LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La signora dell’arte. Maria Grazia Lungarotti: ha dato un nome a due musei e a quattro vini
di MARISA FUMAGALLI
CORRIERE DELLA SERA 6 set 2010 Roma





Troppo facile chiamarla «signora del vino». Certo, alla vite e alla viticultura si dedica da una vita. Lei ha inventato il « Rubesco » , marchio celebre diventato sinonimo dell' azienda di famiglia. Lei ha avuto la felice intuizione di collegare il vino alla cultura e al turismo. Lei ha creato un paio di musei, che attirano visitatori da tutto il mondo. Insomma, Maria Grazia Marchetti Lungarotti, 84 anni, nata a Gubbio, tre figli da due matrimoni (il primo marito, il magistrato Luigi Severini, morì molto presto), è una di quelle donne che lasciano il segno. Eppure, i numerosi riconoscimenti avuti da prestigiose istituzioni non l'hanno trasformata in un monumento. La sua testa e il suo cuore continuano sfornare idee. «Oggi, al mio fianco ci sono le figlie Teresa e Chiara. Prima, c'era lui, Giorgio, con il quale ho condiviso molte avventure - dice - È scomparso nel 1999, il nostro è stato un lungo e proficuo sodalizio». Maria Grazia Lungarotti ha il portamento fiero, lo sguardo dolce. E una storia da raccontare. Che potrebbe riassumersi così: come aggirare un marito che si dedica a un progetto importante coinvolgendo la moglie, mentre lei, quasi tramando alle sue spalle, ne realizza uno migliore. Grandioso.

Per entrare nelle trame di Maria Grazia, che narrano di vino e archeologia, occorre fissare un punto fermo: la signora Lungarotti, laureata in Lettere alla Sapienza, coltiva da sempre una passione forte, l’arte. Nella regione in cui è nata e vive, l’Umbria, l’arte è elemento naturale, il respiro del territorio. La sua avventura è qui. Dentro il Museo del Vino, aperto al pubblico nel 1974, a Torgiano, nella pars agricola del secentesco palazzo Graziani-Baglioni. «L'idea venne a Giorgio - racconta - ispirandosi a ciò che andavamo vedendo durante i nostri viaggi in Francia. I musei della civiltà contadina, tra rivendicazioni sociali e nostalgie folcloristiche, erano in voga, allora. In mostra, c’erano botti e attrezzi agricoli, antiche bottiglie, cavatappi, suppellettili. Mio marito aveva in mente una cosa così. Io, invece, volevo lavorare a un’idea di ampio respiro. Pensavo cioè che si potesse applicare alle arti minori la mia visione dinamica delle esposizioni: narrare, attraverso l’arte, usi, costumi, economia, società. In una parola, la Storia».

«Mentre Giorgio cercava attrezzi, facevo ricerche di archivio, consultazioni bibliografiche, inchieste sul terreno - continua Maria Grazia Lungarotti - Quindi, cominciai a pensare ai pezzi archeologici da raccogliere». Il primo colpo fu l'acquisto di una kilyx (VI secolo a.c.), con iscrizione firmata da Phrinos. «Sapevo che di queste coppe antiche ve n’erano 3 in tutto il mondo: una a Boston, una al British Museum e la terza si trovava da un grosso collezionista. La ottenni da lui, pagandola 5 milioni di lire. Erano gli anni ’60», osserva. Per fortuna, la signora disponeva di un patrimonio personale che le consentì di muoversi senza dipendere dal marito. «Ma poi - dice, in tono scherzoso - ebbi modo di farmi restituire la somma da Giorgio». Un altro pezzo di cui va molto fiera è una grande hydria del XIV secolo con centauro leontiforme e sirena, che proviene dalla bottega di Orazio Fontana. «Quando l’acquistai, era frantumata in grossi pezzi - spiega - La portai a Liverani, direttore dell’Istituto della ceramica di Faenza, che la ricompose con un restauro esemplare. Infine, mostrai a Giorgio i miei tesori». Il risultato è un Museo del Vino con pochi competitori al mondo e un flusso annuale di 20.000 visitatori. Dal 1974. E, nel Duemila, un anno dopo la scomparsa di Giorgio Lungarotti, apre il Museo dell’Olivo e dell’Olio, ispirato alla stessa filosofia. Nel frattempo, Maria Grazia diventa direttrice della Fondazione Lungarotti, che promuove la salvaguardia del patrimonio ambientale, culturale ed artistico. La cultura e il gusto della «signora del vino» entrano anche nelle attività strettamente imprenditoriali della famiglia: nel relais le «Tre vaselle», nell'«Osteria del Museo»; e, naturalmente, in cantina. Dove la creatività si è espressa nel trovare nomi di charme per le etichette delle bottiglie Lungarotti. Conferma: «Almeno quattro sono sicuramente inventati da me: Rubesco, Falò, Brezza, Aurente».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news