LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paesaggio italiano. Oggi patriottismo è volerlo difendere
Maria Teresa Ferrari
Giornale di Vicenza 3/9/2010

Dalla Legge Bottai ai nuovi vandali
Appello di Settis che rivendica l'eredità risorgimentale e di Croce

Sarà Salvatore Settis, già direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, professore di storia dell'arte e dell'archeologia classica e direttore del Laboratorio di analisi, ricerca, tutela, tecnologie ed economia per il patrimonio culturale ad aprire oggi a Sarzana (La Spezia) la settima edizione del Festival della Mente, che ha in programma decine di conferenze, spettacoli, letture e anche laboratori per ragazzi. Settis, paladino della bellezza che denuncia i danni al paesaggio italiano e i vandali che ne sono artefici, parlerà di «Paesaggio come bene comune: bellezza e potere». Secoli di civiltà hanno plasmato il paesaggio italiano. Perciò è un bene comune: corrisponde all'accumulo secolare di gesti, di scelte di gusto, di tradizione e innovazione. Eppure questo prezioso bene nazionale «viene impunemente calpestato in nome di un mercatismo straccione», sottolinea Settis. La storia del nostro sentimento nazionale va di pari passo con la consapevolezza che gli italiani hanno acquisito quali custodi del «Bel Paese» (e non solo gli italiani, se John Ruskin diventò un fautore del Risorgimento proprio per amore del paesaggio italiano). Con l'Unità d'Italia, le battaglie per nuove leggi che difendessero il patrimonio ambientale videro impegnati politici di primo piano, da Luigi Rava (con al suo fianco il direttore generale della Pubblica Istruzione Corrado Ricci), al deputato poi sottosegretario Giovanni Rosadi, fino al filosofo napoletano Benedetto Croce a cui si deve la prima legge generale italiana per la tutela del paesaggio, approvata l'11 maggio 1922, pochi mesi prima della marcia su Roma. «Occorre una legge che ponga, finalmente, un argine alle ingiustificate devastazioni che si vanno consumando contro le caratteristiche più note e più amate del nostro suolo», scrive Croce nella sua relazione, «poiché difendere e mettere in valore le maggiori bellezze d'Italia, naturali e artistiche risponde ad alte ragioni morali e non meno importanti ragioni di pubblica economia». Parole e riflessioni che furono alla base della Legge Bottai sul paesaggio (1939) che è tuttora alla base della legislazione, nerbo del Codice dei Beni culturali e del paesaggio. Questo testo, malgrado sia, come sottolinea Settis, un raro esempio di legge bipartisan voluta da ministri di diversi pensieri politici (Urbani, Buttiglione, Rutelli) è fra le leggi pi disattese d'Italia «martoriata da deroghe, sanatorie, condoni, piani casa e quant'altro». Settis così ammonisce in un recente intervento sul Sole 24 Ore: «Chiediamoci se il paesaggio possa tornare a essere un bene comune e come questo possa dipendere da noi». E riferendosi a Croce e agli altri difensori del paesaggio, così ammonisce gli italiani di oggi: «Sapremmo oggi coalizzarci in un rinnovato Comitato nazionale per la difesa del paesaggio?».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news