LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ECCO PERCHÉ SAN SALVI NON TORNA ALLA CITTÀ
FABRIZIO ROSSI PRODI
SABATO, 04 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze



Non è un´insieme di organismi architettonici, è un organismo urbano si rende visibile, si offre all´interpretazione e alla vita, e così forma le coscienze dei suoi abitanti. Per questo costruire è prima di tutto un atto morale e poi un tributo civile, non certo un fatto tecnico-economico o burocratico, qual è ridotto dalla legislazione e dalla pratica nostrana. Messa così, ogni distruzione di luoghi apparirebbe una mutilazione dello spirito e una perdita della coscienza, ma noi sappiamo che lo spirito cambia, cambiano le necessità pratiche e che, dell´eredità del passato, dobbiamo continuamente e creativamente liberarci, conservando il meglio; perciò continuiamo a trasformare, demolire e ricostruire i luoghi del nostro abitare, tramandandone la ricchezza ereditata.
Per questo vedo bene un luogo della memoria a San Salvi, magari qualcosa di più interattivo che un museo, forse un centro di informazione che faccia dialogare i cittadini con la psicologia e la psichiatria, sempre più importanti nella nostra vita. E per lo stesso motivo, credo che parti importanti – forse l´intero - della morfologia urbana del quartiere vadano conservate. Ma sospetto che la patologia urbana sia più profonda, perché da tempo si discute di riportare San Salvi alla città, riconvertendolo in parte a residenze, senza che molto accada. Per quali ragioni?
Tenterei una spiegazione tecnica: tutti gli organismi architettonici si adattano a certe funzioni, ma nella loro vita affrontano delle crisi, a volte la crisi è profonda e la trasformazione deve essere più radicale. La domanda allora diviene: i padiglioni si adattano alla funzione residenziale? Perché nessuno vorrebbe che fossero stravolti. E poi c´è un´altra difficoltà: San Salvi non è solo un insieme di organismi architettonici, è addirittura un organismo urbano, cioè un insieme di livello superiore che infrastruttura il paesaggio urbano; una tipologia urbana nota come ospedale a padiglioni, esito della disposizione delle baracche per i feriti dell´esercito prussiano, poi rielaborata dal pensiero razionale e classificatorio della prima modernità. Se non è positivo perdere la memoria di questa morfologia, va detto che oggi questo complesso vive come un´isola separata dal resto della città, mentre avrebbe intorno quartieri pulsanti, da via Aretina a via Rondinella, dalle scuole ai giardini di via del Mezzetta. Invece sta lì isolata e deserta, a tratti insicura. Allora qualsiasi intervento dovrà rompere in più punti i margini murati e creare più varchi e accessi possibili, inventare luoghi di interazione e di vita sociale, in modo da innervare di vitalità pulsante quegli spazi ineffabili un po´ arcadici e diradati – forse metafisici - di San Salvi. Eccoci al dilemma principale: può un ospedale a padiglioni diventare un brano di città, cioè un sistema di luoghi che vive a tutte le ore del giorno e della notte? Come risposta vedo due strade su cui la città dovrebbe interrogarsi: il modello della centralità contro il modello del tessuto urbano. Vediamoli. Nel modello della centralità dovremmo mantenere di San Salvi quanto esiste, confermare la sua specializzazione direzionale e i servizi nei fabbricati diradati nel parco, limitandoci a trasformare solo alcuni padiglioni. Questa scelta – che placa le nostre coscienze - comporta invero delle conseguenze: intanto lasceremmo a San Salvi quel carattere di lacuna un po´ spaesante nel tessuto della città, diversa dalla vivacità rassicurante dell´urbano; e poi la valorizzazione economica sarebbe limitata (con probabile ricaduta sulla sostenibilità degli interventi di riqualificazione), per le difficoltà di trasformare i padiglioni in abitazioni, viste le altezze interne e la maglia delle finestre esistenti, che non sono certo ottimali per la residenza, a meno che non si voglia stravolgere i padiglioni. Che poi è forse il problema per cui San Salvi da anni viene lasciata così come è. Di contro abbiamo Il modello del tessuto urbano: intorno a una cospicua parte di San Salvi, conservata come vera centralità di servizi e parco, si introducono delle attività o densificazioni ai margini dell´area, che ricreino quelle relazioni urbane e quella continuità con la città circostante, che oggi mancano e che riducono il complesso a un´enclave. La perdita di aree verdi, potrebbe essere compensata trasferendo volumetrie da altre periferie più bisognose di San Salvi, e ricreare lì giardini e luoghi pubblici.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news