LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le opere famose? Troppo preziose per assicurarle.
Marco Carminati
Il Sole 24 Ore 29-AGO-2004

Al grido di dolore per la sorte dell'Urlo seguito un boato di stupore perch il capolavoro di Munch, razziato a Oslo la scorsa settimana, risulta non essere assicurato dai furti.

Interpellati dalla stampa, assicuratori e direttori di musei di mezza Europa hanno confessato la loro impotenza.

Le opere d'arte stato dichiarato vengono assicurate solo in occasione di trasferte e mostre.

Quando si trovano nei musei sono coperte dai danni provocati da incendi, inondazioni o calamit naturali (cio da eventi rarissimi) ma non dai pi comuni furti.

Siamo di fronte a un'assurdit? No, dicono gli operatori.
Le opere d'arte sono troppe e troppo preziose, assicurarle costerebbe cifre stratosferiche.
In Italia non basterebbe l'intero bilancio dello Stato.

Vuol dire che dobbiamo arrenderci ai ladri?

Abbiamo girato la domanda a Roberto Bargnani, direttore generale di Axa Alt e grande esperto di materie assicurative legate alle opere d'arte.

Da quanto apprendo dai giornali, e se le notizie riportate sono esatte, il furto nel Museo Munch di Oslo stato compiuto in pochissimi istanti da un commando di ladri che sono entrati nell'edificio armati fino ai denti, hanno immobilizzato i custodi e giunti davanti ai quadri li hanno tolti dalle pareti con una velocit straordinaria.

Infatti riportano le cronache che niente ha rallentato il loro lavoro: n vetrine speciali n sistemi di ancoraggio troppo sofisticati. Insomma un gioco da ragazzi.

vero che l'allarme scattato e che la polizia, lontana solo 800 metri dal museo, intervenuta dopo 15 minuti. Ma non bastato: i ladri, non incontrando impedimenti fisici, sono stati pi veloci dei militi.

Questo significa continua Bargnani che il problema principale su cui porre l'attenzione non tanto quello delle assicurazioni quanto quello della sicurezza. Solo le opere d'arte sufficientemente sicure possono essere assicurate con costi sostenibili.


Qual la ricetta per rendere sicure le opere d'arte?


Credo che la prima cosa da fare sia la formazione del personale preposto alla tutela delle opere d'arte, dai direttori ai custodi. I musei conservano tesori al pari delle banche, dunque chi ci lavora deve avere cognizioni chiare su cosa fare per difendersi dai malintenzionati.

chiaro. E che cosa bisogna fare?

Bisogna proteggere le opere d'arte attraverso vari accorgimenti, dai melai detector per impedire che i visitatori entrino armati, all'ingaggio di guardie giurate armate per la vigilanza nelle sale. Fino a pi semplici accorgimenti, come quello di proteggere i quadri con vetrine apposite e quello di ancorarli con viti speciali che non offrano facili fessurine al cacciavite del ladro.
Sto ovviamente semplificando, anche perch oggi le tecnologie mettono a disposizione sistemi di protezione sofisticatissimi e molto efficaci. Ad esempio so che a Brescia stato messo a punto un sistema di difesa che prevede l'uso dei telefonini.


Ma come si pu accedere a tutto questo sistema di informazioni "difensive" che, per ovvie ragioni, devono restare il pi possibile segrete?

Axa Art, in collaborazione con esperti di sicurezza intemazionali, ha messo a punto uno strumento di rilevamento dei rischi, denominato Art Risk Rating, che permette di identificare in modo sintetico e oggettivo tutte le tipologie di rischio al fine di fronteggiarle pi efficacemente. Questo documento destinato principalmente a direttori di musei e a collezionisti.

La sicurezza per costa e il "grido-urlo" del ministro Urbani sui tagli di bilancio ai Beni Culturali non fa prevedere nulla di buono.
L'Italia conclude Bargnani un Paese di piccole imprese diffuse sul territorio ed anche il Paese delle opere d'arte diffuse. Per esperienza posso dire che molti imprenditori, a fronte di adeguate agevolazioni fiscali, sarebbero ben felici di contribuire alla tutela e alla sicurezza di quei capolavori che rappresentano il vanto del loro territorio.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news