LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Restauratori solo con la laurea
Benedetta Pacelli
Italia oggi 1/9/2010

ltaliaOggi anticipa i contenuti del decreto sulla riforma. Per chi già esercita nasce un elenco ad hoc

Per ottenere la qualifica professionale di restauratore di beni culturali, infatti, dal prossimo anno accademico bisognerà seguire un percorso formativo universitario o equivalente. E l'effetto del Codice dei beni culturali e del paesaggio (dlgs 42/04) che stabilisce regole precise per ottenere il titolo ed essere iscritti nell'apposito elenco (per chi già esercita la professione da anni il termine per presentare le domande scade il 30 settembre). I nuovi corsi sono disciplinati dal decreto interministeriale università-beni culturali che ItaliaOggi è in grado di anticipare.

Restauratori doc a partire dal prossimo anno accademico. Per ottenere la qualifica professionale di restauratore di beni culturali, infatti, dal 2011, bisognerà seguire un percorso formativo universitario o equivalente non inferiore a cinque anni. E’ l'effetto del Codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 22/112004 n 42) che non solo stabilisce regole precise per ottenere il titolo ed essere iscritti nel primo elenco dei professionisti per chi già esercita la professione da anni (il termine per presentare le domande scade il 30 settembre) ma mette in chiaro anche come ottenerlo per il futuro. E l'unica strada sarà appunto quella di una vera e propria laurea magistrale. Ma come saranno strutturati i nuovi corsi? A disciplinarne le modalità ci pensa un decreto interministeriale università-beni culturali che i tecnici dei due ministeri stanno mettendo a punto e che ItaliaOggi è in grado di anticipare, che mette nero su bianco i criteri e i livelli di qualità che i nuovi corsi di laurea dovranno avere per abilitare alla professione di restauratore. Addio quindi a scuole regionali, corsi o accademie strutturare su percorsi formativi di durata biennale o triennale: queste, alcune della quali sperimentano già da anni il 3+2, dovranno adeguarsi alla nuova disciplina se vorranno rilasciare il titolo, oppure con il triennio potranno abilitare esclusivamente all'attività di diagnostica del restauro. Resta, comunque, il problema di tutti quei neolaureati a corsi universitari che per non possedevano i requisiti necessari e aderenti al nuovo Codice dei beni culturali. Per questi il direttore generale del ministero dell'istruzione, università e ricerca guidato da Mariastella Gelmini sta cercando una soluzione.
I nuovi corsi
La formazione del restauratore di beni culturali quindi sarà strutturata in un corso a ciclo unico articolato in 300 crediti formativi spalmati su cinque anni. Le università dovranno garantire l'attribuzione a ciascun insegnamento attività di un congruo numero intero di crediti formativi» evitando così la parcellizzazione delle attività formative. Trenta, poi, il numero massimo degli esami e 90 quello dei crediti formativi che dovranno essere acquisiti obbligatoriamente nelle attività di laboratorio. Particolare importanza, infatti, verrà attribuita all'attività pratica: per garantire infatti uno standard di qualità minimo dell'insegnamento, circa l'80% delle attività tecnico-didattiche dovrà essere svolta su manufatti «qualificabili come beni culturali ai sensi del codice», secondo accordi ad hoc con le stesse soprintendenze. Inoltre l'attività formativa pratica e di tirocinio applicativo deve essere svolta sotto la guida di docenti appartenenti allo specifico profilo professionale e gli insegnamenti relativi alla parte tecnico-didattica di restauro dovranno essere affidati a restauratori di beni culturali.
L'accreditamento
Ma non tutti potranno attivare i corsi, ma solo quegli atenei e accademie che avranno avuto il via libera della commissione interministeriale Mibac-Miur. Questa si occuperà di verificare se le strutture formative possiedono i requisiti adeguati. La richiesta di accreditamento dovrà infatti essere corredata da una documentazione che attesti l'individuazione delle strutture e delle dotazioni tecniche disponibili, l'indicazione del personale docente, amministrativo e tecnico, i regolamenti del percorso formativo e la disponibilità di reperimento dei manufatti per le attività tecnico-didattiche.
Esame finale e diploma
L'esame finale dei corsi di formazione è articolato in due prove, una di carattere applicativo che consiste in un intervento pratico-laboratoriale e una di carattere teorico-metodologico che verterà sulla discussione di un elaborato scritto. Qualora la prima prova non venga superata il candidato potrà ripetere l'esame nella sessione successiva.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news