LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dai tesori egizi a Caravaggio il boom dei capolavori in tourne
di DARIO PAPPALARDO
la Repubblica (04 agosto 2010)


Negli Usa arrivata la biga del faraone, l'Italia ha portato Canaletto in Cina e vorrebbe muovere i Bronzi. Oggi spostare le opere pare un modo per attirare turisti. Ma c' chi contrario: potrebbero danneggiarsi

Dai tesori egizi a Caravaggio il boom dei capolavori in tourne "L'annunciazione" di Leonardo da Vinci, agli Uffizi, fu esposto a Tokyo nel 2007

ROMA - Eppur si muovono. Dodicimila opere di arte antica delle gallerie statali ogni anno lasciano, per qualche mese, il loro domicilio abituale alla volta di altri musei, nazionali o stranieri, alimentando 900 tra mostre ed esposizioni speciali. Gli americani, intanto, impazziscono in fila per vedere il cocchio di Tutankamon, appena sbarcato dall'Egitto. Il capolavoro, insomma, sempre pi "in tourne". Per i due Bronzi che restano a Reggio Calabria, ci sono altrettanti Canaletto che in questo momento si trovano a Shanghai. O il Narciso attribuito a Caravaggio, che ha conquistato 20 mila montenegrini in due settimane. Il quattrocentesco Trittico di Beffi, proveniente dall'Abruzzo, invece da quasi un anno si aggira come un turista per le maggiori fondazioni d'arte americane: adesso al Getty, in California. Per non parlare delle superstar: Leonardo (L'Annunciazione) e Tiziano (La Venere di Urbino) hanno conquistato quasi un milione di giapponesi a testa, quando, nel 2007 e nel 2008, furono inviati a Tokyo, tra le polemiche di soprintendenti e direttori di musei. Il prossimo a partire sar ancora Caravaggio, con un dipinto non ancora scelto, alla volta di Cuba.

"I prestiti devono essere meno, ma pi sensati. Bisogna costruire degli eventi attorno alle nostre opere che vanno all'estero", dice il direttore generale per la Valorizzazione del patrimonio culturale Mario Resca. Di certo, per ora non diminuiscono. Anzi, sono triplicati rispetto ai numeri degli anni Ottanta, quando si contavano circa 700-800 capolavori provvisti di passaporto. "Benefici economici in linea di massima non ce ne sono", dice Claudio Strinati, per quasi vent'anni soprintendente a Roma. "Quando si presta un'opera, spesso il vantaggio che in cambio venga restaurata da chi la richiede. O che questo stesso dia in cambio al museo prestatore pezzi della sua collezione". Due sono le principali cause per cui un dipinto o una scultura non vengono allontanate dal luogo in cui sono esposte: la percezione della sua indispensabilit e i problemi di conservazione. Spiega Strinati: "Un turista non pu andare alla Galleria Borghese di Roma e non trovare la Paolina Bonaparte di Canova. Per questo, oltre che per ragioni di sicurezza, non si sposta da l. Un museo deve prestare senza perdere di dignit. Non deve spogliarsi. In quasi vent'anni di lavoro come soprintendente, ho prestato anche molti Caravaggio, ma senza mai correre rischi".

Ci sono musei che hanno stilato il loro elenco di tesori "inamovibili", opere il cui prestito non ritenuto "opportuno": 23 sono quelle degli Uffizi. Tra queste, anche la Nascita di Venere di Botticelli, da poco richiesta all'estero. Mentre la Gioconda non si sposta dal Louvre. Oggi una domanda di prestito deve essere inviata al direttore del museo, che fa rapporto al soprintendente. Questi manda al ministero dei Beni Culturali una sua relazione, esprimendo l'opinione in merito. La questione viene poi esaminata da un comitato nazionale di settore che d parere favorevole o contrario. La decisione finale viene ratificata dal ministero. "Stiamo studiando nuove linee guida per i prestiti delle opere", anticipa Resca. "Per ora i criteri sono troppo soggettivi. assurdo che cambino a seconda del soprintendente in carica". Ma non solo: alla direzione della Valorizzazione del patrimonio culturale stanno valutando anche l'ipotesi che un domani sia una sola grande compagnia assicurativa internazionale a gestire per il ministero i prestiti delle opere in entrata e in uscita: "Potremmo pensare a una gara internazionale. Dobbiamo ottimizzare i costi di assicurazioni e trasporti per le mostre che organizziamo quando siamo noi a chiedere i prestiti", puntualizza il manager dei Beni Culturali.

Chi sembra aver trovato la gallina dalle uova d'oro, intanto, il soprintendente egiziano Zahi Hawass, che sta portando da anni il tesoro di Tutankamon in tour per l'America, fatturando finora 100 milioni di dollari da reinvestire al Cairo. Ultima la biga, "parcheggiata" al Discovery Times Square Exposition di New York. " un regalo alla gente di New York che spero ci ricambier", ha detto Hawass al New York Times. I conti tornano.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news