LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal Festival della mente. Paesaggio, costituzione, cemento
Daniele Martinelli
04/09/2010 15:07:26



Piazza Matteotti, scenario della presentazione del settimo Festival della mente e fulcro della manifestazione, è piena in ogni ordine di posto. Tutte le autorità, tra cui l’ospite d’onore di questa giornata inaugurale, Massimo Moratti, assistono a questo primo evento, uno dei più attesi della manifestazione: “Paesaggio come bene comune, bellezza e potere”, tenuto dal direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, Salvatore Settis.

Professore di Storia dell’arte e di archeologia classica, visiting professor di varie università europee e americane e direttore del Getty Research Institute di Los Angeles, l’autore di “Artemidoro” (2008) si presenta sul palco lanciandosi subito in un affondo diretto verso le istituzioni: cita alcune tra le fonti più autorevoli in materia di statistica e ambiente, tra cui l’Istat, per far emergere la situazione, che definisce tragica, in cui sta versando il nostro paese in ambito ambientale.

Colpisce al fianco le varie autorità presenti in platea comunicando che, secondo i dati Istat 2010, la Liguria è la regione più martoriata dal cemento in Italia: dati che fanno male alle centinaia di persone che sono accorse per questo primo evento del Festival; nuovi porti, un posto barca ogni 30 persone, l’abbandono delle campagne e la propensione alla costruzione di nuove abitazioni nelle città affacciate sulla costa sono i dati che il Professore elenca quando parla della nostra regione.

Più case eppure la natalità, in Italia, è ai minimi storici.

Settis parla del paesaggio come di un bene comune che, come dice la stessa costituzione, dovrebbe essere al di sopra del bene del singolo. Riporta alla lettera citazioni riguardanti l’Italia di alcuni dei più importanti artisti della storia mondiale che vedevano nel “bel paese” la pietra miliare Europea, “la terra dove finire i propri giorni”, riportando Goethe.

Tutto ruota attorno alla bellezza, la perfetta fusione tra natura e cultura, l’equilibrio, così radicato nel 600, tra la campagna e la città dove l’agricoltura non era vista solo come forma di sostentamento ma come parte integrante dello splendore paesaggistico Italiano, “l’invidia di tutta l’aristocrazia europea”.

Ma tutto cambia, la bellezza diventa la bruttezza: cemento.
In 15 anni, dal 1990 al 2005, sono più di 3 milioni gli ettari tolti alla superficie agricola: il 17% in meno. Secondo un dossier del Wwf, datato 2010, 244 mila ettari l’anno vengono privati alla campagna e utilizzati per nuove costruzioni e, il record Italiano, spetta ancora una volta alla nostra regione con il 45,55% di territorio rurale in meno; si è giunti ad una situazione di saturazione spaziale che non mette a rischio solo la nostra “terra” ma soprattutto quella delle generazioni future.
Viene a mancare il suolo essenziale per la produzione alimentare, il continuo utilizzo di cemento implica conseguenze permanenti e irreversibili: -“Stiamo divorando il nostro paesaggio, priviamo le generazioni future di un bene fondamentale e indispensabile”, “ci stiamo comportando come cavallette che occupano uno spazio e lo consumano per poi spostarsi in un altro, mentre dovremmo comportarci come erbivori che basano il consumo sulla stabilità e sul controllo”.

Le parole di Settis raccolgono applausi da ogni angolo del tendone issato in Piazza Matteotti per questa tre giorni di eventi culturali: fa male rendersi conto di tutto ciò ma è importante, anzi fondamentale, avere qualcuno che ci ricordi che la terra non è infinita.

http://www.cittadellaspezia.com/Sarzana/Cultura-e-Spettacolo/Dal-Festival-della-mente-Paesaggio-67499.aspx


news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news