LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbani attacca, in lacrime i dipendenti della Biennale
Gloria Satta
Il Messaggero, 8/9/2004

VENEZIA - Acque agitate alla Biennale dopo il commento di Urbani ai ritardi e alle disfunzioni che nei giorni scorsi hanno gettato il Lido nel caos: La Mostra ha il motore di una Ferrari ma la carrozzeria di una Topolino, ha detto il ministro, nel futuro bisogner mettere a punto l'organizzazione. L'uscita di Urbani, in platea per vedere il film di Placido, ha scatenato una ridda di pettegolezzi e ora qualcuno si aspetta, ferma restando la "Ferrari" Muller, la caduta di qualche testa nella "Topolino" Biennale.
Nei corridoi del Palazzo del Cinema si sono visti dipendenti, che in questi giorni si stanno ammazzando di lavoro per la Mostra kolossal, piangere sconsolati alla lettura del proprio nome sui giornali locali, nella lista dei candidati al licenziamento. Davide Croff, che l'altro giorno ha chiesto scusa per i ritardi (le cose cominciano ad andare meglio, la proiezione di Ovunque sei iniziata puntualmente), non perde il sangue freddo e getta acqua sul fuoco. Nessuno mi ha chiesto di licenziare esponenti dell'organizzazione, assicura il presidente della Biennale, semmai occorre rafforzare la struttura che soprattutto quest'anno, a confronto con un festival di dimensioni inedite, ha dato prova di capacit e abnegazione.
Alla luce di quello che sta accadendo, sempre pi plausibile che i ritardi siano dovuti all'enorme numero di film in cartellone, alla loro durata spesso superiore alle due ore, alla scarsa distanza fra una proiezione e l'altra: una lezione di cui Muller o chi per lui, nelle prossime edizioni, dovr far tesoro. Polemiche a parte, Urbani a Venezia ha proposto di realizzare un film-documentario tratto dagli archivi della Biennale e del Luce per documentare le follia delle guerre di religione.
L'idea del ministro nasce dalla recente tragedia dell'Ossezia, mentre il Lido ieri ha accolto con grande commozione I tre stati della melancholia, il film-documentario sui bambini della Cecenia, diretto dalla regista finlandese Pirjo Honkasalo. Immagini vere e strazianti testimoniano l'escalation dell'odio nella terra martoriata dal conflitto russo-ceceno: si vedono i bambini-soldato che vengono addestrati nell'accademia militare di Konstadt, vicino a San Pietroburgo, i piccoli abbandonati di Grozny, gli orfani che hanno trovato rifugio e affetto presso una donna in un campo profughi dell'Inguscezia. Per la regista, la strage di Beslan imputabile al terrorismo internazionaleche ha trovato collaborazione e manovalanza tra i disperati della Cecenia. I tre stati della melancholia una coproduzione tra diverse televisioni europee, ma la Rai non figura nel gruppo. Molto probabilmente, osserva la produttrice Kristiina Fervila, non interessata a questo tipo di progetto.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news