LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Troppi turisti, Sistina ammalata: scienziati a consulto per salvarla
Fabio Isman
Il Messaggero 4/9/2010

Si può soffrire anche per i troppi visitatori: a Parigi, al Louvre, hanno spostato la Gioconda da una sala all'altra, incredibile, perché avesse meno fastidi e fosse più facile controllarne il clima; chi ci va, certo non ci rinuncia: non fa davvero a meno di renderle visita. E così anche, in Vaticano, alla Cappella Sistina. Tanto pubblico significa incassi, biglietti, fama; però anche molti malanni. Ogni visitatore porta umidità (quella del sudore, o del respiro) e polveri: agenti che inquinano. In certi casi, si sono dovuti contingentare: prima di presentarsi davanti agli affreschi di Giotto, nella Cappe!la degli Scrovegni a Padova, o, a Milano, al Cenacolo di Leonardo, occorre passare per stanze di decantazione ; talora, anche se il turista non lo sa, camminare su speciali pavimenti, che catturano la polvere. L'idea, assai brillante, è stata di un mago del restauro e della conservazione, come è Giuseppe Basile. In Vaticano, tutto ci è assai più difficile. Questi pavimenti, dove metterli: magari nelle Stanze di Raffaello? e i luoghi sterili di passaggio, dove mai approntarli? e, ancora: già così è la ressa, figurarsi poi se si allungano i tempi che precedono le visite. La Sistina grande ammalata: malata d'antropia, malata del suo stesso successo. Della sua bellezza assoluta. Del feticcio che da tempo immemore è diventata, e ancora di pi dopo l'ulteriore notorietà che il restauro le ha conferito. All'allarme lanciato dal direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci, segue la conferma di un grande studioso, già soprintendente a Roma, come Claudio Strinati. «Il rischio e il timore per la Cappella sono giustificati»; non c'è luogo in Italia altrettanto sottoposto ad assalti di pubblico. Ma che fare: contingentare gli ingressi? A Roma, succede alla Galleria Borghese, proprio per come è fatta, per la sua morfologia; ma questo non accontenta certo i bilanci, né i tanti che vorrebbero visitarla, e spesso non possono. Forse, l'unica medicina possono essere degli impianti tecnologici, per ovviare, almeno in parte, ai guasti che inevitabilmente il troppo pubblico reca con sé; ma questo, significa quattrini: tanti e tanti quattrini, in tempi, per giunta, abbastanza calamitosi. Insomma, un malessere assai raro: il mal da troppo pubblico (di solito i musei soffrono di una patologia esattamente opposta); e rimedi assai complessi e difficili. Certo che quando, dopo quattro anni che non accadeva, il personale vaticano è andato a spolverare la Volta e il Giudizio di Michelangelo, ma anche i capolavori non minori di Pinturicchio, Botticelli, Perugino, Signorelli, per citarne qualcuno, autentici tesori dell'umanità tutta, di polvere ne ha trovata troppa, e oltre alla polvere anche tanto altro. In più, lo stesso esercizio dello spolvero alle opere d'arte non fa del bene: bisogna dedicarsi ad esso cum grano salis. Insomma, gran brutta situazione, e scelte davvero non facili; nonché - probabilmente - né indolori, né poco costose. Alla faccia di chi vuole sempre più persone in visita nei musei che, spesso, tanta gente non possono davvero sopportare. Il Vaticano ha allungato gli orari di apertura, anche per spalmare maggiormente nel tempo il numero dei visitatori che, sempre e comunque, non rinunciano certo alla Cappella Sistina; ma probabilmente, anche questo non basta. Per due mesi all'anno, i romani possono godere, in situazione assai privilegiata, di aperture serali ogni venerdì: quando il grosso del pubblico manca; ma per i gruppi organizzati ed i turisti, questo rimedio non ha alcun valore. Forse, nuovi impianti di deumidificazione; forse, dei rimedi che, in qualche modo, catturino le polveri al passaggio; ma qualcosa, è certo, deve essere immaginato e va messo in opera. Per fortuna che i Musei Vaticani hanno alla loro testa qualcuno che di tutela e restauro ben si intende, come Paolucci; magari, sarà il caso, come già accadde per il restauro, di mettere attorno a un tavolo tutti i massimi esperti, non soltanto italiani, del settore. Sembra incredibile, ma è così: la Sistina soffre perché è troppo amata. Quanti poi la conoscano davvero, questo è un altro discorso; nel tempo della cultura un po' pressapochista e molto dimenticata, il turista non trascorre a Roma, in media, nemmeno tre giorni. Quando invece, come diceva Silvio Negro, «non basta una vita».



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news