LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Centinaia di pini abbattuti - L’area è diventata agricola a causa di una variante urbanistica
VENERDÌ, 03 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Pistoia



Sconcerto a Ponte Stella per la sparizione del polmone verde di via Rinascita

PONTE STELLA. “Là dove c’era l’erba ora c’è”... un vivaio! Quello che ricopriva i sedicimila metri quadrati di terreno a Ponte Stella, frazione del comune di Serravalle, in realtà, non era “l’erba” come cantava Adriano Celentano, ma un bel bosco di pini. Sono stati tutti rasi al suolo ed estirpati alla radice per commutare il terreno in zona agricola e farci sorgere un vivaio.
Il tutto è stato reso possibile grazie a una variante al regolamento urbanistico che ha declassato la zona da “boscosa” ad “agricola”.
Nessuna infrazione e tutto in regola per il proprietario del terreno (un privato) che, legittimamente, in poco tempo ha provveduto all’abbattimento di centinaia e centinaia di alberi. Ma per i molti cittadini che ancora si ricordano quel bel bosco di pini, questo abbattimento repentino e definitivo è stato un colpo al cuore.
La zona in questione è quella lungo via Rinascita, a Ponte Stella, proprio davanti alla nuova cassa di espansione. L’appezzamento di terreno, grande 16 mila metri quadri, per anni ha ospitato un bosco di pini marittimi, vincolato anche dalla Soprintendenza: un bel polmone verde, anche se negli ultimi tempi era in stato di degrado. Non si sa con precisione quanti alberi ospitasse, ma si può intuire facendo stime sommarie: se nel bosco ci fosse stato un albero ogni 20 metri quadrati, ce ne sarebbero stati 800 in tutto; se ce ne fosse stato uno ogni 10 metri quadrati, ce ne sarebbero stati 1600. Facile capire, dunque, che si tratta di grandi numeri anche se non si sa con precisione la quantità precisa.
Nel bosco adesso sorgerà un vivaio, soggetto alle regole vigenti per le imprese agricole della zona, e in cui quindi si potrà coltivare anche a vasetteria. L’unica consolazione, sarà una cortina di piante ad alto fusto che il proprietario dovrà piantare lungo la strada, come a ricordare il vecchio bosco.
Questo è stato reso possibile da una variante al regolamento urbanistico e al piano strutturale del Comune di Serravalle Pistoiese del 2009, con la quale l’ente non ha più riconosciuto la zona come area ecologica a bosco, ma come “agricola”. Così facendo ha spianato la strada ai permessi arrivati quest’anno per il taglio degli alberi, con parere favorevole di tutti gli enti preposti, Provincia e Soprintendenza comprese.
Questo è stato possibile perché fino a 20 anni fa il bosco di pini era utilizzato per la raccolta di pigne e pinoli e, nel sottobosco, per il vischio: questo è bastato a definirla zona agricola.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news