LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - «Rinnoveremo la città senza favori ai costruttori»
Francesca Lazzari
CORRIERE DELLA SERA 29 giu 2010 Vicenza




Giuliano Zoso nel Corriere del Veneto del 19 giugno mi chiede, a chiusura di un editoriale su presunti inciuci e scambi sottobanco di metri cubi di cemento, se io sia culturalmente o politicamente «ingaggiata» (a che cosa?). Mi chiede di farmi sentire e «quanti compromessi possa io accettare e quanti sacrifici possa sostenere per un assessorato». Sono consapevole che il particolare momento storico, contraddistinto da interessi individualistici e di scarsa idealità, chiede di non sottrarsi alla responsabilità di lavorare per un differente approccio. Rivendico con orgoglio di praticare l’etica della trasparenza. Per questo ho costruito il rapporto con i privati recuperando pari dignità attraverso finalità chiare, verificando l’esistenza del pubblico interesse, pretendendo, per l’istituzione che rappresento, rispetto, autorevolezza e governance. Ho cercato di innescare quel circolo virtuoso tra pubblico e privato che crea vera sinergia, efficienza e affidabilità nelle relazioni. Non ho fatto i conti però, e l’editoriale di Zoso lo dimostra, con i meccanismi di «collocazione» di una certa vecchia politica affezionata alla cultura del complotto, giocata su scenari di potere di periferia. Ma l’onestà intellettuale e la credibilità della nostra amministrazione vanno oltre la politica politicante e la scommessa del Pat sarà proprio ricostruire per il governo della città: di questa politica voglio occuparmi, per continuare a svolgere con coerenza il mio ruolo. Le chiacchiere del sentito dire riportate dall’editoriale devono giustificare dieci anni in cui non si sono date risposte ai cittadini. Toccherà a noi farlo. Il senso di responsabilità di questa amministrazione vuole che gli strumenti pianificatori siano credibili e operativi. Il piano non persegue gli interessi dei grandi costruttori, dei proprietari di importanti aree, come qualcuno continua a ripetere strumentalmente, ma li coinvolge in maniera chiara in un disegno comune, nell’interesse della città. Noi non facciamo favori a nessuno. Abbiamo detto basta agli interventi spot su singoli spazi che non contemplano una visione di città e del territorio. Per questo ribadiamo una scelta praticata dalle amministrazioni virtuose di destra e di sinistra: la pubblica e responsabile "urbanistica negoziale". Non accetto lezioni da chi ha venduto il campo di calcio federale ai privati e ora chiede di espropriarlo; da chi ha localizzato il nuovo tribunale di fronte al Parco dei Berici e alla Rotonda; da chi ha fatto comprare ad AIM terreni di nessun valore a peso d’oro; da chi ha lottizzato ogni spazio possibile, da chi ha lasciato per decenni negli uffici decine di piani… Non mi intimidisce chi mi accusa di scambi di aree commerciali con la Provincia: basta guardare i verbali dell’andamento delle votazioni del PTCP e si smaschera l’inconsistenza della teoria del complotto. Capisco che siamo un’amministrazione scomoda, proprio perché le nostre pre-intese con i privati sono pubbliche e tutto è stato fatto in modo rigoroso e documentabile. Chi mi accusa può dimostrare altrettanto? Sul progetto nuova arena degli eventi ribadisco un elemento su tutti: noi non prevediamo compensazioni edificatorie né nell’area del Menti che ritorna un valore per la città, né altrove, come invece chi oggi grida ai favoritismi ingiustificati, ieri prometteva e scriveva nero su bianco… Caro Zoso, il suo appello finale nei miei confronti va nella direzione del blocco di qualsiasi ipotesi di cambiamento e del cinico trasformismo che baratta la demagogia con la democrazia. La crisi morale va affrontata a partire dalle dimensioni locali. Una democrazia non si sostiene nel vuoto, ha bisogno di cittadini resi consapevoli anche da una corretta informazione e non dalle chiacchiere interessate dei troppi "quaraqquaqua e ominicchi" preoccupati solo di bloccare le istanze di rinnovamento. Le rispondo volentieri: resto orgogliosamente al mio posto.

Assessore all’Urbanistica del Comune di Vicenza P.S. (Stipendio netto mensile, senza tredicesima, di euro 1950 circa dopo la manovra finanziaria: è vero, quanti sacrifici per un assessorato!)





news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news