LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - TURISMO - «Siamo cicale arroganti»
MARIO LANCISI
DOMENICA, 05 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Toscana




L’allarme dell’esperto: servono idee e investimenti

Pammolli (Imt). «Ottimi imprenditori, ma occorre coraggio»



«La fabbrica turismo in Toscana esercita ancora una forte attrazione, ma attenzione a cullarsi sugli allori. La crisi è dietro l’angolo, se non si interviene con adeguate politiche di innovazione, investimento e riforma». E’ quanto sostiene Fabio Pammolli, direttore dell’Imt di Lucca, esperto di economia e editorialista di varie testate. «Il rischio è che si continui a lucrare sulle ricchezze artistiche e paesaggistiche - aggiunge Pammolli-. Che ci si comporti in definitiva da cicale. E in maniera arrogante e supponente, pensando: tanto i turisti arrivano. No, non funziona più così. La concorrenza mondiale si è fatta molto agguerrita».
Da quali elementi scaturisce il suo allarme?
«Intanto dai dati. E ancora presto per sapere come è andata l’estate del 2010, ma le previsioni e le impressioni degli operatori ci dicono che nella migliore delle ipotesi abbiamo confermato il 2009. Che però è stato l’anno peggiore. In breve: dal fondo risaliamo con grande fatica. Si vive in una sorta di stagnazione. E si badi bene: questo quadro non positivo emerge in una situazione in cui i voli low cost ci hanno avvicinato al mondo».
Gli altri elementi?
«Riguarda la “fabbrica” turismo: chi la gestisce spesso non si rivela all’altezza. E non sono stati risolti i problemi infrastrutturali e ambientali della nostra regione, senza i quali il turismo è un pesce fuor d’acqua. In definitiva io vedo il rischio di un’offerta turistica senza identità, senza anima, senza quel marchio forte indispensabile per qualsiasi prodotto».
Procediamo con ordine. Cosa inputa a chi lavora nel turismo?
«Premesso che il mio è un ragionamento generale perché anche in Toscana ci sono fior di imprenditori turistici, io ritengo che in generale occorra più coraggio nell’investire e nell’innovare. Non è un caso che i dati ci rivelino che là dove l’offerta turistica si è rinnovata il tasso di presenze è stato più elevato».
Per innovare bisogna investire...
«Lo so che molti dicono: ma chi me lo fa fare, tanto la gente viene lo stesso. Finora la Toscana ha vissuto una posizione di rendita: bel paesaggio, tesori d’arte, ottimo clima. Ma non è più così. I turisti scoprono sempre nuove zone, magari anche meno belle delle nostre, ma dove l’offerta turistica è migliore. Detta in breve: se vogliamo rilanciare il turismo bisogna mettere mano al portafoglio e avere grandi idee».
Un altro limite preoccupante?
«Non consideriamo il turismo come un ammortizzatore sociale. Troppi improvvisati si sono messi a gestire bar, ristoranti, alberghi, breakfast o agriturismi. Risultato? Prezzi alti, qualità del servizio scadente».
Esempi?
«Chi viene in Toscana lo fa seguendo una propria rappresentazione idealizzata del nostro territorio. E’ importante non deludere queste aspettative e fornire servizi capaci di innovare e, allo stesso tempo, di affermare le nostre tradizioni. Per cui anche nel ristorante dove si spende poco non è tollerabile in Toscana bere un vino cattivo, mangiare un pane gommoso e condire le verdure con un olio scadente. Cioè tre prodotti tipici della nostra terra: il vino, il pane e l’olio».
Un altro punto a suo parere critico?
«Diciamo che siamo in mezzo al guado. Rischiamo di non essere nè carne e nè pesce. Offriamo un prodotto che in alcune circostanze non ha un marchio riconoscibile, forte».
Esempi?
«Ne faccio tre: Forte dei Marmi, Pietrasanta e Viareggio. Le prime due hanno una loro identità. Forte dei Marmi ha un turismo di élite, anche se deve stare attenta perché i russi non sono eterni. Pietrasanta è una piccola Atene con le sue proposte culturali. Viareggio invece non è né Rimini e né Forte. Una località ibrida».
Fin qui gli imprenditori. E gli amministratori pubblici?
«Occorre in Toscana una più adeguata rete infrastrutturale, che è la condizione fondamentale per vendere pacchetti turistici integrati. Chi arriva a Firenze e vuole andare a Siena - ad esempio - si deve sobbarcare viaggi in treno che risultano spesso insopportabili, lunghi, impossibili. Chi vuole andare a Grosseto o all’Argentario non ha uno scalo aereo vicino che sia davvero adeguato e per quanto riguarda la Tirrenica siamo all’anno zero. Nell’area metropolitana fiorentina c’è l’Alta velocità, ma la sinergia con l’aeroporto e carente».
A sindaci cosa chiede?
«Che tengano pulite le loro città. Come promette ad esempio Matteo Renzi a Firenze. E magari che controllino di più gli operatori turistici perché il rapporto qualità e prezzo sia sempre di più competitivo».
Il governatore Rossi vuole abolire le Apt.
«Finora le Apt hanno funzionato poco. Centralizzare la promozione turistica mi sembra un’ottima idea. Purché non si sbagli bersaglio...».
Dove ha passato le ferie?
«In un paesino della Tunisia. Posto meno bello della mia Versilia, ma più vantaggioso e accogliente, dove ho speso meno che andando a Viareggio. Ecco perché dico: attenti, non c’è solo la Toscana. Oggi, grazie anche ai voli aerei meno costosi, si può raggiungere il mondo anche con pochi soldi».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news