LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - STAZZEMA. Madonna del piastraio, restauro fermo in attesa di soldi
LUCA CINOTTI
SABATO, 04 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Viareggio



300MILA EURO PER SALVARE IL SANTUARIO


Religione e soldi non vanno molto d’accordo. Ma, nel caso della Madonna del piastraio, servirebbe un’eccezione. È proprio la “vil pecunia”, infatti, a ritardare la conclusione dei lavori di restauro di uno dei luoghi simbolo della devozione mariana in Versilia e non solo.
A quantificare le necessità ci pensa il sindaco di Stazzema Michele Silicani: «Servirebbe una cifra fra i 250mila e i 300mila euro», spiega. Soldi che potrebbero concludere i restauri iniziati ormai quasi un decennio fa e che, soprattutto, renderebbero di nuovo fruibile il santuario. Attualmente, infatti, la struttura (raggiungibile solamente a piedi) non è visitabile e i materiali che raccoglieva al suo interno (soprattutto le centinaia di ex voto che tappezzavano le sue pareti) sono state “divise” fra la canonica e la chiesa di Stazzema.
Il recupero della Madonna del piastraio cominciò grazie a un finanziamento di mezzo miliardo delle vecchie lire che arrivò in Versilia sulla scia del grande Giubileo dell’anno 2000. Fondamentale, in quell’occasione, fu il contributo dell’allora parlamentare Carlo Carli.
Il problema fu che quei soldi bastarono solo per recuperare la canonica (da destinare, secondo i progetti, a “casa del pellegrino”) e a rifare il tetto del santuario vero e proprio. «Purtroppo - continua il primo cittadino Silicani - non si riuscì a intervenire sugli interni della chiesa e, anzi, dopo qualche anno dalla fine dei lavori, bisognerebbe ritornare anche su quelli già effettuati».
Negli anni i paesani di Stazzema si sono dati da fare con piccole opere di consolidamento. Ma, come si dice, la buona volontà è stata una goccia nel mare di quello che servirebbe al santuario.
«E pensare - continua Silicani - che il progetto sarebbe già pronto. Anzi, è esposto nelle sale del Fenalc di Stazzema». Il problema, dunque, sono i soldi: quelli che dopo il giubileo non sono più arrivati. «Stimiamo che servirebbe una somma fra i 250mila e i 300mila euro per vedere concluso i lavori»
Non una cifra astronomica, ma difficile comunque da trovare in tempi di crisi nei quali la cultura diventa Cenerentola fra le cenerentole. Silicani comunque (anche insieme al parroco don Orsucci) giura che non si fermerà ed esplorerà ogni via: «Dovremo ragionare con la Sovrintendenza e anche con le Fondazioni bancarie», spiega.
Solo che bisogna fare presto: ogni giorno che passa, infatti, fa aumentare i problemi del santuario e rischia di vanificare anche gli importanti lavori che sono stati realizzati con il finanziamento del Giubileo.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news