LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LONDRA - Da Fra Angelico a Leonardo il disegno padre di tutte le arti
SABATO, 26 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA - Cultura



Al British di Londra una mostra nata in collaborazione con gli Uffizi, dove arriverà nel 2011 Cento opere su carta: così i grandi maestri italiani sperimentavano e pensavano la pittura



Che bello, dopo tante mostre inutilmente flamboyant, raccogliersi negli spazi naturalmente sobri e silenziosi della vecchia biblioteca del British, dove studiava – tra gli altri - Karl Marx. Che bello appagare gli occhi e la mente con cento tra i più bei disegni del Rinascimento, scelti oculatamente da Hugo Chapman e Marzia Faietti per indicarci in modo semplice e chiaro lo sviluppo di questa specialissima arte lungo centodieci anni fondamentali di storia, dal 1400 al 1510: «Fra Angelico to Leonardo. Italian Reinassance Drawings».
Che bello poter dimenticare, almeno per una volta, il gigantismo che ossessivamente ci circonda nei musei, e avvicinarsi a opere, magari minuscole, per coglierne da vicino le più piccole sfumature, i più piccoli dettagli. Opere disegnate a carboncino, gesso, inchiostro e pastello da giganti come Botticelli, Michelangelo, Jacopo e Gentile Bellini, Raffaello, Mantegna, Leonardo, Verrocchio, Tiziano.
Grazie a un´inedita collaborazione tra il British e gli Uffizi, depositari delle due collezioni più ricche in materia, l´esito della mostra (aperta a Londra fino al 25 Luglio, per spostarsi poi a Firenze dal 1 febbraio al 30 aprile 2011) è semplicemente straordinario. Perché consente di ripercorrere passo passo il peso crescente svolto dal disegno nella storia dell´arte e di comprendere alla lettera cosa volesse dire il Vasari, quando affermava che il disegno è il padre di tutte le arti.
Dalla staticità bidimensionale del tardo gotico, si passa sin dalle prime sale al dinamico mondo rinascimentale, che, grazie al nuovo uso della luce, incentra la sua ricerca sulla dimensione prospettica e la tridimensionalità, offrendo uno sguardo via via più puntuale e realistico tanto della natura quanto del corpo umano. Mentre l´altra grande novità del momento è l´utilizzo su larga scala della carta, che abbassa sensibilmente i costi rispetto alla pergamena. Così, mentre irrompe l´invenzione della stampa, il disegno diventa essenziale nella progettazione concettuale delle grandi tele e nella loro presentazione ai committenti. Al contempo però, come la mostra evidenzia con precisione, esso si trasforma nella forma ideale di sperimentazione dell´artista, che qui può scatenare tutta la sua fantasia, sovente in misura superiore a quanto accadrà nei prodotti finiti di quadri e affreschi. Né meno interessante, infine, è la mappatura offerta sulle varianti regionali dell´arte del disegno: in particolare, a Firenze e a Venezia.
E con questo la funzione pedagogico-didattica dell´esposizione è perfettamente assolta. Dopodiché, c´è la pura bellezza. La bellezza di opere che lasciano senza fiato. Come nel caso dell´ Uomo sdraiato su una lastra di pietra del Mantegna, in cui la definizione minuziosa dei contorni della figura e l´uso sapiente della prospettiva, imprimono al gesto dell´uomo, teso a sollevarsi, una potenza drammatica impressionante.
Si cambia sala ed eccoci davanti al San Giovanni Battista del Pollaiuolo, messo a confronto con il prototipo offerto dalla statua in bronzo di Donatello. Anche se i curatori si premurano di sottolineare tanto le similitudini («il fervore spirituale» del santo), quanto le differenze: nella statua il tratto declamatorio, dicono, è molto più accentuato. La preoccupazione del Pollaiuolo, semmai, è quella di delineare un gesto e una postura naturale alla figura, come dimostrano gli accurati studi laterali di braccia e gambe.
Resterebbe da dire poi qualcosa di una magnifica Testa di donna´ del Verrocchio, i cui delicati contrasti di tono anticipano il famoso "sfumato" di Leonardo. Ed è proprio quest´ultimo, con dieci disegni in mostra, a fare la parte del leone. A cominciare dal Paesaggio del 1473, il primo disegno datato a lui attribuito e anche tra i primi studi di paesaggio dell´arte europea. La compresenza su piani diversi e con diverse tonalità di una città fortificata, di alberi mossi dal vento, di una cascata dal segno più marcato, e da ultimo di campi e montagne sullo sfondo, fanno pensare di primo acchito a qualcosa di orientaleggiante e vagamente flou. Ma come bene mostra lo studio successivo per il "setting" dell´Adorazione dei Magi, in Leonardo il controllo geometrico dello spazio può essere sbalorditivo: qui una struttura architettonica reticolare e multistratificata si offre come scena ideale per le figure umane ed animali che andranno ad abitarla. Per il momento esse ci appaiono vaporose, appena accennate, quasi che l´artista sia un regista di teatro che sta cercando la posizione scenica ideale per i propri personaggi.
E manca ancora un´ultima piroetta leonardesca: quella offerta dai deliziosi Studi sul Cristo Infante e il gatto, che sembrano sul punto di scappare dal foglio. Come è giusto che sia per un bambino e un micio, due creature elettriche, piene di vitalità: così il semplice gioco di un genio si trasforma in un gioiello artistico.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news