LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO -La collezione Luzzetti c’è Oltre cento tesori d’arte alla “Pinacoteca Clarisse”
ELISABETTA GIORGI
MERCOLEDÌ, 23 GIUGNO 2010 IL TIRRENO - Grosseto





Trovato l’accordo sulla sede, l’antiquario dona il suo patrimonio. Anzi, ne triplica pezzi e valore



L’antiquario vuole premiare «il grande impegno del Comune». A breve la firma dal notaio


GROSSETO. Triplicati mobili, maioliche, libri, ma soprattutto capolavori trecenteschi, opere rinascimentali, quadri manieristi e barocchi: inizialmente un corpus di 38 opere ora “lievitato”. La collezione Luzzetti conterà 100-110 opere d’arte, perché lui (l’antiquario di fama mondiale, nato a Giuncarico e radicato a Firenze da anni) vi ha aggiunto altri 70 pezzi. Una decisione con cui Gianfranco Luzzetti vuole «premiare il Comune di Grosseto» per lo sforzo fatto nei suoi confronti.
Come spiega lo stesso Luzzetti dalla sua straordinaria casa-museo in Borgo san Jacopo. «Il Comune si è impegnato molto a velocizzare la creazione di un museo che troverà spazio nell’ex convento delle Clarisse dopo lo spostamento della facoltà di lettere all’ex Gil». A ottobre, con una cerimonia, il sindaco consegnerà le chiavi della pinacoteca a Luzzetti. E la collezione andrà lì, accanto al patrimonio d’arte comunale disperso tra uffici e assessorati.
È invece saltata l’ormai tradizionale mostra annuale “griffata” Luzzetti al museo archeologico. Sarebbe stata la quarta consecutiva (titolo “Dall’antico al classico”), ma per ora niente da fare. Non in via definitiva però. «La mostra sarà fatta, a maggio-giugno 2011», spiega lui. La vera notizia è che «andrà appunto nella nuova pinacoteca, dove potremmo muoverci anche con molta più tranquillità». Trovare una “casa permanente” alle sue opere era la condizione indispensabile per il lascito, e quel traguardo sembra davvero alle porte. «Mi sono molto battuto per arrivare fin qui. È stata una battaglia lunga e tenace, un parto doloroso, ma alla fine ce l’ho fatta».
Al sindaco l’antiquario aveva chiesto una risposta urgente e definitiva sulla pinacoteca. «Non sopportavo più che si continuasse a tenere tutto in sospeso, e gli avevo chiesto di darmi una data precisa entro fine giugno. Volevo tutti i passaggi formali in giunta e consiglio comunale, visto che questa situazione me la trascino da 12 anni. Lui mi ha assicurato che questi passaggi ci saranno: nelle prossime settimane dovrebbe esser fatto tutto e non appena avrò l’approvazione definitiva e per scritto andremo dal notaio, ma è questione di poco». Per dimostrare la gratitudine ha aggiunto altri 70 pezzi. Saranno soprattutto quadri e una collezione del ‘600 fiorentino, “rimpinguata” con nomi importanti: manieristi, uno studio di Botticelli, mobili, bronzi. «Sarà fatto un centro studio per i giovani, con cataloghi e la mia collezione di 7-8mila volumi d’arte. Sarà ricreata anche una “casa del collezionista”, la mia. Ci porterò la mia scrivania, il mio studio». In questi giorni - nella sua casa di Borgo san Jacopo - «verrà un incaricato da Grosseto a concordare i dettagli e vedere l’inventario. Poi verrò io a Grosseto, quanto prima, a dare la notizia alla città e a firmare il lascito dal notaio». Una collezione che fa gola - ovviamente - anche al Comune di Firenze. «Firenze mi ha chiesto molte volte di lasciare la mia collezione dentro il mio palazzo e trasformarlo in un museo di arte decorativa. Ma io più volte ho detto di no, perché non volevo abbandonare la mia idea, che è sempre stata quella di portare le mie opere d’arte a Grosseto, la mia città. E così sarà».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news