LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il premio Lampedusa allo studioso scomparso. Parla il figlio dello scrittore
SALVATORE FERLITA
SABATO, 07 AGOSTO 2010 LA REPUBBLICA - Palermo





LANZA: "IO E ORLANDO A CASA DEL GATTOPARDO"

Un riconoscimento post mortem proprio come capit al suo maestro per lo Strega. "Francesco non avrebbe voluto pubblicare il suo romanzo in vita ma cambi idea"


Gioacchino Lanza glielo aveva annunciato a Pisa, in occasione di uno dei loro ultimi incontri: Ero l per tenere un seminario alla Normale - racconta il musicologo palermitano - e Francesco Orlando si disse felice di ricevere il premio internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa. morto due settimane dopo che la giuria, da me presieduta, si era pronunciata ufficialmente.
A ritirare il riconoscimento, stasera (alle 20,30 a Palazzo Filangeri di Cut, a Santa Margherita Belce), sar Luciano Pellegrini, erede e allievo dello studioso scomparso. Strano destino: allallievo toccata la stessa sorte del maestro, lautore del Gattopardo, insignito del premio Strega quando gi era passato a miglior vita. Del resto - aggiunge il figlio adottivo di Tomasi di Lampedusa - Orlando aveva firmato un primo contratto con Einaudi per pubblicare il suo romanzo post mortem. Le cose poi andarono diversamente, dal momento che le informazioni ricevute riguardo alla sua liquidazione di professore universitario si rivelarono sbagliate. Aveva acquistato una casa sul Lungarno, per trasferirvi la sua biblioteca. Per questo decise di farlo uscire in vita, nel tentativo di recuperare qualcosa.
Non poteva esserci un riconoscimento pi adeguato per uno che si era fatto le ossa frequentando Giuseppe Tomasi di Lampedusa...
Non solo Francesco Orlando frequent Lampedusa ascoltando le sue lezioni, nel periodo della stesura del Gattopardo, ma ebbe pure modo di leggergli il suo romanzo nella stesura originaria. E va ricordato che Tomasi aveva subito apprezzato le qualit artistiche di Orlando, le sue prime prove letterarie, una raccolta di poesie pubblicata e un testo teatrale dedicato a Don Giovanni. E pure rimase molto impressionato da quello che poi sarebbe diventato La doppia seduzione, in cui di certo presente la lezione del maestro: si tratta di un romanzo secco, infatti, il cui stile guarda ai modelli di Stendhal e di Chauderlos de Laclos. A tal punto gli piacque da scrivere un commento, di cui riportato un breve estratto nella quarta di copertina. In origine erano sette o otto pagine di osservazioni e chiose, alle quali Orlando teneva moltissimo.
Nella motivazione della giuria, si legge che La doppia seduzione una narrazione fatta di allusioni, di pulsioni emozionali, di erotismo represso e inespresso filtrati da una cifra di scrittura elegante e colta. Insomma, un romanzo difficile. daccordo?
Certo, non un libro facile, ma se si rilegge, molte asperit spariscono. Si tratta di un romanzo allapparenza estraneo ai luoghi e alle reminiscenze ma in verit la Palermo sulla met degli anni Cinquanta il luogo deputato delle traversie psicologiche del protagonista. Il romanzo cos anche una sorta di diario di quello che era Palermo negli anni Cinquanta, con il primo tratto di via Libert, lUcciardone, il quartiere delle banche. Attraversato per dalla storia di una grande, personale sofferenza, che ne fa anche un testo di passione civile, non tanto per i problemi legati alla repressione, quanto invece per quelli derivati dalla difficile accettazione della diversit. Non un best seller, ma un libro di tenuta e di riferimento.
Per voi quello fu un periodo, tra il 1956 e il 57, di eroici furori: c ancora unaura di leggenda attorno al cenacolo che si venne a creare. cos?
vero, ci sono in giro leggende metropolitane in proposito, sono stati in molti a dire di avere partecipato agli incontri, ma in realt si tratt di un gruppo ristretto, con soltanto due persone nel ruolo di discepoli: Francesco Orlando ed io, ed a noi vicini Francesco Agnello, e non pi di altri dieci in veste di uditori. Francesco Orlando cominci a frequentare Lampedusa sulla fine del 1955. Cera in noi lansia della giovent in trappola, una giovent minacciata, anche perch il mondo che ci stava intorno cambiava repentinamente. Io provenivo da una famiglia che agli inizi degli anni Sessanta, come molte altre, era passata attraverso la crisi della rendita agraria. Eravamo persone che volevano evadere. Lindolenza antica non era pi sostenibile, e Lampedusa non perdeva occasione per spronarci. Parlava a noi dello scacco della propria vita, e sperava di fornici i mezzi che ci avrebbero affrancati dal provincialismo.
Cosa vi diceva Lampedusa?
Ci prendeva garbatamente in giro, a volte uscendo anche con una punta iraconda, subito repressa dal suo supremo controllo del sottintenso. Burlava Francesco Orlando, ad esempio, per il suo attaccamento alla palma di Valdesi, la piazzetta in fondo alla discesa, punto di riferimento per i giovani negli anni Cinquanta. Non nascondeva un certo scherno riguardo ad alcune nostre affezioni. Non un caso che nelle sue ultime volont, un testo lungo e sofferto, Francesco Orlando abbia espresso il desiderio di far disperdere le proprie ceneri nel mare di Mondello.
Come si faceva a rimanere insensibili al fascino di uno scrittore colto e caustico come Lampedusa?
La nostra giovent fu profondamente segnata dalla sua presenza, e se entrambi abbiamo fatto carriera, lo dobbiamo alla sua didattica occulta. Anche se poi, a un certo momento, ci fu la rottura tra Orlando e Lampedusa, come lo stesso studioso racconta nel suo saggio Da distanze diverse, ripercorrendo il travaglio dellemancipazione dal maestro. Siamo nel 1957, e per Lampedusa fu un episodio spiacevole, direi doloroso.
Anche se Orlando non venne mai meno alla lezione del suo maestro, come dimostrano pure i suoi saggi. cos?
S, vero, anche nel corso della sua attivit di ricerca scientifica, Francesco ha tenuto conto del fatto di essere stato allievo di Lampedusa. Rivelandosi uno studioso particolare, con una sorta di doppia natura, uno studioso dove linvenzione si accoppia alla scienza, come dimostrano anche i suoi libri di teoria letteraria. Di certo, per profondit ed originalit, la saggistica di Orlando ha una tenuta ed i testi resteranno un punto di riferimento della ricerca.
A proposito di libri sempre letti, il Gattopardo continua a non dimostrare affatto la sua et
Ogni anno arrivano tra i quaranta e i sessanta mila euro di diritti lordi, che divido con i fratelli Bianchieri, gli eredi della moglie di Lampedusa. Ma solo il 6, 7 per cento riguarda lItalia. Il resto viene dallestero. Il Gattopardo il romanzo italiano del Novecento italiano pi conosciuto nel mondo. Nel 2008, per il cinquantenario della pubblicazione, lassessorato ai Beni culturali della Regione si mise in contatto con me per un grande progetto. Era la quarta volta nel giro degli ultimi dieci anni. Ed anche questa volta non se fece nulla. Ma Santa Margherita Belice sempre stata fedele al bambino che scorrazzava un secolo fa nel giardino del palazzo Cut. Il premio Tomasi di Lampedusa una realt.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news