LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il tesoro che i critici non volevano vedere
Vittorio Sgarbi
il Giornale

Non sempre le scoperte hanno il riscontro immediato che la velocit dell'informazione, anche dai luoghi pi remoti del mondo, consente. Alcune cose rimangono segrete e misteriose ad oltranza, per quanti sforzi si facciano di renderle note. Cos pu accadere che un'opera straordinaria, convenientemente accostata al nome di un grande artista come Andrea Mantegna, sia prima rimasta sconosciuta per secoli, poi, una volta individuata e scoperta, rimasta per quasi dieci anni in un limbo, muovendo soltanto la tiepida curiosit di alcuni studiosi.
In parte si pu capire, e non per il contrastato interesse intorno alla figura del grande artista padovano che, nonostante l'eccellenza, fu guardato, fino a tempi recentissimi, con una certa antipatia dalla critica che, a partire da Roberto Longhi, leggeva, nella rievocazione dell'antico cos solenne e paludata, nella visione di Mantegna una sinistra prefigurazione del fascismo.
Appare incredibile, ma a Mantegna toccato un destino opposto a quello di Caravaggio, prediletto da una interpretazione aperta alle suggestioni di una ideologia di sinistra popolare e populista.
Cos, nella seconda met del secolo, mentre l'astro di Caravaggio cresceva, su Mantegna calava il silenzio, con un atteggiamento a met strada fra la diffidenza e l'indifferenza. Soltanto negli ultimi anni mostre e monografie hanno riportato Mantegna al centro dell'attenzione. Ma non tanto che l'attribuzione a lui di una importante scultura fosse in grado di muovere la tiepida attenzione degli informati e la forte resistenza della critica. Cos la vera notizia di oggi e che la notzia
arrivata con dieci anni di ritardo, e da un luogo non lontano, bench imprevedibile, Per l'arte padovana il territorio pi fertile non certamente la Basilicata, nonostante la variet di testimonianze, anche venete, che accoglie.
Cos, quando nel 1996 Giara Gelao, attenta studiosa (ha appena curato un volume sulla Scultura del Rinascimento in Puglia), diede notizia del ritrovamento di una importante scultura di forte impostazione classicistica nella Cattedrale di Irsina, proponendo di attribuirla ad Andrea Mantegna, la reazione immediata fu scettica e distaccata, riscuotendo una modesta attenzione anche per ricusarne l'attribuzione. Non da parte mia, peraltro, che, molto incuriosito per l'altissima qualit della scultura, in pi di una occasione mi sono recato sul luogo del ritrovamento.
Gli argomenti della studiosa sono molto convincenti, anche perch posano su un poemetto in lingua latina sulla vita di Sant'Eufemia vergine e martire di Pasquale Verrone.
Dal poemetto si viene a conoscere che l'opera fu portata a Montepeloso, il nome antico di Irsina, da Roberto de Amabilibus, originario di Montepeloso e rettore a Padova della Chiesa di Sant'Eufemia, dove si custodiva il corpo della Santa. Con la bella scultura, di integra policromia, il De Amabilius port nella sua citt d'origine una reliquia del braccio di Sani' Eufemia, una statua della Madonna con il Bambino, anch'essa conservata nella Cattedrale di Irsina, e una tela con l'immagine della Santa, identificata con quella ora conservata al Museo nazionale di Capodimonte, firmata e datata dal Mantegna 1454. Ma, non bastassero questi elementi esterni, la scultura ha una eletta nobilt classica che ne impone un'alta considerazione sul piano estetico e sul piano critico. Essa certamente un capolavoro.
A dieci anni esatti dalla sua scoperta, nell'anno delle celebrazioni del quinto centenario della morte del Mantegna, il Comitato nazionale da me presieduto ha
stabilito di esporre la scultura a Padova o a Mantova, facendola risalire nei luoghi della sua origine. Forse allora la notizia che oggi apparsa sensazionale, nonostante il ritardo, trover la verifica del consenso di quegli studiosi scettici che sino ad oggi non hanno fatto il viaggio ad Irsina, dove si fermata Sant'Eufemia prima che Cristo si fermasse a Eboli.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news