LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cecchi: «Il Colosseo non è un bancomat»
Costantino D’Orazio
Libero – Roma 1/9/2010

Parla il commissario per le aree archeologiche Cecchi

Quasi trenta milioni di euro di bilancio e oltre sessanta interventi di restauro da realizzare in pochi armi a disposizione. Sono questi i numeri del Commissario straordinario per le aree archeologiche di Roma e Ostia Antica, una corazzata messa su dal Governo dopo i nubifragi che colpirono la Capitale nel 2008. L'istituzione di un organo di coordinamento tra le soprintendenze si rese necessaria per rendere operativi una serie di interventi urgenti , spiega l'Arch. Roberto Cecchi, a capo della struttura dal 2009. Grazie ad un budget importante, in quasi due anni tanti sono stati i risultati raggiunti e diversi sono gli appuntamenti in programma per i prossimi mesi: il protagonista del prossimo autunno sarà di nuovo il Foro Romano, dove sarà restituito ai visitatori il Tempio di Venere.
Dopo la riapertura della Arcate Severiane e delle Vigne Barberini, il protagonista del prossimo autunno sarà di nuovo il Foro Romano, dove sarà restituito ai visitatori il Tempio di Venere. Conosciuto come il tempio più grande dell'antichità, fu eretto nel secondo secolo dopo Cristo dall'Imperatore Adriano, ma finora i turisti potevano vedere solo le sue imponenti strutture esterne. «Entro fine anno si potrà finalmente entrare nel tempio», assicura Cecchi. Durante l'estate che ha visto accendersi la polemica sulla gestione dei beni culturali a Roma, il commissario deve essersi sentito tra due fuochi perché la struttura di cui è a capo, di fatto, costituisce già un organo di gestione unica dei siti archeologici divisi tra Stato e Comune. Almeno per le emergenze. Sfogliando l'elenco degli interventi, si scopre che lo stanziamento ha messo mano al Colosseo e al Palatino, che sono statali, così come ai Fori Imperiali e al Tempio di Minerva Medica, che sono di competenza comunale. «La lista degli interventi è organizzata sulla base delle segnalazioni dei soprintendenti Proietti e Broccoli», continua il commissario, «Il mio ruolo è quello di mettere in comunicazione gli enti responsabili della tutela del patrimonio archeologico di Roma, un dialogo che forse prima non era così efficace. Può darsi che in passato ci siano state delle incomprensioni, ma oggi posso testimoniare che la collaborazione tra le istituzioni è totale». Andranno pure d'amore e d'accordo, ma Stato e Comune nelle ultime settimane hanno dimostrato il contrario, soprattutto sulla questione degli incassi del Colosseo, bottino di oltre trenta milioni di euro che per oltre metà finisce nella gestione ordinaria della soprintendenza nazionale. «Trovo sterile questa polemica. Il Colosseo non è un bancomat, ma un monumento all'interno di un contesto complesso nel quale, va ricordato, la città ha un indotto che supera il miliardo e mezzo di euro», conclude Cecchi. «Le istituzioni dovrebbero lavorare per fare sistema e valorizzare al massimo il patrimonio, senza fermarsi a discussioni di cassa. Dobbiamo prolungare il soggiorno dei turisti a Roma e fare in modo che visitino di più il Palatino, i Musei Capitolini o l'Appia Antica. Oggi la differenza di ingressi è enorme». Parola d'ordine: investire sulla manutenzione ordinaria oppure ci troveremo sempre di situazioni d'emergenza. Gli italiani saranno pure tanto bravi a gestirle, ma a farne le spese è il nostro patrimonio.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news