LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Attualità: Per i beni culturali Sgarbi e Urbani separati in casa
Le associazioni ambientaliste: Ciampi non firmi il decreto taglia-deficit

Si è risolta in una quasi separazione la difficile convivenza tra il sottosegretario Vittorio Sgarbi e il ministro per i Beni culturali Giuliano Urbani, dopo un anno di dichiarazioni sopra le righe, dispetti, ripicche, smentite. Vittorio Sgarbi non lascia il suo posto da sottosegretario ma ha rimesso le deleghe che gli erano state assegnate dal ministro Urbani il 7 ottobre scorso, ovvero le competenze (seppure senza potere di firma) sul patrimonio paesaggistico, sulla Biennale di Venezia, sulla Triennale di Milano, sulla Quadriennale d'arte di Roma, sull'Istituto centrale per il restauro, sull'Istituto centrale per il catalogo e la documentazione e la presidenza del Consiglio per i Beni culturali e ambientali. E' veramente prossima la fine di una coabitazione complicata fin dall'inizio della attuale legislatura? Forse no. Ma i presupposti per il divorzio ci sono tutti. Il casus belli è il decreto legge Tremonti 63/2002 per "disposizioni finanziarie e fiscali urgenti in materia di riscossione, razionalizzazione del sistema di formazione del costo dei prodotti farmaceutici, adempimenti ed adeguamenti comunitari, cartolarizzazioni, valorizzazione del patrimonio e finanziamento delle infrastrutture" (il testo integrale è pubblicato sotto la voce "Normativa", "decreti legge" sul sito www.beniculturali.it), che dovrebbe essere convertito in legge dal Senato entro il 15 giugno. L'articolo 7 del decreto istituisce la "Patrimonio dello Stato s.p.a", una società di diritto privato che avrebbe il compito di garantire una migliore gestione del patrimonio dello Stato. Le azioni spettano al Ministero dell'economia e delle finanze, che ha la facoltà di trasferirle gratuitamente ad altre società di cui detiene interamente il capitale sociale, come per esempio la "Infrastrutture s.p.a", una società finanziaria per azioni (istituita dall'articolo 8 dello stesso decreto) che ha il compito di trovare fondi per le grandi opere pubbliche e che quindi può disporre - a tale scopo - del patrimonio in dotazione. Tra cui - con l'accordo del Ministero per i beni culturali (ma non verrebbero interpellati né il ministero dell'Ambiente né gli enti locali) - anche dei beni artistici. Il testo, presentato l'11 giugno, ha suscitato perplessità e sconcerto da parte degli esponenti di associazioni come Italia Nostra o il Fai, che hanno visto in concreto pericolo l'integrità del patrimonio artistico e paesaggistico italiano. Certo nessuno oserebbe mai vendere il Colosseo o gli Uffizi, ma le ville, i quadri, i parchi, le collezioni di provincia, il patrimonio non redditizio - per usare un termine ormai consueto per beni che dovrebbero essere da tutelare comunque perché pubblici, senza necessariamente supporre una redditività -? Del resto, come ha ammesso lo stesso ministro Urbani, che pure ha tentato di rassicurare tutti sull'evenienza di vendite di gioielli artistici, un elenco dei beni alienabili è in via di compilazione. Bene, martedì in Senato Sgarbi ha presentato un emendamento al decreto che specifica cosa non si potrà mai vendere, ovvero tutti i beni di valore artistico, storico, paesaggistico; per le aree protette ci sarà bisogno dell'approvazione del ministero per l'Ambiente. L'emendamento non è stato accolto in quanto tale, ma è stato trasformato in un ordine del giorno dalla maggioranza. Sgarbi ha ricevuto il plauso della sinistra e le critiche di Urbani e Tremonti, e ieri pomeriggio ha reso nota la breve lettera con cui rimette a Urbani le deleghe ricevute, "non potendo condividere i metodi e il destino" del ministero. Ma di certo non passa all'opposizione, rimane al suo posto di sottosegretario "a presidiare". Urbani prospetta per lui un nuovo incarico da parte del ministero, ma all'estero. Sgarbi propende per la direzione della Biennale (se Bernabè dovesse andare alla Fiat) o di RaiSat Art. E apetta le dimissioni di Urbani.

http://www.artonline.it/news.asp?IDNews=871


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news