LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Grand Hotel, l'ultima lite fa slittare l'apertura
il SECOLO XIX 05/07/2010


alassio, problemi anche per la gestione della spiaggia
La ditta costruttrice chiede cinque milioni in pi. Il Comune: non siamo disposti a concedere oltre il dovuto
luca rebagliatiAlassio. Spiaggia e aumento dei costi continuano a dividere Comune e Fincos sulla vicenda del Grand Hotel, che non aprir i battenti al pubblico se non per fine anno. possibile in realt che qualche turista arrivi gi in estate con formule "a invito", ma per arrivare all'apertura del grande e lussuoso albergo alassino bisogner attendere che si risolvano le beghe tra ditta e amministrazione. In particolare bisogna risolvere la questione dei costi, che secondo la Fincos sarebbero raddoppiati negli anni, a causa di problematiche strutturali e di varianti decise dal Comune. La perizia effettuata dai tecnici incaricati dalla ditta indicherebbe il costo complessivo dell'operazione in quasi quindici milioni di euro, contro i poco pi di sette previsti inizialmente, comprensivi della rivalutazione. L'amministrazione comunale sarebbe anche disponibile a riconoscere due o tre milioni in pi, ma la differenza tra le stime effettuate dalle due parti rimane ancora grande: circa cinque milioni di euro che la Fincos vorrebbe ma che l'amministrazione non pare intenzionata a concedere.
Gli alti commissari per la vigilanza nominati dal Comune hanno sempre replicato puntualmente ai rilievi sollevati dalla ditta e non siamo disposti a concedere pi di quanto dovuto - spiega l'assessore al bilancio Fabrizio Cal - In ogni caso bisogner incontrarsi al pi presto e trovare una soluzione per chiudere definitivamente la vicenda.
Una soluzione che potrebbe essere quella di tramutare in una cessione definitiva in propriet la concessione novantanovennale dei garage interrati, anche se la cosa potrebbe scatenare polemiche da parte della minoranza e riportare d'attualit la fitta rete di questioni (in svariati casi di rilevanza giudiziaria) che si sono aperte in questi anni attorno al Grand Hotel.
Nel frattempo c' un'altra grana da risolvere: quella riguardante la spiaggia. Nei giorni scorsi la Fincos ha richiesto formalmente la concessione del tratto antistante l'albergo, ma ha fatto sapere esplicitamente di volere anche il tratto pi a levante, che invece appartiene alla Bagni di Mare (l'erede della Gescomare), cio al Comune. Mi pare che la convenzione parli del tratto prospiciente l'albergo, che quello che stato concesso taglia corto Cal.
La Fincos, per, sembra intenzionata a ricorrere addirittura ai giudici per avere quei sedici metri lineari di spiaggia in pi, che ad Alassio hanno pur sempre un certo valore.
A palazzo comunale la questione sembra incontrare pareri e opinioni differenti anche all'interno della stessa maggioranza, visto che c' chi vorrebbe "sacrificare" la concessione alla societ pubblica per chiudere tutte le controversie e chi invece non digerisce l'idea di dover cedere anche un solo granello di sabbia in pi.
Ma c' anche un'altra questione che fa discutere, ed quella relativa alla piazza. La soprintendenza ha chiesto da tempo una serie di lavori, riguardanti tra l'altro la sistemazione del verde, ma sino ad ora non stato fatto nulla. Cosa aspetta l'amministrazione a fare ci che deve? Trovi subito i soldi per adeguare la piazza alle indicazioni della soprintendenza, perch si gi perso troppo tempo, con il consueto pressappochismo di questa amministrazione, ha tuonato nell'ultimo consiglio comunale il consigliere di minoranza Tino Testa.
Si tratterebbe di circa duecentomila euro, che il sindaco Gianni Aicardi e l'assessore Fabrizio Cal devono trovare nelle pieghe del bilancio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news