LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. «Affreschi del Tiepolo riempiti di buchi». L'allarme di Sgarbi
Enrico Tantucci
La Nuova Venezia 3/9/2010

Gli affreschi di Tiepolo nel Salone da Ballo di Palazzo Labia trattati come una forma di gruviera, ripetutamente «bucati» per praticare iniezioni di consolidamento statico. E' già un caso il restauro del prestigioso ciclo, di cui si sta occupando il soprintendente Vittorio Sgarbi. «Ho visto i buchi rivedendo di recente il ciclo di affreschi del Tiepolo - commenta Sgarbi - e non mi capacito di come sia stato possibile un intervento di questo tipo per dei carotaggi per accertare la solidità della superficie pittorica».
Maxi fori per consolidare la superficie pittorica Stop all'intervento dal sovrintendente che lo avoca a sé. Affreschi di Tiepolo come gruviera Sgarbi: «Un centinaio di buchi al ciclo nel Salone di Palazzo Labia»

«Ho visto i buchi rivedendo di recente il ciclo di affreschi del Tiepolo, commenta Sgarbi, e non mi capacito di come sia stato possibile un intervento di questo tipo per dei carotaggi per accertare la solidità della superficie pittorica. Ho già mandato il mio restauratore per seguire la situazione e vedere come è possibile intervenire, avendo richiesto anche alla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia tutta la documentazione sull' intervento. Su di esso rivendico anche la competenza della mia Soprintendenza, perché non può essere quella ai monumenti a occuparsi del restauro degli affreschi del Tiepolo, sganciato tra l'altro da quello dell'intero palazzo. Attendo di capire come siano andate le cose, ma qualcuno deve avere autorizzato questi carotaggi e si è evidentemente esagerato, visto che i buchi sono oltre un centinaio e di dimensioni non certo ridotte». E' infatti la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia ad aver seguito fino ad oggi l'intervento sul ciclo tiepolesco nel palazzo settecentesco che è anche la sede della Rai del Veneto. L'intervento è stato nel frattempo sospeso e rimosse le cannule che erano state apposte all'interno dei buchi, proprio per immettere le resine consolidanti all'interno degli affreschi. Normalmente, per interventi di questo tipo, si sfruttano le piccole crepe o le fessurazioni che il tempo ha prodotto sulla superficie pittorica, ma in questo caso come documentano anche le immagini che pubblichiamo - sono stati praticati una vera e propria serie di fori, di cospicue dimensioni, che deturpano inequivocabilmente l'affresco del Salone da Vallo che Giambattista Tiepolo dedicò alle Storte di Antonio e Cleopatra e in particolare quello celeberrimo dell'Incontro tra Antonio e Cleopatra. Il prossimo restauro e il consolidamento degli straordinari affreschi del ciclo tiepolesco del Salone delle Feste di Palazzo Labia, si impone per il rischio di un progressivo distacco, a oltre quarant'anni dall'ultimo intervento. La Soprintendenza da anni ne monitora le condizioni. I lavori dopo le ultime indagini conoscitive dovrebbero durare circa due anni. Ma dopo di essi il prezioso Salone del Tiepolo non potrà pi essere usato in modo intensivo. Fu nel 1730 che la famiglia dei Labia incaricò Giambattista Tiepolo di decorare le pareti del Salone delle Feste. La Sala partendo dal soffitto deve essere sottoposta a restauro, ma la parte maggiormente a rischio di distacco degli affreschi è quella relativa al Banchetto tiepolesco, scompaginata più volte a causa di vari restauri. Ora, però, negli ultimi anni, il distacco e le fessurazioni si sono accentuate, anche a causa di un uso intensivo del Salone delle Feste e l'intervento di recupero si presenta tutt'altro che agevole. Era stato sospeso circa due anni fa, quando la Rai sembrava stesse per vendere Palazzo Labia, volendo dunque affidare al nuovo compratore l'onere del finanziamento del restauro del ciclo tiepolesco. Poi però l'asta bandita dall'azienda televisiva di Stato per la vendita non era andata a buon fine e ora appunto si stava riprendendo in esame l'intervento, dopo la sospensione. Fino al nuovo stop ora imposto anche dalla richiesta di approfondimenti da parte di Sgarbi, dopo aver preso visione della miriade di buchi per il consolidamento. «Aspetto la relazione del restauratore», conclude Sgarbi.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news