LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Si accendono le luci all’Arengario
Mimmo Di Marzio
Il Giornale - Milano 4/9/2010

Ecco come sarà il nuovo museo del Novecento
A novembre, dopo tre anni di lavori, aprirà l'edificio che ospiterà la collezione delle civiche raccolte milanesi
Una torre di vetro illuminata dal «Neon» di Fontana e 5.000 metri espositivi per 350 capolavori del XX secolo

Eccole le prime immagini del famigerato museo del Novecento che a metà novembre, dopo tre anni di lavori (neanche poi tanto), aprirà i battenti dando degna sede alla collezione delle civiche raccolte milanesi. Siamo entrati nel cantiere e, a giudicare dal fervore e dallo stato delle operazioni, i tempi dovrebbero essere rispettati. Bisogna dirlo: questo museo sarà un fiore all'occhiello per la città e all'inaugurazione la sorpresa dei cittadini sarà superiore alle aspettative. Desterà certamente impressione La grande rampa a spirale a forma di cactus con le sue vetrate incastonate nella struttura razionalista dell'Arengario. Perfetta sintesi tra passato e presente. Marina Pugliese, direttrice scientifica del progetto, saltella veloce sulle scale mobili ancora imbrattate e mostra orgogliosa gli spazi che si apprestano ad accogliere i 350 capolavori selezionati tra le oltre 4.000 opere del «nostro» ventesimo secolo. Mai aggettivo possessivo fu più azzeccato parlando di un museo. Pur abbracciando un secolo di storia dell'arte, l'edificio progettato da Italo Rota e Fabio Fornasari rappresenta infatti un monumento all'identità culturale e artistica di Milano, fulcro di modernità e avanguardia sia nella grande stagione I turista sia in quelle successive fino agli anni'60 quando la città fece da culla a movimenti innovatori come Corrente, lo Spazialismo di Lucio Fontana, il Movimento di Arte Concreta di Bruno Munari, il Gruppo Nucleare di Piero Manzoni, la stessa Arte Povera con Luciano Fabro, unico milanese ma tra i fondatori del gruppo. Il museo del Novecento si presenta dunque come un grande museo «tematico» e ciò lo rende già di per sé interessante perchè, come sottolinea la Pugliese, nasce come un progetto fondato su1contenuto», in un' epoca che pullula di contenitori di un'arte globalizzata. Allo stesso tempo, la struttura è fortemente contemporanea nella concezione di dialogo con la città: le vetrate della torre, suddivisa in tre piani, renderanno «aperti» gli spazi alla strada ospitando un bookshop, sale video e un ristorante stellato (firmato da «Giacomo» di via Sottocorno). Il “cactus», che dall'esterno ha una vaga rassomiglianza con le forme del Guggenheim di New York, renderà sempre accessibile il «Quarto Stato» di Pellizza da Volpedo, mentre all'ultimo piano il grande «Neon» di Lucio Fontana brillerà come un segnale inconfondibile tra piazza Duomo, via Marconi e piazza Diaz. L'accesso al museo, che parte anche dal sotterranei della metropolitana, conduce a un percorso che dalla torre porta ai 3.500 metri quadri di spazi espositivi collegati attraverso un tunnel aereo alla «manica lunga», al secondo piano di Palazzo Reale: altri 1.500 metri destinati ad accogliere la collezione. Le opere saranno suddivise per sale monografiche a partire dal primo piano con quella dedicata a Boccioni e il futurismo, per proseguire con quelle di grandi maestri come De Chirico, Morandi e Arturo Marini. Le sale in grigio chiaro, illuminate con luci a imitazione di quella naturale, daranno spazio anche ad aree dedicate alla didattica e ad approfondimenti su singoli capolavori. Le vetrate e l'ampia terrazza fonderanno le opere a una inusitata visuale aerea dell'architettura razionalista delle piazze circostanti. «La contemporaneità di questo museo – commenta l'assessore Finazzer - risiede proprio nel suo essere un ponte tra ieri e oggi ma anche tra la società civile e il mondo della cultura. D'altronde ripartire dal 900 vuol dire capire che siam tutti figli di questo secolo, che non è il secolo breve descritto da Hobsbawm, ma un secolo… sconfinato».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news