LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. Accordo per i Giganti
Carlo Figari
Unione Sarda 6/8/2010

Vertice a Cagliari col manager del ministero Mario Resca: in autunno grande mostra a Sassari, poi il trasferimento a Cagliari e tourne in Italia. Il supermanager del Ministero dei beni culturali Mario Resca giunto ieri in Sardegna per la prima volta con l'obiettivo di sbloccare la vicenda dei giganti di Monte Prama e con una proposta clamorosa: portare alcune delle statue in tourne per il mondo. Perch no? Potremo inserire questi magnifici simboli dell'antica civilt sarda nel circuito degli scambi internazionali. I misteriosi guerrieri di pietra potrebbero diventare ambasciatori della vostra isola e trasformarsi in un richiamo turistico eccezionale, come avvenuto con i bronzi di Riace per Reggio Calabria. Le prime trasferte potrebbe essere proprio in Calabria per un confronto con le due statue elleniche (attualmente in restauro) oppure a Roma dove arriveranno i famosi guerrieri di terracotta di Xian nell'ambito dei programmi culturali tra Cina e Italia. Per ora un'idea, lanciata ufficialmente durante un vertice alla Cittadella dei musei con i maggiori responsabili delle Soprintendenze e i rappresentanti dei comuni di Cagliari, Cabras e Sassari, interessati ad accogliere ai giganti di pietra, trovati a Mont e Prama nel 1974 e restaurati nel laboratorio di Li Punti con un intervento durato vent'anni.
Mario Resca, un passato da manager in importanti gruppi (Eni, Mondadori, Rizzoli, McDonald's Italia), da oltre un anno ricopre il ruolo inedito di direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del Mibac. Una novit voluta da Berlusconi e dal ministro Bondi per modernizzare e dare uno slancio a un ministero legato dalla burocrazia e soprattutto affogato dalla cronica carenza di fondi. Accolto da critiche e polemiche, oggi Resca incassa i primi risultati annunciando i numeri molto positivi del primo semestre del 2010 riguardo ai visitatori dei 419 musei e siti statali: pi due milioni con gli introiti dei biglietti che crescono del 6,45 per cento. Dopo tre anni di crisi finalmente c' stata un'inversione di tendenza che fa ben sperare per una ripresa generale, rileva il manager con soddisfazione. Il trend positivo si registra anche in Sardegna con un pi 14,6 per cento per il numero di visitatori e pi 24,75 per cento per gli introiti. Solo il museo archeologico nazionale di Cagliari in luglio ha staccato 8 mila biglietti in pi rispetto al 2009, un risultato notevole che si deve alle numerose iniziative, all'apertura gratuita e anche all' aumento dei turisti grazie ai voli low cost e alle crociere, sottolinea Maria Assunta Lorrai, direttore regionale delle Soprintendenze.
Missione difficile, quella di Resca, nella sua prima visita nell'isola per mettere d'accordo i sardi che, come si sa, sono sempre disuniti e tra loro litigiosi. A conclusione dell'incontro nelle sale del museo (Bellissimo e ben allestito, come molto bello tutto il contesto della Cittadella, ha detto Resca ammirando il panorama dalle mura spagnole) si tirato un bilancio sul futuro delle statue. Tutti le vorrebbero, a partire dal Comune di Cabras che rivendica la paternit visto che i resti delle 23 sculture furono ritrovati nel suo territorio. Le vorrebbe tenere Sassari dove nel laboratorio di Li Punti si portata a termine la certosina ricomposizione dei frammenti di pietra che rappresentano guerrieri, pugilatori, arcieri e modelli di nuraghi. Le vorrebbe Cagliari, sede del museo archeologico nazionale che raccoglie i reperti pi importanti della Sardegna.
Resca, contrariamente alla fama di duro che si porta dietro, ha svolto un'opera di diplomazia cercando un'intesa tra le diverse esigenze. I giganti rappresentano l'intera l'isola, la civilta nuragica, sono patrimonio di tutti, ribadisce: Dobbiamo farli conoscere anche fuori dalla Sardegna perch poi diventino un richiamo turistico con effetti positivi per l'economia del territorio. Quali sono i programmi scaturiti dal vertice? Per ora si tratta di ipotesi - fanno sapere dalla Soprintendenza regionale - che verranno messe a punto nei prossimi incontri. Intanto si parte con una grande mostra a Sassari tra ottobre e novembre per presentare la conclusione del restauro. Successivamente le statue troveranno un'adeguata collocazione nel museo di Cagliari in attesa che qualche pezzo possa essere ospitato nel museo di Cabras-Tharros, oggi non ancora attrezzato. Nel contempo Resca si impegnato ad inserire i giganti nel circuito nazionale e internazionale di mostre e scambi.
Infine, per venire incontro alle richieste di Cabras, si parlato di una ripresa degli scavi a Mont e Prama dove gran parte della zona non stata interessata dalle ricerche e dunque non si escludono nuove scoperte. Ulteriori scavi aggiunge Maria Assunta Lorrai potrebbero dare risposte ai misteri che ancora avvolgono le statue.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news