LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Dai templi al Palazzo dei Normanni i gioielli di Sicilia passano alla Regione
La Repubblica, 01-09-10, pagina 5 sezione PALERMO






L' ELENCO è stato ultimato e comprende 121 beni dalla Valle dei Templi al teatro antico di Taormina. Beni che per la prima volta, dall' Unità d' Italia a oggi, passeranno dopo un contenzioso durato decenni dallo Stato alla Regione. L' accordo è stato raggiunto, manca solo la firma definitiva che dovrebbe arrivare il 30 settembre, data per la quale è fissata l' ultima riunione della commissione paritetica composta per lo Stato dal costituzionalista Giovanni Pitruzzella e dalla docente universitaria Ida Nicotra e per la Regione dal professore Salvatore Sammartino e dal presidente della facoltà di Giurisprudenza di Palermo, Giuseppe Verde. L' elenco è lunghissimo, anche se all' ultimo momento alcuni beni sono stati stralciati per intervento dei ministeri di riferimento: su tutti il tesoro della Cappella Palatina. Per il resto l' elenco comprende i gioielli della Sicilia, dai templi di Agrigento a tutta l' immensa zona archeologica di Siracusa, dai parchi di Segesta e Selinunte a quello di Taormina, passando anche per piccoli siti archeologici sparsi per l' Isola, come quello di Pantalica nel siracusano o di Camarina a Ragusa. La Regione quindi diventerà proprietaria a tutti gli effetti di un vastissimo patrimonio culturale e avrà mano libera per il suo utilizzo e valorizzazione senza dover più sottostare alla volontà del ministero dei Beni culturali o chiedere autorizzazioni e pareri. La Regione avrà mano libera anche per quanto riguarda l' avvio di restauri e ne sarà piena e unica responsabile per la conservazionee tutela. Da oggi il ministero e lo Stato non avranno più voce in capitolo e tutto dipenderà dall' assessorato regionale ai Beni culturali. Con una legge, l' Assemblea regionale potrà decidere anche l' utilizzo dei beni per scopi sociali, aprendoli a onlus e enti privati non solo per la gestione delle biglietterie e degli eventi, come accaduto fino a oggi, ma anche per il loro utilizzo completo. Per alcuni beni inseriti nell' elenco, come il magazzino di San Giovanni a Ustica o i terreni in contrada Luparello dove ha sede l' Istituto zootecnico siciliano, potrebbe decidere anche la vendita perché non tutelati da alcun vincolo di interesse storico artistico. Vincolo che chiaramente grava sul resto dei beni compresi nell' elenco: certamente non si potranno vendere templi o chiese. La Regione inoltre potrà inserire questi beni artistici nel proprio patrimonio, facendo così aumentare il valore del bilancio regionale e, sperano da Palazzo d' Orleans, anche quello del rating da parte delle agenzie internazionali di valutazione. Il decreto è già pronto, manca soltanto l' ultima firma dei componenti della commissione paritetica. «Con il trasferimento dei beni dall' Agenzia del demanio, la Regione potrà utilizzarli come meglio crede e con legge potrà regolamentarne l' uso anche a terzi, si tratta di una svolta epocale e di una grande opportunità per la Sicilia», dice Pitruzzella. Da un primo elenco, molto più corposo, sono stati stralciati alcuni beni che confluiranno in un secondo provvedimento che Stato e Regione dovranno ancora contrattare. Diversi ministeri, della Difesa, degli Interni e della Cultura, hanno definito d' interesse nazionale «l' ex monastero di Santa Teresa, il Castello della Cuba e la caserma di corso Tukory a Palermo, la Torre Ranieri a Messina, il castello Forte Svevo di Augusta». Il ministero dell' Interno si è poi opposto al passaggio nel patrimonio della Regione dei «beni e del tesoro della Cappella Palatina» di Palazzo dei Normanni, che rimarrà sotto il controllo del Fondo edifici di culto. Il resto del Palazzo, insieme al parco della Favorita invece confluirà nei beni della Regione. Non passeranno inoltre sotto la tutela di Palazzo d' Orleans altri beni del demanio, che la Regione sperava in un primo momento di poter inserire nell' elenco: dalla Torre Antica allo Sperone al museo nazionale di Palermo, passando per la Colombaia di Trapani. a. fras.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news