LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VERONA - Tornelli alla Casa di Giulietta. La Giunta ha deciso: si paga
L'ARENA - Giovedì 02 Settembre 2010 CRONACA Pagina 13




MONUMENTI E TURISMO. Torna alla ribalta la proposta lanciata tre anni fa, ma poi accantonata, per gestire le visite



Tosi e Polato: «Stiamo studiando le soluzioni per evitare code all’ingresso e all’uscita, d’intesa con la Soprintendenza»

Tornelli fuori dal cortile di Giulietta per far entrare quanti pagheranno il biglietto per visitarlo. Si torna all’idea lanciata tre anni fa dall’assessore all’edilizia pubblica Vittorio Di Dio. All’epoca accantonata, ma oggi di nuovo alla ribalta dopo che la Giunta ha deciso di mettere e pagamento (si parla di un euro) l’ingresso al cortile, come ha scritto L’Arena nei giorni scorsi.
La Giunta ha ribadito nella riunione di ieri mattina di voler far pagare un ticket per entrare nell’androne, dove sono affissi al muro i messaggi d’amore e dove s’incontra poi la statua di Giulietta, sotto il palazzo con il balcone.
«La decisione di far pagare è confermata», commenta il sindaco Flavio Tosi, insieme a Daniele Polato, assessore al patrimonio, «e dovremo soltanto studiare le migliori soluzioni tecniche per evitare code all’ingresso e all’uscita. Inoltre, se metteremo i tornelli, dovremo anche presentare il progetto alla Soprintendenza».
TAGLI. Con un ticket a un euro e considerando che nel cortile di Giulietta entrano dal milione al milione e mezzo di visitatori ogni anno, questo vorrebbe dire far entrare dal milione al milione e mezzo di euro l’anno nelle casse del Comune.
In periodi di crisi economica e visti i tagli di trasferimenti statali agli enti locali previsti dalla manovra finanziaria — per Verona si va per il 2011 da un minimo di nove e a un massimo di 12 milioni in meno — Palazzo Barbieri troverebbe così l’opportunità di respirare un po’. E come ha già fatto sapere l’Amministrazione, oltre a tenere in ordine e pulito il cortile, con i soldi che entrerebbero, pagando alcuni sorveglianti, si potrebbe tenere aperto il cortile anche la sera (oggi si chiude alle 19.30) quando numerosi turisti vogliono entrare per affiggere un bigliettino o scattare una foto all’interno, ma trovano il cancello chiuso.
«Tre anni fa la mia proposta non venne capita», dichiara Di Dio, «ma oggi viene rilanciata e cercheremo di discuterne e di trovare la migliore soluzione. Oltre ai tornelli, però, si può trovare una modalità per obliterare i biglietti, con una pistola laser con lettore ottico, come quelle utilizzate nei supermercati, in modo da velocizzare l’ingresso e da evitare lunghe code su via Cappello. I biglietti, fra l’altro, potrebbero essere venduti all’interno del circuito della Verona card».
Di Dio ha lanciato anche la proposta di far pagare all’ingresso del cortile anche il biglietto per entrare nella Casa di Giulietta (6 euro, con alcune riduzioni per minori e ultrasessantenni), magari con uno sconto, per chi vuole. L’assessore comunale ha fatto sapere, però, che prima di avviare l’iniziativa il Comune intende consultare gli altri proprietari degli edifici che danno sul cortile, cioè l’albergo-relais, i due negozi e il foyer del Teatro Nuovo, per trova una soluzione condivisa.
L’IDEA. I tornelli, come spiega l’assessore all’edilizia pubblica, potrebbero essere quelli “a scomparsa”, cioè con l’asta di acciaio orizzontale che ruota e si abbassa quando si introduce il biglietto. Nel frattempo, il Comune sta decidendo sui pannelli per affiggere i messaggi d’amore, con la pubblicità di aziende che potrebbe coprire i costi per la pulizia del cortile. Cuori di cioccolato dopo il «sì» nella città scaligera. Li riceverà per prima una coppia di svedesi che si uniranno in matrimonio domani, alle 17, alla Casa di Giulietta, nell’ambito dell’iniziativa «Sposami a Verona».
Grazie a un accordo di collaborazione con il Comune, chi si sposerà alla Casa di Giulietta o nella Cappella dei Notai del Palazzo della Ragione riceverà in omaggio una confezione di «Agape il cioccolatino di Verona», prodotto dalla ditta La Cioccolateria di Verona.
La ditta, che ha proposto al Comune l’accordo, offrirà ai novelli sposi e ai testimoni delle nozze una particolare bomboniera, un sacchettino rosso contenente dolcetti a forma di cuore a due colori, con cioccolato bianco e fondente, a rappresentare l’unione degli innomorati.
«Con questo accordo si va a migliorare ulteriormente un progetto, come Sposami a Verona, che ha contribuito a promuovere il turismo nella nostra città, offrendo la possibilità a decine di coppie di innamorati, provenienti da ogni parte del mondo, di unirsi in matrimonio nel luogo simbolo dell’amore eterno, come la Casa di Giulietta, o in altri siti prestigiosi messi a disposizione dall’Amministrazione comunale», commenta, in municipio, l’assessore ai servizi demografici Daniele Polato, ideatore del progetto «Sposami a Verona», insieme al sindaco Flavio Tosi, presente la titolare della cioccolateria, Paola Costa.
«È un’ottima iniziativa», aggiunge il sindaco Tosi, «che completa un progetto che in poco più di un anno ha già dato risultati più che positivi per promuovere l’immagine di Verona come città dell’amore, incrementando l’offerta turistica e l’indotto economico».
Questa iniziativa inoltre, come conclude il sindaco, «ha il merito di valorizzare il patrimonio artigianale locale, che costituisce un elemento importante della vita economica della nostra città e della comunità veronese»



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news