LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - «Stop a chi ci ruba il paesaggio». Settis chiama tutti alla mobilitazione
CLAUDIO FIGAIA
SABATO, 04 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Toscana



Tutelare l’ambiente per conservare la storia e garantire il futuro

SARZANA. «Difendere il paesaggio non è una cosa da anime belle: tutelare le nostre bellezze vuol dire conservare la nostra storia, dare un futuro alle generazioni che verranno. Difendere il paesaggio dalla devastazione in atto, nelle regioni rosse come in quelle governate dal centrodestra, è un diritto-dovere di ogni cittadino». Ruota attorno a questo concetto la lectio magistralis del professor Salvatore Settis, direttore (uscente) della Scuola Normale Superiore di Pisa, che ha aperto ieri il Festival della Mente (settima edizione) di Sarzana.
C’è una gran folla sotto il tendone di piazza Matteotti ad ascoltare il professore. Ci sono, il presidente dell’Inter Massimo Moratti (la sorella Milly è una habituée delle vicine Versilia e Bocca di Magra), Achille Bonito Oliva, Francesco Tullio Altan (anche loro protagonisti del Festival); ci sono almeno mille persone che seguono con attenzione - e molti applausi - la prolusione di Settis.
«Paesaggio come bene comune, bellezza e potere» è il titolo dell’intervento del professore. Si parla di consumo del territorio, di devastazione del paesaggio, insomma. E qui, in questo lembo di Liguria che è ancora un po’ Toscana, di allarmi per il “consumo dell’ambiente” ce ne sono parecchi. A cominciare da quello del maxi progetto sulla piana di Marinella (alberghi, case, porto turistico, strutture ricettive). Settis, però, glissa sul tema: «Non posso parlare di ciò che non conosco, ma accoglierò gli inviti che mi sono stati fatti, visiterò, cercherò di rendermi conto...».
Non per questo la sua lectio sarzanese risulta meno efficace e drammatica. Cita numeri impressionanti, il professore, sulla devastazione del paesaggio della nostra penisola. Statistiche Istat secondo cui in quindici anni, dal 1990 al 2005, la superficie agricola si è ridotta in Liguria del 45%, in Emilia e in Sicilia del 22%, in Toscana del 17%. E a chi sostiene che abbandono della campagne non vuol dire cementificazione, ricorda che negli ultimi 10 anni l’incremento delle nuove costruzioni è stato di 37 volte superiore alla crescita della popolazione. «Solo nel 2007 sono sorte 732mila nuove unità immobiliari, mentre la popolazione è rimasta sostanzialmente stabile». Si va, lancia l’allarme Settis, «verso la saturazione del territorio, il suolo viene sigillato dal cemento, il 24% delle coste è interessato dal fenomeno dell’erosione a causa della distruzione delle dune naturali e della costruzione di nuovi porti. Soltanto in Liguria ce ne sono 50 e ne vogliono costruire altrettanti...».
«Oggi - incalza - impera la deregulation, ovvero “a casa mia faccio quel che mi pare”. E chi non ci sta è prevalentemente un “comunista”. E allora vi cito alcuni “comunisti” per i quali il paesaggio è un bene comune da tutelare: papa Gegorio XIII, Benedetto Croce, il ministro mussoliniano Bottai. Anzi, fu dalle leggi di Croce e Bottai che i costituenti trassero ispirazione per l’articolo nove della nostra Carta, quello che dice che la Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico artistico della Nazione».
Ma che fare, si domanda, per fermare «chi ci sta derubando del paesaggio», magari parlando di “sviluppo sostenibile”? Settis pensa all’autodifesa. All’autodifesa dei cittadini, alla loro mobilitazione. «“Una quercia che cade fa molto rumore. Una foresta cresce in silenzio”, recita un proverbio cinese. Ebbene, noi dobbiamo essere la foresta».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news