LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Vandali a Palazzo Reale. Sfregiata la statua di Alfonso d'Aragona
Maria Pirro
Il Mattino 4/9/2010

Partite di calcio in piazza, l'effigie di Alfonso d'Aragona perde due dita. La soprintendenza: serve un presidio fisso di polizia
Nuovo sfregio alle statue di Palazzo Reale
La denuncia. Il danno segnalato da una associazione di volontari del centro storico. Un mese fa «amputato» l'indice, ora è andato in frantumi il medio

Sfregiato. E mutilato nuovamente. Colpito dai vandali che tornano nella piazza simbolo di Napoli. Nel mirino Alfonso d'Aragona: la statua del sovrano spagnolo realizzata da Achille D'Orsi e da più di un secolo sistemata sulla facciata di Palazzo reale. «Ignoti hanno lesionato il dito medio della mano destra», segnala Antonio Alfano, presidente di No Comment, associazione impegnata nel monitoraggio del patrimonio artistico anche attraverso laboratori gratuiti di fotografia organizzati nel centro antico. Nell'ambito delle attività sociali, i volontari hanno individuato la lesione. L'ultima di una lunga serie. La statua era infatti stata danneggiata nel corso di altri raid. «Il precedente episodio risale a un mese fa. L'indice della stessa mano era stato anche amputato da ignoti e poi ritrovato per terra dai vigili urbani che ci hanno consegnato due frammenti dell'opera»: allarga le braccia Carlo Caracciolo, storico dell'arte e dirigente della Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologoci di Napoli e Provincia. Ieri mattina il dirigente ha effettuato un sopralluogo per verificare l'ultimo scempio. «Il dito di Alfonso d'Aragona ha subito una nuova frattura, molteplice e netta. Si vede chiaramente che non è una lesione provocata dall'usura del tempo. Più probabilmente, da una pallonata messa a segno dai ragazzi che quasi ogni notte si radunano nella piazza», aggiunge. E assicura: «La prossima settimana sarà realizzato l'intervento di restauro che consentirà di eliminare entrambe le lesioni alla scultura di D’Orsi attraverso un'operazione abbastanza semplice da completare nel giorno di uno, massimo due giornate di lavoro. C'è infatti un'anima metallica all'interno di ogni dito che dovrà essere ricostruita prima di procedere all'integrazione della parte amputata o lesionata». Interventi di restauro noti anche perché già effettuati diverse volte. A partire dal 1993. «In occasione del G7 - ricorda il dirigente della Soprintendenza - il primo, analogo intervento e in seguito almeno altri due. Sulla stessa statua». In vista della visita del presidente della Repubblica era invece stata ripulita la facciata del Palazzo reale. «La pulizia aveva avuto un costo di 30 mila euro - sottolinea Caracciolo - e ha retto per qualche mese ma ora sono ricomparse le scritte realizzate dai writers purtroppo con pennarelli indelebili». Di più. «La piazza nella notte diventa un campo di calcio e non solo. Diventa anche un orinatoio, tanto che siamo stati costretti a chiudere le garitte all'ingresso del Palazzo reale». Degrado, vandali, urina e raid a ripetizione. «Abbiamo anche richiesto - afferma il dirigente - un presidio fisso di vigilanza, sia al commissariato San Ferdinando sia alla polizia municipale sebbene le forze dell'ordine già assicurino un controllo costante della zona». Per Caracciolo, il problema vero è che «dovremmo educare ed essere educati al rispetto dei beni comuni». Di qui l'appello ai napoletani: «Basta poco per fermare un ragazzino che gioca a pallone ed evitare che faccia danni. Deve essere nostra cura difendere quelle statue», così maltrattate fino a oggi. Le opere esposte raffigurano Ruggiero il Normanno, Carlo d'Angiò, Federico II di Svevia. Alfonso d'Aragona è seguito da Carlo V. E poi Carlo di Borbone, Gioacchino Murat, Vittorio Emanuele II. Profili reali che insieme raccontano la storia antica e moderna della città: dominazioni e splendore, ribellioni e speranza.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news