LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RUVO DI PUGLIA - Quelle tracce splendenti d´oro tornate alla luce dalla necropoli
TITTI TUMMINO
GIOVEDÌ, 24 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA - Bari




Una ricerca svela come la città peuceta sia stata meta di insediamento di maestri gioiellieri e principi


Una nuova luce illumina la storia millenaria di Ruvo di Puglia. Da sempre al centro dell´interesse degli studiosi, oggi si scopre che l´antica città peuceta secoli e secoli fa ha intrattenuto rapporti privilegiati con gli Etruschi. Di più. Si scopre che a Ruvo, i maestri orafi etruschi decisero di trasferirsi ed insediarsi per soddisfare le richieste di gioielli lavorati con le raffinate tecniche di cui disponevano. E che qui, probabilmente, impiantarono anche una scuola che ha avuto una lunga vita, come risulta da una forma da orafo rinvenuta nella città apula.
Questo aspetto inedito e affascinante della più antica storia ruvese è racchiuso nel poderoso volume Ruvo di Puglia e il suo territorio. Le necropoli, opera di Andrea Montanaro, giovane archeologo delle Università di Bari e Napoli che sarà presentato oggi alle 19 all´hotel Pineta di Ruvo. Nell´opera, edita da L´Erma di Bretschneider, prestigiosa casa tedesca con sede a Roma, e sponsorizzata dalla Guastamacchia spa, Montanaro ha racchiuso gli inediti risultati di minuziose ricerche scientifiche, ripercorrendo le fasi di sviluppo storico nel periodo compreso tra l´età del ferro e la romanizzazione.
«Tra i vari risultati scientifici ottenuti - spiega l´autore - le ricerche hanno permesso di proiettare una nuova luce sulla città peuceta. Diversi dati, infatti, mostrano come Ruvo abbia intrattenuto rapporti molto stretti con gli Etruschi. Fondamentale in proposito si è rivelata la presenza di numerose sepolture appartenenti ad individui di alto rango, sepolti in posizione differenti da quelle tipiche delle popolazioni indigene, cosa che ha fatto attribuire tali tombe a personaggi di origine etrusca, riferibili ad un periodo compreso tra il VI e il V secolo avanti Cristo». Tra queste, emerge la sepoltura di un principe etrusco deposto in una tomba di dimensioni monumentali, insieme a elmo, cinturone e schinieri, vasi attici e di bronzo, uno scettro in argento e un carro da guerra. «Questi elementi - spiega - suggeriscono un´origine etrusca per il personaggio. Un´affascinante suggestione porterebbe ad identificarlo con un condottiero trasferitosi a Ruvo e lì morto tra gli onori all´epoca della guerra di Cuma del 524 avanti Cristo».
Da questa presenza originaria sarebbero derivate le tombe dell´intero clan familiare rinvenute nelle vicinanze. Ulteriore testimonianza degli stretti rapporti con gli Etruschi sono gli ornamenti personali in metallo prezioso rinvenuti nelle tombe di Ruvo, che svettano sui rinvenimenti effettuati in altri centri della Puglia per numero e qualità dei reperti.
«Buona parte di questi monili (collane, pendenti, orecchini, anelli, cofanetti portagioie in avorio decorato) è stata sicuramente importata dall´Etruria, ma tanti altri manufatti in oro sono stati indubbiamente fabbricati in loco». Questi ultimi, infatti, rispecchiano tipologie tipicamente locali, ma sono lavorati e decorati con tecniche prettamente etrusche. Particolarmente interessanti sono le grandi fibule in oro con staffa terminante a testa di ariete e una coppia di fibule con pendente a melograno, simbolo di prosperità e salvezza, probabilmente indossate durante particolari cerimonie oppure usate sul vestito funebre. «Non erano insomma uomini di passaggio, in fuga da qualche guerra - conclude Montanaro - A Ruvo, gli Etruschi si insediarono e dettero vita ad una fiorente scuola di arte orafa».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news