Ma la strada è ancora lunga e difficile. L’Expo non avrà introiti fino alla fine del 2014, e i soldi in cassa sono sempre meno. Bene che vada, sarà un’Expo molto ridimensionata. E nel Palazzo, anche romano, sempre più insistente sta addirittura girando una voce inquietante: e cioè che alla fine tutto potrebbe saltare, e Milano dovrà rinunciare. Sarebbe troppo, e non succederà. Ma quel che è già successo è comunque un brutto colpo per Milano.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news