LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA — Resca: invertita la tendenza nei musei dopo la crisi. Presenze a quota 93 milioni
Paolo Conti
30 giu 2010 Corriere Della Sera

L’avanzata dei turisti culturali: sono ormai 4 su 10


«Le ultime statistiche dimostrano che il turismo culturale in Italia rappresenta ormai il 40% di quel settore. Due decenni fa era appena il 14%. Ciò significa, immaginando una rapida proiezione, che in pochissimo tempo l’Italia non sarà più una meta turistica per il mare o il sole ma lo sarà soprattutto per il suo straordinario patrimonio culturale». Mario Resca, direttore generale per la Valorizzazione dei Beni culturali, parla di cifre e affronta le polemiche che lo riguardano.

Cominciamo dalle seconde. In queste ore ha rimesso mano (con l’articolo 8 del decreto sulle Fondazioni liriche, approvato ieri sera) alle gare sui servizi aggiuntivi dei musei (biglietteria, bookshop, ristorazione, riproduzioni). Una delle società leader è Electa, alias Mondadori. E Resca è consigliere di amministrazione Mondadori. Il conflitto di interessi, dove lo mettiamo? «Non c’è alcun conflitto. Il ministero indica le linee guida, il mio compito finisce oggi 30 giugno. Saranno i direttori regionali e i soprintendenti a indire e seguire le gare. Io non ho alcuna voce in capitolo nel merito. Quindi non c’è conflitto. Al momento della nomina, chiedemmo un parere alla Corte dei Conti. Il giudizio è stato proprio questo».

Possibile, nemmeno un po’ di imbarazzo, come si chiedeva Sergio Rizzo giorni fa nel suo articolo di fondo? «No. Anche perché Mondadori è presente nei musei dal lontano 1992. Per essere chiari: prima che la possedesse Berlusconi e che io sedessi in Consiglio».

E veniamo ora ai nuovi bandi per le gare, i vecchi sono scaduti dal 2007. Il ministero ha deciso per lo «spacchettamento», cioè per l’affidamento di ciascun servizio a ogni singola società. Niente più associazioni temporanee d’impresa che in gruppo offrivano tutto. C’è stata la vibrata protesta delle società. Perché questa novità, Resca? «Vorrei premettere che lo "spacchettamento" riguarderà solo i Poli museali, dotati di autonomia gestionale: Pompei, Roma, Firenze, Napoli. Sì, lo so, la reazione degli attuali concessionari è stata furibonda. Nel merito rispondo: perché vogliamo solo e soltanto i migliori per ogni singolo campo: librerie, ristorazione, audio-guide, merchandising. Nelle associazioni temporanee si rischiava di mischiare tutto». E cosa cambierà? «Ciascuno dovrà offrire il top della professionalità nel proprio campo specifico. Al museo Archeologico di Napoli, faccio un esempio, devo trovare le migliori pubblicazioni di archeologia. Chi si occupa di biglietteria dovrà essere competitivo nei rapporti con i tour operator». Un pallino di Resca (provenienza Mc Donald’s) è la ristorazione: «Spero di poter coinvolgere grandi cuochi nell’offerta gastronomica nei musei. Ho visto Filippo La Mantia, penso a Heinz Beck». C’è, dice il direttore generale, un dato molto chiaro di economia culturale da esaminare: «Ogni visitatore in Italia spende solo 3 euro dopo l’ingresso in un museo per comprare libri, mangiare, acquistare riproduzioni o affittare audio-guide, contro i 18 nei musei tedeschi o britannici. Perché disperdere altrove tanta ricchezza?»

Cosa dicono le cifre 2010 sui musei italiani? 2009 e 2008 sono stati anni di crisi ... «Abbiamo invertito la tendenza in modo clamoroso. Nei primi cinque mesi abbiamo registrato addirittura un + 10% rispetto al 2009. Se continua così, siamo all’obiettivo che mi ero fissato per il 2012... Nel primo trimestre eravamo a quota +7.4% con un +4.81% di incassi nei servizi aggiuntivi». Perché questi dati? Resca ne è sicuro: «Abbiamo puntato sulla comunicazione, sulla pubblicità, sugli eventi come la notte nei musei o il San Valentino, motivazione del personale. Solo così possiamo veramente invertire la tendenza e diventare un paese leader nel turismo culturale. Nel 2009 in Italia, tra musei statali, comunali, privati, diocesani abbiamo registrato 93 milioni di presenze. In Germania, che non ha un patrimonio paragonabile al nostro, sono a quota 125 milioni. Ma lì c’è professionalità, capacità di "vendere" i prodotti ai grandi interlocutori del turismo mondiale. Dobbiamo ottenere gli stessi risultati. Possiamo offrire una quantità e una qualità di beni unica al mondo. Ma troppo spesso non sappiamo farlo».

L’ultima battuta è una citazione di Cesare Brandi: «L’Italia è un grande museo diffuso, lo sappiamo. Ma se non cambiamo rotta, rischia di essere un patrimonio disperso e quindi dimenticato».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news