LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'argine di Argan alle pretese politiche del Fascio di Forl
Vittorio Emiliani
Unit 31/7/2010

Nel 1938, in pieno regime mussoliniano, il giovane critico d'arte riesce a fermare con il contributo dei soprintendenti e degli esperti, la deriva del podest di Forl sulla mostra dedicata al pittore Melozzo degli Ambrogi. Un episodio inedito nella storia dell'ex sindaco
Nel 1938 Giulio Carlo Argan ha appena 29 anni. Torinese, ha studiato storia dell'arte con Lionello Venturi, uno dei primi a sostenere in Italia l'astrattismo e uno dei pochi cattedratici che hanno rifiutato, nel 1931, il giuramento di fedelt al regime fascista, emigrando prima in Francia e poi stabilmente negli Stati Uniti. Inoltre, Argan, nella citt di origine, ha frequentato cattive compagnie: i suoi coetanei Vittorio Foa e Massimo Mila (del gruppo clandestino di Giustizia e Libert) sono infatti in carcere o al confino da qualche anno, assieme al pi anziano Franco Antonicelli, dopo la delazione di una singolare spia dell'OVRA, lo scandaloso scrittore Pitigrilli. Lo stesso giovane storico dell'arte sar tenuto sotto sorveglianza, per anni, dalla polizia segreta fascista incaricata di reprimere ogni opposizione al regime. Eppure il giovane Giulio Carlo Argan diventato in pochi anni, assieme al toscano Cesare Brandi, uno dei collaboratori di fiducia del ministro dell'Educazione Nazionale, Giuseppe Bottai. In quello stesso 1938, Forl, citt natale di Melozzo degli Ambrogi, celebra i 400anni dalla nascita con una grande mostra sul pittore degli angeli e il suo tempo. Il Ministero ne ha incaricato la Soprintendenza alle Gallerie di Bologna dove col professor Carlo Calzecchi Onesti collaborano i men che trentenni ispettori Luisa Becherucci, poi a lungo direttrice della Galleria degli Uffizi, Cesare Gnudi, futuro straordinario soprintendente a Bologna e studioso di prim'ordine, e Carlo Ludovico Ragghianti, presto storico dell'arte apprezzato e polemico (Gnudi e Ragghianti prenderanno entrambi parte attiva alla Resistenza con Giustizia e Libert). Questo per dire il livello delle Soprintendenze di quegli anni. Eppure del Ministero in cui lavorano, con Argan e Brandi, due giovani di bottega quali Antonio Giolitti e Vasco Pratolini. Inoltre il consulente principe della esposizione su Melozzo Roberto Longhi, un grande maestro, all'epoca in cattedra a Bologna, dove ha avuto o ha per allievi, fra gli altri, Francesco Arcangeli, Giorgio Bassani, Attilio Bertolucci, Augusto Frassineti, Alberto Graziani, una autentica scuola. Senonch Forl, nel XVI dell'era fascista, qualcosa di pi di un capoluogo romagnolo di provincia. Di fatto, d'estate, la sede del governo si trasferisce da Roma alla vicina Rocca delle Caminate, sopra Predappio, patria del duce. Inoltre la stampa dell'epoca presenta la mostra come una formidabile celebrazione del generoso figlio di Romagna che, onestamente, assomiglia assai pi a Mussolini che non a Melozzo. Annusando laria, lo storico dell'arte, nonch pittore e amatore musicale, l'imolese Rezio Buscaroli, fascista convinto, spinto dal podest di Forl, Fantini Panciatichi, comincia a premere su Roma affinch l'esposizione diventi sempre pi mastodontica. Egli chiede, a colpi di lettere e di telegrammi, che nuovi pittori vengano inseriti nella cerchia di Melozzo (che era stato, soprattutto, pittore di affreschi, anche nella sua citt, con lo splendido ciclo di San Biagio purtroppo verr distrutto a fine 44 da bombe aeree tedesche). Finch il soprintendente bolognese Carlo Calzecchi Onesti non si stufa, si ribella, prende carta e penna, e sbotta: siamo persone non bisognose di cure psichiatriche ... Ma Buscaroli e Fantini Panciatichi continuano nelle loro pressioni, forti della romagnolit del duce. A questo punto, dall'ufficio del ministro Bottai, il ventinovenne Giulio Carlo Argan mette per lettera alcuni punti fermi: l'autorit scientifica di Roberto Longhi fuori discussione, essa tanto superiore alla mia ed potenziata dalla sua qualit di consulente tecnico della Mostra . Argan cos prosegue: Ritengo che il progetto della Soprintendenza sia criticamente perfetto , ispirato al pi assoluto rigore scientifico. Il giovane storico dell'arte difende con rigore l'operato del suo Ministero: giudicare - come fa Rezio Buscaroli in una lettera - l'atteggiamento conciliativo di Roma come impossibilit d'ingerenza o come agnostica indifferenza al problema, ti dir francamente ch'essa mi pare non meno arbitraria che irrispettosa, del resto i fatti l'hanno gi confutata. Il Ministero pu cercare di venire incontro ai desideri degli ambiti locali, sempre che non ne sia compromessa la dignit scientifica delle Manifestazioni. Chiaro e netto.
