LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AREZZO - Una casa romana a Sant’Agostino.
giovedì 24 giugno 2010 CORRIERE DI AREZZO





Ogni giorno una scoperta: ma i lavori proseguono senza interruzione, ci sono anche i lampioni. Riportato alla luce il pavimento di una villa di duemila anni fa.





Piazza Sant’Agostino sta diventando un cantiere archeologico. C’è ormai un feeling stretto tra gli addetti della ditta Zambelli che stanno procedendo al restauro a ritmi da record e le giovani esperte della Soprintendenza archeologica di Firenze che li seguono passo passo nei loro scavi. E così anche i restauratori e soprattutto chi manovra le ruspe stanno facendo un corso accelerato di archeologia. Dopo aver riportato alla luce tanti reperti, a cominciare dalla cinta muraria del duecento, ieri è stata la volta di un tratto di pavimento di una villa romana. Che più di duemila anni fa sorgeva proprio nella parte alta della piazza, lungo l’attuale via Garibaldi. Il pavimento, scoperto durante lo scavo di una trincea per i sottoservizi, tenuto conto del fatto che è battuto di calce e scaglie di pietra, non doveva essere quello dei vani più eleganti della domus romana. “Una delle tante - spiega Silvia Vilucchi, la responsabile della Soprintendenza per Arezzo e provincia - che sorgevano in un terrazzamento che va da Colcitrone fino all’Anfiteatro romano. Un’area già allora fortemente urbanizzata come prova anche il ritrovamento dei resti di un grande edificio durante gli scavi per la ex Margaritone”. Tante ville e tante fabbriche, di vasi corallini.“La conferma della presenza di fornaci - aggiunge Silvia Vilucchi - viene proprio da un altro ritrovamento di questi giorni nel cantiere della piazza: uno strato di cocci triturati, scarti della lavorazione dei manufatti di una fornace romana”. Il pavimento della villa di duemila anni fa è stato catalogato dagli addetti della Soprintendenza e già ricoperto dopo i lavori per i sottoservizi. In superficie procede invece con rapidità la nuova pavimentazione della piazza, con la sapiente sagomatura della pietra da parte degli addetti della stessa impresa che ha restaurato Piazza Grande e Piazza Guido Monaco. In mezzo al primo tratto di piazza spiccano già i lampioni in ferro stilizzato. E su quella superiore le ruspe ieri stavano andando in profondità per lo scavo del vano che dovrà contenere gli impianti di alimentazione della fontana ripristinata a ridosso della terrazza che domina la piazza dalla chiesa da cui prende il nome. Il punto dei lavori, che, ritrovamenti permettendo, termineranno tra otto mesi, verrà fatto nella prossima settimana sotto la regìa dell’assessore ai lavori pubblici Dringoli. Che, insieme al sindaco Fanfani, è riuscito a convincere i proprietari dei palazzi con le facciate più degradate a restaurarle prima che finiscano i lavori in piazza. E insieme alle facciate, con il contributo del Comune, anche le gallerie che collegano la piazza con Via Mannini. Inutile spendere 2 milioni e 800mila euro sul restauro del quadro se non ci si mette anche una buona cornice

Romano Salvi



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news