LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Eco-mostri: Bel Paese degradato
02/09/2010 - gazzetta di Parma





Per ora è solo l'abbozzo di una mostra. O meglio: è una mostra destinata a crescere ancora. Perché il bello – o forse dovremmo dire il brutto – deve ancora venire. Per ora ci sono l'idea geniale, il committente, la sede perfetta. Manca però una parte del materiale espositivo. Affinché il progetto si realizzi appieno, servono altre immagini ed è richiesto il contributo di tutti. Di tutti coloro che sanno guardare. Di tutti coloro che non si sono ancora assuefatti al brutto che ci circonda. «Nuovo paesaggio italiano» è la mostra-denuncia dedicata al degrado dell'Italia, a come il Bel Paese si è trasformato in questi ultimi decenni. A come il territorio raccontato, dipinto, fotografato dai più grandi artisti del mondo dal Rinascimento ad oggi, è stato razziato e deturpato. A come, non curante del senso del bello, ogni Regione e ogni città, più o meno, da Nord a Sud, ha permesso al brutto di farsi largo, lasciando che mostri edilizi - piccoli o grandi - sorgessero anche nei luoghi più magici del pianeta. Un esempio? L'eco-mostro affacciato sulla meravigliosa spiaggia della Marmorata. Un altro esempio? La miriade di palazzacci nelle periferie. Un altro esempio ancora? La marea di coste cementificate senza pietà dall'Adriatico al Tirreno. L'elenco di esempi rischia di essere infinito. Ed è per questo che i promotori dell'iniziativa passano la parola agli italiani attenti. Chiunque, dunque, potrà - quasi dovrà - portare la propria testimonianza, la propria esperienza, la propria sensibilità. «Nuovo paesaggio italiano» è un'idea nata dal sodalizio di Oliviero Toscani, artista-fotografo e Salvatore Settis, direttore della Scuola Normale di Pisa, con la collaborazione del Fai (Fondo ambiente italiano). Il padrone di casa è Vittorio Moretti, imprenditore edile bresciano, nonché signore del vino di Franciacorta con Bellavista e Contadi Castaldi e ora anche di Toscana. «Nuovo paesaggio italiano» vuole diventare un'esposizione permanente – anche grazie a internet e alle nuove tecnologie – di denuncia costante. «Un'esposizione collettiva in quotidiano aggiornamento. Un nuovo modo di intendere, comunicare, di parlare di paesaggio, un atteggiamento di difesa e di attacco» dicono i promotori. Per ora a Suvereto, nel cuore della Toscana, nella bellissima cantina Petra, portento della progettazione nel rispetto dell'ambiente realizzato dall'architetto Mario Botta, c'è l'embrione della mostra (aperta fino al 30 ottobre da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19 - ingresso libero - visite guidate su prenotazione). Petra, interamente scavata nella montagna, è la prova che modernità e bellezza possono andare a braccetto. L'edificio, armoniosamente calato tra le dolci colline della Maremma, è sede ideale di una mostra che punta a difendere ambiente, natura e bellezza. L'appello alla partecipazione arriva da Settis: «Divorato dall’incuria e dal cemento, il paesaggio italiano sta morendo. Quello che fu il Bel Paese è invaso dalle armate nemiche: ecomostri grandi e piccoli, tetre villette, squallidi capannoni, mesti condominii si insediano in valli, colline, dune, scenari naturali di grande bellezza che i nostri avi hanno reso ancor più armoniosi, e li devastano irreparabilmente. Di fronte a questa peste che cresce ogni giorno, istituzioni, addetti ai lavori, politici d’ogni colore tacciono quasi sempre, complici di fatto del brutto che avanza. Molti italiani chiudono gli occhi, non vogliono vedere, o pensano ai paesaggi d’una volta, o si rifugiano nei lembi di territorio (sempre meno) ancora in salvo (per poco). Aiutiamo gli italiani a riaprire gli occhi, a guardarsi intorno. Fotografiamo gli scempi e le sopraffazioni su un patrimonio che è di tutti, che è la nostra memoria e la nostra anima».
A Toscani tocca la denuncia: «Il paesaggio italiano, quello dipinto da Leonardo, da Raffaello, da Giorgione, viene ogni giorno violentato» dice Oliviero Toscani. Che porta anche i primi esempi e spunti di riflessione: «Chiese in vetro-cemento con campanili che sembrano rampe di lancio di missili, tetti spioventi stile pagoda cambogiana, disegnate da geometri con tessera di partito, campane computerizzate, centri commerciali che spazzano via le antiche botteghe di generi alimentari e di artigiani, “spaghetterie” che rimpiazzano le civili trattorie e i ristoranti con giardino; autogrill, autostrade, tangenziali, sopraelevate al posto delle strade normali, case a schiera e condominii osceni invece delle case a misura d’uomo». Moretti, che ha messo a disposizione la sua cantina per ospitare la mostra, lo ha fatto con la convinzione dell'imprenditore amante del bello e della vita: «Ecco sono qui a parlar di Paesaggio e sono un imprenditore, un costruttore, ma è proprio per questo e soprattutto per questo che ho accettato di appoggiare il progetto Nuovo Paesaggio Italiano, perché si guardi in modo nuovo al nuovo modo di realizzare architettura. La qualità del nostro lavoro dipende molto anche dalla committenza e il progetto Nuovo Paesaggio Italiano ha in sé la forza di risvegliare un senso, e direi quasi una coscienza estetica di cui noi italiani siamo stati sempre orgogliosi. Ben venga allora un’autocritica radicale e l’appuntamento è a Petra, presso la nostra cantina di Suvereto in Toscana, per continuare a ripensare al paesaggio italiano». Per essere protagonisti di «Nuovo paesaggio italiano» inviare immagini e video a info@nuovopaesaggioitaliano.it (skype: nuovopaesaggioitaliano - mms: +39 338 1163674) o visitare il sito www.nuovopaesaggioitaliano.it. E per gli amanti di Facebook esiste già un nutrito numero di amici di «Nuovo paesaggio italiano». Ora la parola passa ai cittadini.

http://www.gazzettadiparma.it/primapagina/dettaglio/5/53097/Eco-mostri%3A_Bel_Paese_degradato.html


news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news