Giulio Carlo Argan (l'intero carteggio conservato nella bella Biblioteca Civica di Forl) preannuncia una lettera del consulente Roberto Longhi. Questi, in due fogli manoscritti, ribadisce alcuni concetti certamente poco graditi ai gerarchi forlivesi. A suo avviso, il professor Buscaroli ha male bruciato le tappe ricorrendo improvvisamente a Roma, invece di attendere le comunicazioni per il tramite della Soprintendenza, cui il Ministero (con un diritto dal quale non potrebbe mai abdicare) ha affidato la direzione tecnica della Mostra . Entrando nel vivo delle pressanti richieste di Rezio Buscaroli, Roberto Longhi precisa: Di un particolare poi io La prego di prendere nota e cio che io ho aderito alla Sua insistenza a proposito di Bitino (da Faenza, n.d.r.), non ho gi, con questo, inteso approvare in sede strettamente critica tale inclusione, ma piuttosto di coprire, almeno con l'occasione della buona qualit artistica di Bitino, un errore gi avvenuto (e non certo per volont della Soprintendenza) con l'ammissione di Giovanni da Riolo. E conclude seccamente: Per il riguardo critico, mi preme anzi di esprimerle in tutta lettera che, ove fosse stato in mio potere, io non avrei inscritto alla Mostra n l'uno n l'altro artista. Anzi, se lo spazio risultasse insufficiente, sarebbe buon avviso procedere alla eliminazione di quei due autori, spiritualmente affatto anacronistici. In conclusione, sia il ministeriale Argan che l'universitario Longhi - ma il primo, certo, da una posizione politicamente pi delicata - fanno argine in modo netto alle pretese politiche del Fascio di Forl (all'epoca piuttosto potente) avanzate con arroganza tentando di raggiungere direttamente Palazzo Venezia. Nell'anno XVI dell'era fascista non era facile n senza rischi difendere in questi termini i diritti della storia dell'arte e degli organismi tecnico-scientifici dall'invadenza della politica. Non lo oggi. Figuriamoci allora. Anche se Giuseppe Bottai era certamente pi colto e consapevole di Sandro Bondi. Alla luce di questa storia, si comprende meglio sia la statura scientifica dei principali protagonisti, sia la loro dirittura morale. Alcuni di loro avranno, non a caso, un impegno intenso e coraggioso nell'antifascismo attivo e nell'Italia repubblicana. Argan sar, nel 1976, il sindaco, come indipendente di sinistra, della prima giunta rossa (Pci-Psi-Psdi) al Campidoglio, per tre anni, e, in seguito, senatore comunista nella IX e X legislatura, svolgendo un ruolo fondamentale nell'approvazione della legge Galasso sui piani paesaggistici del 1985.
Ma torniamo al 1938. Solo per notare come, nel rivolgersi a Buscaroli, Roberto Longhi usi il lei e Giulio Carlo Argan un pi confidenziale tu. Nessuno dei due si sogna di usare il voi che pure il regime mussoliniano prescriveva con puntiglioso zelo, da parecchi anni.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news