LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO. Case nell’ex Gran Guardia. Sorpresa nel progetto: c’è anche un palazzo di tre piani
28-06-2010, IL TIRRENO - LIVORNO

Livorno. Confermati negozio H&M e cinema da 220 posti. Oggi vertice in Comune



Nel progetto di riconversione dell’ex cinema-teatro La Gran Guardia spunta una sorpresa: c’è anche spazio per le case. Uno spazio peraltro piuttosto consistente: l’ipotesi è infatti quella di realizzare un palazzo alto tre piani che avrà l’ingresso da via Santa Giulia. Nel progetto è confermata la realizzazione di un negozio di abbigliamento (H&M) e di una sala per il cinema da 220-230 posti. Ma per trasformare l’ex Gran Guardia basta la Dia o serve la variante? Oggi il sindaco incontra i tecnici.

LIVORNO. Nel progetto di riconversione dell’ex cinema-teatro La Gran Guardia c’è spazio anche per le case. Uno spazio peraltro piuttosto consistente: l’ipotesi è infatti quella di realizzare un palazzo alto tre piani che avrà l’ingresso da via Santa Giulia. Sorpresi? Probabilmente sì, visto che la proprietà dell’edificio (gli eredi di Fortunato Marinari) e l’amministrazione comunale avevano parlato fino ad oggi soltanto di un progetto commerciale-culturale, caratterizzato dall’apertura di un negozio di abbigliamento al piano terra (con il marchio H&M) e dalla creazione di una sala cinematografica da 220/230 posti nell’ex galleria. Tant’è che fin dall’estate 2009 il gruppo svedese di moda per giovani aveva ricevuto da Palazzo Civico precise rassicurazioni sulla fattibilità dell’opera: per trasformare il cinema in un megastore non era necessaria alcuna variante per la destinazione d’uso.
Invece le cose non stanno così: proprietari e Comune si erano dimenticati di dire che c’era in ballo anche una vera e propria operazione edilizia. E lo hanno detto solo adesso, perché in Municipio è venuto a galla il problema della procedura tecnica da seguire per autorizzare l’intervento nel suo complesso: è sufficiente la Dia oppure è necessaria una variante urbanistica? Un quesito che dovrà essere sciolto dagli uffici tecnici competenti, che proprio per questo motivo sono stati convocati oggi dal sindaco Alessandro Cosimi per una conferenza di servizi.
Ma prima di analizzare la delicata questione delle procedure, è obbligatorio soffermarci su due punti. Il primo: nel costruire appartamenti non c’è nulla di male, ma allora perché nasconderlo? Il secondo: nei mesi scorsi alcune voci isolate si erano alzate per richiamare l’attenzione sulla possibilità che nell’operazione ci fossero anche degli interessi immobiliari. Dobbiamo prendere atto che avevano ragione.
E allora andiamo ad esaminare nel dettaglio questo progetto con sorpresa. Anche se in realtà non è stato finora presentato in Comune un progetto definitivo, bensì una scheda tecnica in cui sono previsti i tre diversi interventi. Partiamo da quello commerciale. Gli svedesi di H&M hanno stipulato un contratto di locazione per 15 anni (rinnovabile per altri 15) con la proprietà dell’edificio e sono disposti a farsi carico delle spese per riconvertire il foyer (di cui sarà mantenuta la fisionomia originaria) e la platea in un grande negozio di abbigliamento alla moda e a basso prezzo molto apprezzato dai giovani. H&M avrebbe molta fretta di partire con i lavori del nuovo negozio: almeno così si dice, visto che il gruppo svedese mantiene per il momento il massimo riserbo sull’operazione.
Passiamo all’intervento culturale. Gli eredi di Fortunato Marinari hanno sempre detto di voler mantenere viva la vocazione cinematografica della Gran Guardia e infatti è stata prevista la realizzazione di una sala da 220-230 posti sfruttando quella che era la galleria. Nella scheda si ipotizza anche la realizzazione di un bar-ristorante, a servizio del cinema.
E arriviamo all’operazione edilizia. Per costruire il palazzo di tre piani, sarà sfruttata l’area del palco dell’ex Gran Guardia: l’edificio si affaccerà sul retro, in via Santa Giulia, dove ancora si vede l’uscita posteriore (un cancello verde) dell’ex cinema. Non è indicato il numero di appartamenti da realizzare, ma non saranno pochi trattandosi di un immobile su tre livelli.
Di edifici polifunzionali, simili a quelli che la proprietà della Gran Guardia vuole realizzare con il sostegno di H&M, ce ne sono numerosi in via Grande. Resta però da capire quale sia la procedura necessaria per realizzare questa operazione che, tecnicamente, viene definita di straordinaria manutenzione. Non è stato infatti previsto un ampliamento dei volumi, bensì una nuova ridistribuzione degli spazi interni. Per questo la proprietà chiede di poter procedere con una semplice dichiarazione di inizio attività, mentre gli uffici tecnici comunali stanno valutando anche l’ipotesi della variante (questo perché di mezzo c’è anche la costruzione di residenze). Ma se si dovesse procedere con la variante, i tempi si allungherebbero di diversi mesi e H&M potrebbe anche rinunciare. Per questo la proprietà della Gran Guardia è in pressing sull’amministrazione comunale. Che a sua volta è chiamata a verificare le regole da applicare (e da rispettare). Vedremo come andrà a finire. E se ci saranno altre sorprese...



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news