LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Nuovo sos per salvare l’abbazia di S. Giusto
MARTEDÌ, 29 GIUGNO 2010 IL TIRRENO - Prato





Mentre ci si interroga sulla proprietà l’edificio cade a pezzi




CARMIGNANO. Ma a chi appartiene l’abbazia di San Giusto, gioiello gotico romano e monumento nazionale che da mille anni si eleva in mezzo ai boschi sulla vetta del Montalbano? Appartiene ai conti Contini Bonacossi, allo Stato o magari al Comune? Da aprile ad oggi una risposta non è stata ancora trovata. Negli archivi c’è un po’ di confusione. Qualche atto magari è andato perduto con l’alluvione di Firenze e alla Soprintendenza il fascicolo è ancora aperto. Se l’edificio fosse pubblico, sarebbe più facile trovare i fondi per restaurarlo. Lo sa bene l’assessore alla cultura del Comune di Carmignano Fabrizio Buricchi, che si augura che l’istruttoria si chiuda velocemente e che comunque invita chiunque abbia a cuore la bella chiesa del dodicesimo secolo a segnalarla sul sito del Fai, il Fondo per l’ambiente italiano, come uno dei monumenti da salvare e che rischiano di andare in malora.
Il problema è che giorno dopo giorno il degrado dell’abbazia, chiusa oramai da tempo, aumenta. E sarebbe una vera beffa che alla fine, fatta chiarezza sulla proprietà e scoperto magari che l’edificio è pubblico e che ci sono i fondi per intervenire (il che non è scontata, vista la cura dimagrante imposta dal governo), non esistesse però più nessun gioiello da salvare. Da almeno venti anni l’antica abbazia vive infatti una lenta agonia: consumata dal vento e dalla pioggia, abbandonata alla mercé di vandali e ladri. Fino agli anni Ottanta vi si celebravano matrimoni. Buona parte del tetto oggi è oramai crollata. Cinque anni fa mettere in sicurezza la chiesa sarebbe costato almeno 300 mila euro. Oggi molti di più. Dal 1999 in molti hanno richiamato l’attenzione sull’abbandono del monumento nazionale, ben segnalato su guide e cartelli turistici. L’idea di una donazione non sarebbe dispiaciuta affatto al Comune. Ma la famiglia Contini Bonacossi, che la chiesa l’ha restaurata negli anni Sessanta, non ha mai accettato. Ha cercato in questi ultimi dieci anni qualche contributo pubblico, ma non l’ha mai trovato. E così, giorno dopo giorno, l’immagine dell’abbazia si è fatta sempre più opaca.
W.F.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news