LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - In quattro parole Roma Capitale. Poteri Urbanistica, commercio, trasporti e ambiente.
IL TEMPO 02/09/2010


Bozza Ecco il secondo decreto. Sarà legge in primavera

Il Campidoglio deciderà da sé

Così, mentre si attende la fine dell'iter legislativo del primo atto che definisce Roma «ente speciale» delineandone gli organi istituzionali, si inizia a discutere sul secondo, e più importante testo, quello del conferimento delle funzioni a Roma Capitale.


Mai più dunque procedure elefantiache per approvare un piano regolatore, una variante urbanistica, un piano del commercio sulle aree pubbliche, criteri e requisiti per la somministrazione di alimenti e bevande. E ancora, la definizione ad esempio della pianta organica delle farmacie, la gestione delle riserve naturali interne al Comune, autorizzazioni e valutazioni paesaggistiche e ambientali. E, vale la pena sottolineare, l'Autorità di bacino del Tevere per la parte relativa all'attraversamento di Roma. Questo solo per dare qualche pratico esempio di una vera e propria rivoluzione non solo istituzionale ma anche politica e sociale che, dopo 140 anni, riconosce nei fatti e non a parole, gli oneri della Capitale. E, al di là dei dettagli, ancora tutti da definire nelle sedi istituzionali preposte, l'affermazione di una realtà evidente ancora soltanto agli addetti ai lavori. Roma comune più grande d'Europa, seconda solo a Londra per estensione di territorio. Eppure ancora amministrata come una piccola istituzione di provincia. L'iter legislativo scelto è quello più «veloce» e deve concludersi entro maggio 2011, vale a dire dopo 24 mesi dall'approvazione (il 5 maggio 2009) della legge 42. Vale a dire quella sul federalismo fiscale, all'interno della quale l'articolo 24 delega al governo l'attuazione di organi e funzioni di Roma capitale prevista, ricordiamo, dalla Costituzione. I tempi dunque ci sono ma vanno rispettati senza dilazioni. La legge c'è. Sull'attuazione di questa, ovvero sulla definizione del nuovo ente speciale, i suoi organi, le sue funzioni, il Parlamento ha delegato il governo che opera attraverso «decreti delegati». Cinque i passaggi istituzionali: prima lettura e voto del testo da parte del Consiglio dei Ministri; parere e deduzioni da parte del Comune di Roma e della Conferenza Stato-Regioni, esame e voto della commissione bicamerale per il federalismo fiscale e voto finale del Consiglio dei ministri. Un iter tutto sommato semplice che si sta per concludere per il primo decreto. L'obiettivo è quello del 20 settembre, quando il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si recherà in visita ufficiale in Campidoglio. Qui riceverà la cittadinanza onoraria diventando, speriamo, primo cittadino di Roma Capitale. A quel punto Alemanno potrà allargare la sua Giunta a 15 assessori e il Consiglio comunale diventerà Assemblea. I minisindaci dei Municipi rientreranno nel novero degli organi di governo della nuova istituzione. Non solo onori però. Da quel momento i consiglieri capitolini avranno sei mesi di tempo per approvare il nuovo statuto. Senza quello Roma Capitale resterà una chimera.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news