LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SAN BONIFACIO. Villabella, sindaco e Comitato in guerra sulla nuova viabilità
01/09/2010 L'ARENA

È scontro dopo il «no» dei cittadini al progetto di riqualificazione del quartiere presentato dalla Giunta
Acceso scambio di accuse dopo il fallito tentativo del Comune di coinvolgere i residenti con un questionario


Estate rovente a Villabella dove i rapporti tra il Comitato locale e l'amministrazione comunale sembrano giunti ai ferri corti. I grossi problemi del quartiere tornano infatti al centro di uno scontro particolarmente aspro scaturito dalla presentazione da parte del sindaco Antonio Casu del progetto di riqualificazione di Villabella, progetto respinto in toto dal Comitato che ha scatenato uno scambio di lettere roventi con reciproche accuse di falsità e malafede.
Ad accendere lo scontro tra il sindaco e il Comitato è stato il piano di sistemazione del quartiere, illustrato all'inizio dell'estate dall'amministrazione in un incontro pubblico. Il progetto, che gode del sostegno della Regione, riguarda la creazione di una nuova viabilità per i mezzi pesanti per evitare che transitino nel centro abitato, la realizzazione di nuove piste ciclabli, arredo urbano e parcheggi ad uso del verde attrezzato davanti a Villa Gritti la quale sarà riqualificata per destinarla ad uso pubblico e iniziative di promozione del territorio. Una illustrazione che non è piaciuta al Comitato che, convocando una seconda assemblea, ha respinto drasticamente l'ipotesi viabilistica chiedendo invece che la strada rimanga così com'è, ma vietata ai camion e con alcuni dossi dissuasori.
Il secco «no» del gruppo di cittadini ha però indispettito il sindaco che, per tutta risposta, ha fatto recapitare alle famiglie di Villabella 180 questionari sul tipo di viabilità preferita, da restituire firmati in municipio. Una mossa che non è piaciuta al Comitato che, in una nuova assemblea, ha raccolto 64 questionari restituiti in blocco e in bianco in Comune. «Il questionario prevede risposte ovvie che offendono l'intelligenza, non è stato recapitato a tutti, viola il diritto di riservatezza, non affronta i problemi reali che sono quelli degli espropri dell'allargamento della strada e dell'Agriflor-Valliflor», ha fatto sapere il Comitato motivando la protesta.
Intanto, in Comune, dei 180 questionari distribuiti ne sono tornati compilati solo 12 (cinque con la scelta del senso unico e sette con il doppio su strada allargata), oltre i 64 in bianco della protesta, mentre 103 non sono stati restituiti.
E a rincarare la dose sulla protesta e al flop del quetionario, ci ha pensato Valter Giacomin, vicepresidente del Comitato e anche del Coordinamento dei Comitati della provincia, con una lettera in cui si nega la veridicità delle affermazioni di Casu sulla scelta regionale di Villabella tra le otto località da finanziare per la valorizzazione paesaggistica. Un'altra missiva del Comitato, firmata dal presidente Santo Dalla Tomba, dal vice Giacomin e dal segretario Marco Venturi cui si aggiunge anche il consigliere comunale Silvano Polo ha poi accusato l'amministrazione di mentire. Polo dice infatti: «Non è vero che i 117mila euro erano stati stanziati per Villa Gritti, ma per la riqualificazione di Cà Lioncello e via Tombole, non è vero che Villabella era fra gli otto siti veneti individuati dalla Regione e infine le due opzioni viabilistiche presentate dal sindaco non sono altro che un bluff, perché tutto era già stato deciso nel febbraio 2010».
Polo nella lettera conclude lapidario: «L'Agriflor va chiusa, non è vero che non si può più farci niente, come sostenuto da Casu, perché l'autorizzazione regionale è scaduta il 6 giugno, la Provincia ha concesso solamente una proroga di 4 mesi e "l'invenzione" della Valliflor ha permesso un salvataggio in corner». Per Polo, inoltre, «il sito di Cà Lioncello va bonificato a spese dell'Agriflor e della Regione e i terreni circostanti devono essere monitorati seriamente perché la Procura ha appurato la presenza di liquami inquinanti».
Dal canto suo il sindaco Casu non ha voluto lasciar correre e in una lettera aperta ha precisato che la volontà del Comune era di «cogliere l'occasione del progetto regionale per inserirvi anche la riqualificazione della viabilità nel centro abitato di Villabella, in risposta alle richieste degli abitanti». E aggiunge: «Abbiamo voluto consultare i residenti per scegliere tra due soluzioni. O allargamento con doppio senso di marcia o costruzione del marciapiede portando la viabilità a senso unico. A parte il fatto che si potrebbe rilevare da parte del Comitato una azione di intralcio all'attività amministrativa, quella fatta dal gruppo è una interpretazione "furbescamente" errata che mescola la nuova viabilità nel centro con il traffico pesante, volutamente ignorando quanto chiaramente esposto e cioè che l'obiettivo è proprio prioritariamente quello di eliminare il traffico pesante dal centro abitato».
Infine il primo cittadino ha replicato, carte alla mano, sulla veridicità dell'inserimento di Villabella tra gli otto siti da finanziare: «Lo comprova il protocollo d'intesa che stabilisce il cofinanziamento del progetto per questo al consigliere Polo dico che, visto che è a conoscenza del protocollo firmato con la Regione, sa bene che i 117mila euro sono per la riqualificazione delle discariche dismesse e mai nessuno ha dichiarato che questi fossero stanziati per Villa Gritti».
E ha concluso: «Quindi Polo ci pensi bene prima di scrivere che il sindaco e i suoi assessori hanno mentito pubblicamente». ©

Gianni Bertagnin



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news