LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO. «Questo è un insulto alla bellezza» Il nuovo look non piace ai cittadini e nemmeno ai turisti
GIOVEDÌ, 02 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Prato







MA.LA.
E’ stato il suo tormentone estivo, tra un caffè e l’altro da preparare. La gente che gli chiedeva come mai fossero sparite le finestre da Palazzo Pretorio, i turisti che, guida alla mano di Prato, notavano che qualcosa non tornava sulla foto della facciata. Luciano Botrini, titolare del bar all’angolo tra via Cairoli e via Ricasoli (proprio di fronte al palazzo), ha visto con i propri occhi rimuovere le vetrate in stile “liberty” che facevano più storico l’edificio. Per questo non vuole sentire ragioni, anche se, come vuole il proverbio, “de gustibus non disputandum est”. «Questa operazione è un vero insulto alla bellezza dell’opera - lamenta il barista - Mi meraviglio che la Soprintendenza abbia dato il via libera. E pensare che a me fanno storie se metto 4 tavolini all’aperto». Di pratesi arrabbiati per questo nuovo modello del palazzo, Botrini ha perso il conto. «Si fermano al bar e mi chiedono quando rimettono le finestre. So solo che quando è venuta la ditta a portare via le vetrate piombate - racconta il barista - ho chiesto spiegazioni agli addetti e loro mi hanno risposto che quel materiale veniva gettato via. Ora, va bene mettere in sicurezza la facciata, ma si poteva mettere una protezione dall’interno, come succede a Palazzo Strozzi a Firenze che ha mantenuto le sue vetrate storiche». Tra i primi ad accorgersi del cambiamento di Palazzo Pretorio è stata anche Luigia Santi, artigiana esperta di ceramiche, per la quale il rispetto del valore storico del palazzo è «questione che riguarda tutti i cittadini». Storce la bocca anche una turista tedesca in compagnia del marito, Sybille Kopf, fra i visitatori stranieri in vacanza che in questi giorni fanno capolino in città.
E in inglese fa intendere che quelle vetrate sono «troppo moderne, non rendono giustizia al peso storico della struttura». Ieri mattina la signora ne approfittava comunque per farsi scattare una foto cartolina con la magnificenza del palazzo sullo sfondo. Qualcuno poi, passando frettolosamente in piazza del Comune, non aveva neppure fatto caso alla novità. Come Veruska Signori che, a ben guardare, trova altre criticità. «Ho capito che dovevano cambiare le finestre, ma questi strati di stucco che ci hanno lasciato non si possono guardare». Per Silvia Gentile dell’Ottica Rosati, invece, il nuovo look delle finestre è secondario rispetto alla possibilità di godere finalmente della vista del palazzo. «L’importante è che abbiano tolto il ponteggio. Forse bisognerebbe avere più cura di questo tesoro cittadino. Faccio notare che l’orologio segna le 13.50 da 4 anni». Bocciate le nuove vetrate anche dalla ragazza dell’edicola sotto le logge del Comune, mentre unica voce fuori dal coro è quella di Matteo Caldaroli, un anziano cittadino, che tira in ballo la politica nell’esprimere giudizi. «Sono di destra, per cui quello che decide questa giunta mi sta bene». Peccato che il progetto di restauro del palazzo affondi le radici nelle amministrazioni precedenti.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news