LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - I piloti della Raf dritti sulla reggia scambiata per il comando nazista
SABATO, 04 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Genova







Il magazine britannico "The Spectator" dedica un ampio reportage al Palazzo di Andrea Doria e al suo recupero. Nonostante i danni di guerra degli Alleati
Ma l´Inghilterra è stata facilmente "perdonata", visti i numerosi legami matrimoniali proprio in terra britannica, patria dei principi attuali
La principessa Gesine fa da guida al pubblico d´Oltremanica attraverso i tesori d´arte del palazzo "Un posto vivo, non un museo"

DONATELLA ALFONSO
Meno male che i piloti della Raf sbagliarono mira. E che la famiglia Doria Pamphilij non mantenne alcun rancore verso gli Alleati che pure nel ‘44 provarono a ridurre in briciole il palazzo del Principe di Fassolo. Così il numero in uscita oggi di The Spectator, autorevole quanto conservatrice rivista londinese, pubblica nel servizio di apertura della sezione culturale, sotto il titolo "The Seaside Renaissance" (il Rinascimento sulla riva del mare) un ampio reportage di Roderick Conway Morris tutto dedicato alla "reggia" genovese di Andrea Doria. Dove, a fargli da guida, c´è la principessa Gesine, nata peraltro in Inghilterra come il fratello Jonathan, ricorda Morris, e nelle terre d´Albione adottata dalla principessa Orietta Doria Pamphilij che aveva sposato un suddito di Sua Maestà. Un´ottima maniera per convincere britannici appassionati d´arte a muoversi verso ciò che sta alle spalle della Stazione Marittima, magari scendendo da una nave da crociera.
L´articolo si spinge fino nei dettagli a ricordare la storia del palazzo di Fassolo e dei suoi tesori d´arte, costruito da Andrea Doria «il più illustre ammiraglio cristiano del suo tempo», nonché, si legge «il benigno dittatore della città-stato rimanendo peraltro ufficialmente un privato cittadino con il titolo onorario di Pater patriae». Ma, qua e là tra l´ammirazione per lo splendido patrimonio costituito dalla Villa del Principe e per l´operazione di recupero che, come spiega la principessa Gesine «vuole farlo vivere ancora, non trasformarlo in un museo», nel reportage spuntano i ricordi di guerra. E un po´ di imbarazzo per quanto - di male - avrebbero potuto fare gli aerei inglesi e americani. «nel 1944 gli Alleati, erroneamente credendo che la villa fosse diventata il quartier generale dei tedeschi in città, la bombardarono ripetutamente, con sedici lanci proprio sull´edificio e i giardini, mentre il vero comando nazista sulle colline rimaneva intatto». Ma poteva anche andar peggio: «Quando la Soprintendenza alle Belle Arti mise sacchetti di sabbia intorno alla fontana con la statua di Nettuno di fronte al palazzo, l´amministratore della villa sottolineò che poteva sembrare una postazione da cannoni, E proprio per questo venne vista come un obiettivo e colpita», ricorda Gesine Doria Pamphilij nell´articolo dello Spectator. Peraltro, ricorda Roderick Conway Morris, la Raf stava bombardando a tutto spiano la città - e il porto in particolare - anche senza bisogno di essere attirata dai cumuli di sacchetti di sabbia. Ma comuqnue, appunto, la famiglia non se la prese troppo con gli inglesi. Tanto che tre successive generazioni di Doria Pamphilij, nel corso del Novecento, hanno scelto delle spose inglesi. La guerra è lontana, l´abbandono del Palazzo del Principe anche, per fortuna. E ora, con le mappe di Google, sarebbe difficile confondere ancora la reggia di Andrea Doria con un comando nazista.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news