LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - ROSIGNANO. H5, ecco l’esame ambientale. Via alla valutazione dell’impatto della maxi lottizzazione
MARIO MOSCADELLI
SABATO, 04 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Cecina



Per i progettisti Tesi e Quintavalle non ci sarebbero criticità. Alla giunta l’ultima parola



La maxi lottizzazione da 120 appartamenti dell’H5 va all’esame ambientale. Gli ingegneri Giuseppe Quintavalle (indagato nell’inchiesta sull’urbanistica con l’ex sindaco Nenci) e Mario Angelo Tesi hanno presentato in Comune la documentazione per l’avvio della procedura di verifica di assoggettabilità a Via (Valutazione d’impatto ambientale) del comparto 3T4, quello inserito tra via Lungomonte, viale dei Medici e via Lago di Como. In sostanza, i progettisti sono a chiedere per conto dei proprietari di quei terreni se per realizzare il progetto c’è bisogno di una Valutazione di impatto ambientali oppure no. Toccherà alla giunta deciderlo dopo avere raccolto i pareri di vari enti e le memorie e le osservazioni dei cittadini. Si tratta di un passaggio obbligatorio stabilito da una precisa legge regionale, visto che l’insediamento abitativo in questione supera i 10 ettari.
La documentazione. Dunque, si apre una specie di screening ambientale e paesaggistico per questo comparto su cui è stimata - sempre dai proponenti - una presenza media di circa 350 persone la giorno. Screening nel senso, che precede un eventuale ricorso alla Via, che comunque sarebbe sempre di competenza comunale. Ma da quale base si parte per questa analisi? Dalla documentazione fornita all’amministrazione comunale dai progettisti dello studio Tesi-Quintavalle. Dopo avere riepilogato i numeri essenziali dell’intervento che si sviluppa su una superficie di 126.275 metri quadrati - di cui 34.669 di edilizia privata, 9.593 di centro commerciale e uffici e 79.611 di verde, parcheggi e strade pubbliche - è stata fatta un’analisi delle condizioni delle risorse naturali e essenziali legate alla lottizzazione. Per quanto riquarda l’approvigionamento idrico, nel testo si evidenzia una criticità per attingere alla risorsa soprattutto d’estate. Ma i lottizzanti - si legge nella documentazione - si impegnano a realizzare a proprie spese in accordo con Asa un nuovo pozzo di emungimento di acqua potabile in località Passo dei Caprioli, che dovrà essere messo in servizio prima dell’effettivo insediamento dei nuovi residenti. L’inquinamento atmosferico, secondo i progettisti, resterebbe sugli stessi attuali valori, mentre quello acustico aumenterebbe in maniera limitata. E la depurazione? Altra tasto dolente se parametro con l’attuale sistema di depurazione, ma i proponenti fanno leva sul fatto che è stato recentemente deliberato un potenziamento dell’attuale depuratore posizionato al Lillatro. E dal punto di vista della funzionalità urbanistica che problemi si evidenziano? Che la densità edilizia potrà indurre un leggerpo aumento del traffico di mezzi di privati e quindi ci sarebbe la necessità di ulteriori parcheggi. Quintavalle e Tesi nella documentazione presentata non rilevano criticità o fragilità in tema di inquinamento elettromagnetico, sul clima, sui rifiuti e sul paesaggio. Su questo ultimo punto si mette in risalto che l’insediamento avrà le caratteristiche della “città giardino”. Si indicano anche gli effetti socio-economici dell’operazione: «disponibilità di posti di lavoro in fase di costruzione e di esercizio, incremento di negozi di vicinato e la creazione di una nuova viabilità».
L’esame. Tutta questa analisi, che possiamo dire “di parte”, è stata inviata anche all’Asl 6, all’Arpat e all’Ato 5, in quanto entu competenti al rilascia di atti di assenso in materiale ambientale. Ma anche i cittadini potranno esprimersi. Chiunque abbia interesse, infatti, può presentare memorie o osservazioni in forma scritta sulla documentazione depositata entro 45 giorni dalla pubblicazione sul Bollettino, ovvero entro il 15 ottobre. Osservazioni che dovranno essere presentate all’ufficio pianificazione del settore Governo del territorio, che si trova in via dei Lavoratori numero 21 a Marittimo. Coloro che sono in possesso di una caselle di posta elettronica certificata potranno inviarle all’indirizzo e-mail protocollo.generale@cert.comunale.rosignano.li.it. Al termine di questo iter, la giunta-Franchi deciderà se c’è bisogno di fare ricorso alla Via oppure se è sufficiente indicare delle prescrizioni a quanto scritto dai progettisti. «È importante evidenziare - spiega Margherita Pia, assessore all’Urbanistica - che la realizzazione di questo comparto dovrà tenere di conto anche dell’altra parte dell’H5 (quella dove è previsto il supemercato Coop, ndr). Insomma, dovrà essere una lottizzazione il più “verde” possibile e con la capacità progettuale di integrarsi con l’intera H5».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news