LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Zubin Mehta contro Bondi «Il ministro è senza vergogna»
di Stefano Miliani
03 settembre 2010 L'Unità

Il direttore d'orchestra Zubin Mehta attacca senza mezzi termini il ministro Bondi: nel gestire male la crisi delle fondazioni liriche e tagli annessi “è senza vergogna”. Il ministro s'arrabbia perché la parola della star internazionale del podio è ascoltata, è interprete raffinato e popolare a un tempo, e il maestro non è certo un “no global” né un comunista. Poi, in soccorso di Bondi, interviene Capezzone. Ci mancava da qualche ora.

Mehta è il direttore del Maggio musicale fiorentino. È a Mantova dove domani e domenica dirige il Rigoletto di Verdi nei luoghi e nelle ore dell'opera (un'operazione già fatta con la Tosca di Puccini a Roma e a Parigi con la Bohème). Indiano, di casa a Firenze, ama il peperoncino ma non è per questa sua golosità che ora si pepato o – come dichiara – «cattivo». Nella città lombarda debutta come baritono e protagonista Placido Domingo.

«Spero che il Rigoletto sia d'ispirazione – interviene Mehta - spero che il governo che taglia a tutti i teatri lo guardi». Mehta si riferisce al Carlo Felice di Genova, dove i dipendenti sono in cassa integrazione – una situazione senza precedenti – e che, come osserva il maestro, è «una tragedia». Mehta non dimentica il “suo” Maggio: con i professori d'orchestra era sceso in piazza proprio contro la riforma firmata da Bondi. E al ministro non le manda a dire, anzi dice fatti veri: «È senza vergogna e non ha il coraggio di venire a Firenze a parlare con noi. Anche con i sindacati di tutta Italia è rimasto a parlare dieci minuti e poi è andato via». Tutto sfortunatamente vero. Anche il mese scorso, ha ricordato Mehta, sul Maggio fiorentino è piombato un colpo di mannaia con un ulteriore taglio di 2 milioni di euro. Non bastasse, lo Stato non pagherà la tournée del coro e orchestra fiorentine della primavera prossima in Giappone «anche se avevano detto che avrebbero pagato i viaggi per le iniziative dei 150 anni dell'Unità d'Italia» (e sono queste le iniziative che danno lustro anche al cosiddetto “marchio” Italia caro al ministro e affini).. «Firenze – ricorda Mehta - è dove è nata l'opera (nel 1600, ndr) e si taglia dove non ci sono grandi industrie come a Torino e Milano. Noi abbiamo Gucci e Ferragamo. Brava la Rai – si rincuora - che non ha cancellato questa produzione all'ultimo momento e non ha tagliato nulla». E se finanziamenti alla cultura soffrono quasi ovunque, appunta il direttore, in Germania hanno tagliato meno che da noi, in Austria va bene mentre «in Italia è una vergogna».

Bondi, di fronte a tanto attacco, è costretto a replicare. «Il maestro non sa di cosa sta parlando. In questi anni il ministero è stato particolarmente vicino al Maggio Musicale Fiorentino, così come a tutte le altre fondazioni liriche in difficoltà». Tralasciando che Mehta sa di cosa parla perché vive in quel mondo e confronta con altri paesi, il ministro insiste: «La situazione del Carlo Felice di Genova, così come altre realtà, non può essere imputata a questo Governo, che anzi si è adoperato per varare una riforma, ampiamente condivisa in Parlamento, ma è dovuta a un quindicennio di dissesti e malagestione». Dopo l'autoassoluzione, «la trasferta del Maggio in Giappone riguarda il 2011, anno per il quale non è ancora stato definito il riparto del Fus (il Fondo unico per lo spettacolo, ndr) né tanto meno preso in considerazione alcun progetto. Conto sul fatto che il maestro Mehta riveda i suoi frettolosi e infondati giudizi offensivi che non merito».

In soccorso di Bondi arriva il salvagente dei salvagente, Daniele Capezzone, portavoce del Pdl: «Spiace e sorprende che una personalità come Mehta si sia abbandonato a un giudizio superficiale e conformista». Se non sapessimo che il direttore non si perita troppo di questo giudizio, dovrebbe sentirsi quasi onorato di simili parole.






news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news