LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pianosa, l'isola che va in pezzi: accanto all'ex carcere c'è un nuovo depuratore, ma non funziona
IL SECOLO XIX 05/09/2010


È semiabbandonata: scuola transennata, case cadenti


roberto scarcella

LA SCUOLA ormai cade a pezzi. Nessuno però impara più nulla da anni in quelle aule. E non perché mancano gli insegnanti. Nell'isola di Pianosa, nell'arcipelago toscano, a mancare è la popolazione al completo. Fino al 1998 c'era un carcere: poi - dopo la chiusura - l'isola è diventata un'area protetta all'interno del comprensorio dell'Elba.
A salvarsi, da quel giorno, sono gli animali, le piante. Non i palazzi di questo luogo storico, che ospitò dietro le sue sbarre perfino il futuro presidente della Repubblica Sandro Pertini. Era il 1932: all'epoca Pianosa era un luogo abitato. Perlopiù carcerati. Ma non solo. In quell'avamposto in mezzo al Tirreno, c'era un paesello che viveva, riempiva le case, mandava i suoi figli a scuola. In parole povere, Pianosa "esisteva".
Ora è diventata l'isola che non c'è. Restituita a flora e fauna, ma semi-abbandonata dagli umani, Pianosa mostra in modo evidente i segni di un rapido decadimento. Le transenne di sicurezza sono già state piazzate lungo i muri della scuola: non ci vive nessuno, ma non si sa mai. I turisti, infatti, non mancano. Altrove, per chi dovesse visitare l'isola, il rischio di essere colpiti dal calcinacci venuti giù da un palazzo sono concreti.
In questi giorni a denunciare lo stato degli immobili di Pianosa sono stati gli stessi amministratori dell'isola. Giuseppe Foresi, il referente della giunta locale, per gli affari di Pianosa non ha peli sulla lingua: «L'isola, a poco a poco, sta cadendo a pezzi. E noi non vogliamo passare per amministratori che non fanno nulla per recuperare questo enorme patrimonio». Per riuscire nel suo intento, Foresi ha già adottato una serie di provvedimenti urgenti. L'interdizione al pubblico degli edifici della vecchia scuola è solo l'inizio: si trovano in un'area lontana dal porticciolo e difficilmente un turista li visita. Il cartello di divieto di transito comunque è in bella mostra. «Fra le critiche che ci hanno rivolto c'è pure lo stato in cui versano le fogne. Hanno detto che sono pessime e fatiscenti».
Sembrerebbe strano. Perché un depuratore c'è. Nuovo di zecca. È stato costruito non lontano dalla nuova caserma, pagata con soldi pubblici e mai utilizzata: 54 posti letto e molte aree destinate alla socializzazione. Un controsenso, in un luogo che ormai non conta nemmeno un abitante. Il caso vuole che il depuratore, così come la caserma, sia stato consegnato alla vigilia della chiusura del carcere. Tutto era pronto, ma ormai destinato ai fantasmi dell'isola.
Quel che è rimasto è il passato: i vecchi telefoni a gettone, le celle vuote e cadenti del vecchio carcere, i muri a secco lungo le stradine bianche e polverose, il muro "Dalla Chiesa", quello che isolava i mafiosi dai detenuti comuni. E case, bellissime, ma erose dal sole e dal salmastro. E poi le zecche, che ti si attaccano ai piedi. Il resto sono parole al vento, come quelle dell'archeologo Michelangelo Zecchini. Ha provato ad illuminare Pianosa e il suo degrado, soprattutto quello attorno ai «resti della villa di Agrippa Postumo, nipote dell'imperatore Augusto». «Fra le tante, magnifiche architetture bimillenarie di cui l'Italia può essere orgogliosa - ha detto Zecchini - c'è questo piccolo gioiello di eccezionale importanza storica: i Bagni di Agrippa». Pare il suo valore sia inestimabile. Ma per ora resta lì, malinconico, fino a che le transenne non lo circonderanno.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news